Voci della Sanità 10 Settembre 2018

Catania, al via il congresso: “I progressi della terapia antiinfettiva”

Potrebbe sembrare un controsenso o una vera e propria utopia, ma non è fantasioso dover ancora parlare di resistenza agli antibiotici. Anzi quello che è diventato un vero e proprio fenomeno, rappresenta una delle questioni più importanti per la sanità a livello mondiale. È solo uno dei numerosi argomenti che verranno trattati nel corso di […]

Potrebbe sembrare un controsenso o una vera e propria utopia, ma non è fantasioso dover ancora parlare di resistenza agli antibiotici. Anzi quello che è diventato un vero e proprio fenomeno, rappresenta una delle questioni più importanti per la sanità a livello mondiale.

È solo uno dei numerosi argomenti che verranno trattati nel corso di un congresso che si svolgerà venerdì 14 settembre all’hotel Nettuno di Catania e che sarà dedicato ai ‘Progressi della terapia antiinfettiva’. Con il coordinamento scientifico del professor Bruno Cacopardo, direttore unità operativa Malattie Infettive Ospedale Garibaldi Catania, chirurghi, biologi e farmacisti ospedalieri si confronteranno sugli aspetti di gestione terapeutica delle infezioni complicate da ‘gram’ negativi multiresistenti in base agli aspetti microbiologici, ai protocolli di terapia empirica e all’utilizzo di nuovi farmaci.

“Una serie di eventi e di condizioni, in parte cliniche, cioè dovute al comportamento del medico, – spiega il professor Bruno Cacopardo – in parte microbiologiche hanno prodotto una consistete evoluzioni della resistenza dei principali microrganismi nei confronti dei più importanti e diffusi antibiotici di cui disponiamo. Un problema da correlare ad un cattivo e, a volte, ingiustificato uso di antibiotici in ospedale e fuori dall’ospedale”.

Durante il convegno oltre che all’identificazione dei microrganismi più resistenti e più impegnativi da trattare, si concentrerà su uno dei progressi principali delle antibiotico terapie, se è vero che dopo almeno 15 anni si assiste alla produzione di nuovi antibiotici proprio per fronteggiare la capacità di resistenza dei microrganismi.

Non mancherà durante i lavori uno spazio dedicato alle infezioni di ulcere croniche, alle infezioni urinarie e intraddominali, alla colite, ma anche alla Sepsi.

“Si tratta – spiega il professor Cacopardo – di una condizione intermedia: da un lato la presenza di batteri nel sangue di un paziente, ovvero di un’infezione che dopo essersi localizzata in un organo, tende a disseminare e quindi a passare nel circolo del sangue. Da un altro lato la risposta aberrante del sistema immunitario e dei meccanismi infiammatori che regolano le difese del nostro organismo”.

Spazio anche all’analisi dei progressi delle terapie nei casi di epatite: numeri ancora alti quelli delle morte per tali patologie, circa 20 mila all’anno.

“Numeri che diminuiranno presto – continua il professor Cacopardo – perché mai come nel settore dell’epatite virale assistiamo ad un fiorire di nuovi farmaci destinati o a smorzare e fermare la patologia, come nel caso dell’epatite B, o a deradicare la malattia come nel caso dell’epatite C”.

Non mancherà poi uno spazio dedicato alle conseguenze degli imponenti fenomeni migratorio degli ultimi anni che hanno messo a dura prova l’infettivologo, se è vero che molte di queste persone provengono da zone del mondo ad alto tasso di endemia, ovvero ad alta circolazione di malattie infettive.

Articoli correlati
Giornata mondiale epatite, Andreoni (SIMIT): «Italia in linea con obiettivi OMS, ma servono fondi per farmaci»
Nel mondo 325 milioni di individui soffrono di epatite B e C e, ogni anno, 1 milione 400 mila persone perdono la vita. Il direttore scientifico SIMIT: «Il virus dell’epatite C può essere curato con farmaci che garantiscono il 95% di successo. Le terapie per l’epatite B sono in grado solo di bloccare la malattia»
di Isabella Faggiano
Migranti, il Viminale requisisce navi e strutture per isolare i positivi al Covid
Arrivano proteste da Sicilia e Calabria per gli arrivi di migranti positivi al coronavirus. Lamorgese procederà a requisire navi e caserme per l'isolamento
Emofilia: che cos’è, i sintomi, le terapie e tutti i numeri. Intervista all’esperta
La responsabile del Centro Emofilia di Cesena: «Non abbiamo ancora una cura definitiva. Le novità più interessanti arrivano dalle terapie che determinano un equilibrio coagulativo e possono essere somministrate a livello sottocutaneo»
Lazio, Senior Italia FederAnziani: «Ecco le soluzioni per ridurre le liste d’attesa»
Telemonitoraggio, aumento ore specialisti, informatizzazione. Le proposte lanciate da Senior Italia FederAnziani che ha messo a confronto società scientifiche e organizzazioni sindacali di medici con la Regione Lazio
Alimentazione del bambino: ecco come prevenire gli squilibri del microbioma intestinale e del sistema immunitario
Dal CEINGE di Napoli in collaborazione con l’Università di Milano e l’Humanitas, lo studio sull’alimento che difende i bambini da infezioni ed allergie attraverso una positiva modulazione del microbioma intestinale e del sistema immunitario
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 agosto, sono 18.288.573 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 693.805 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»