OMCeO, Enti e Territori 10 Settembre 2018

Catania, al via il congresso: “I progressi della terapia antiinfettiva”

Potrebbe sembrare un controsenso o una vera e propria utopia, ma non è fantasioso dover ancora parlare di resistenza agli antibiotici. Anzi quello che è diventato un vero e proprio fenomeno, rappresenta una delle questioni più importanti per la sanità a livello mondiale. È solo uno dei numerosi argomenti che verranno trattati nel corso di […]

Potrebbe sembrare un controsenso o una vera e propria utopia, ma non è fantasioso dover ancora parlare di resistenza agli antibiotici. Anzi quello che è diventato un vero e proprio fenomeno, rappresenta una delle questioni più importanti per la sanità a livello mondiale.

È solo uno dei numerosi argomenti che verranno trattati nel corso di un congresso che si svolgerà venerdì 14 settembre all’hotel Nettuno di Catania e che sarà dedicato ai ‘Progressi della terapia antiinfettiva’. Con il coordinamento scientifico del professor Bruno Cacopardo, direttore unità operativa Malattie Infettive Ospedale Garibaldi Catania, chirurghi, biologi e farmacisti ospedalieri si confronteranno sugli aspetti di gestione terapeutica delle infezioni complicate da ‘gram’ negativi multiresistenti in base agli aspetti microbiologici, ai protocolli di terapia empirica e all’utilizzo di nuovi farmaci.

“Una serie di eventi e di condizioni, in parte cliniche, cioè dovute al comportamento del medico, – spiega il professor Bruno Cacopardo – in parte microbiologiche hanno prodotto una consistete evoluzioni della resistenza dei principali microrganismi nei confronti dei più importanti e diffusi antibiotici di cui disponiamo. Un problema da correlare ad un cattivo e, a volte, ingiustificato uso di antibiotici in ospedale e fuori dall’ospedale”.

Durante il convegno oltre che all’identificazione dei microrganismi più resistenti e più impegnativi da trattare, si concentrerà su uno dei progressi principali delle antibiotico terapie, se è vero che dopo almeno 15 anni si assiste alla produzione di nuovi antibiotici proprio per fronteggiare la capacità di resistenza dei microrganismi.

Non mancherà durante i lavori uno spazio dedicato alle infezioni di ulcere croniche, alle infezioni urinarie e intraddominali, alla colite, ma anche alla Sepsi.

“Si tratta – spiega il professor Cacopardo – di una condizione intermedia: da un lato la presenza di batteri nel sangue di un paziente, ovvero di un’infezione che dopo essersi localizzata in un organo, tende a disseminare e quindi a passare nel circolo del sangue. Da un altro lato la risposta aberrante del sistema immunitario e dei meccanismi infiammatori che regolano le difese del nostro organismo”.

Spazio anche all’analisi dei progressi delle terapie nei casi di epatite: numeri ancora alti quelli delle morte per tali patologie, circa 20 mila all’anno.

“Numeri che diminuiranno presto – continua il professor Cacopardo – perché mai come nel settore dell’epatite virale assistiamo ad un fiorire di nuovi farmaci destinati o a smorzare e fermare la patologia, come nel caso dell’epatite B, o a deradicare la malattia come nel caso dell’epatite C”.

Non mancherà poi uno spazio dedicato alle conseguenze degli imponenti fenomeni migratorio degli ultimi anni che hanno messo a dura prova l’infettivologo, se è vero che molte di queste persone provengono da zone del mondo ad alto tasso di endemia, ovvero ad alta circolazione di malattie infettive.

Articoli correlati
Casa di Cura La Madonnina, prima struttura privata lombarda a dotarsi di una colonna con la fluorescenza
Per la prima volta in una struttura privata lombarda approda un’apparecchiatura innovativa che permette ai chirurghi di “vedere l’invisibile”. La Casa di Cura La Madonnina, afferente al Gruppo San Donato, ha infatti acquistato una colonna con la fluorescenza, destinata principalmente alla chirurgia laparoscopica e basata sul principio della fluorescenza, che utilizza le proprietà di alcune […]
Giornata dell’Acqua, Uricchio (IRSA-CNR): «Quella italiana in ‘buona salute’, ma attenzione a microplastiche e all’uso degli antibiotici negli allevamenti. E sulle minerali…»
Alla Camera celebrata la Giornata Mondiale con l’evento “Acqua pubblica, una sfida globale”. Daga (M5S): «Ridando ai cittadini la gestione del servizio idrico integrato si avrà a cuore la qualità delle acque». Il Direttore IRSA-CNR parla anche delle acque minerali: «Italia terzo consumatore mondiale: giusto equiparare i parametri a quelli delle acque potabili, ora limiti sono troppo diversi»
Salute e migrazioni, al via convegno a Palermo. AME: «Arrivano sani, si ammalano qui»
L’Associazione Medici Endocrinologi si riunisce a Palermo: «Nessuna minaccia per la salute pubblica»
Roma, al Gemelli Antonio Monda conversa con pazienti, medici e studenti su verità e fake news
Giovedì 21 marzo, alle ore 16, la Sala MediCinema del Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma ospiterà Antonio Monda, scrittore e docente di cinema presso la New York University e direttore artistico della Festa del Cinema di Roma, per una conversazione con pazienti, medici, operatori sanitari e studenti su verità e fake news. L’occasione di questa speciale conversazione è l’uscita del […]
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone