Voci della Sanità 10 Settembre 2018 14:48

Catania, al via il congresso: “I progressi della terapia antiinfettiva”

Potrebbe sembrare un controsenso o una vera e propria utopia, ma non è fantasioso dover ancora parlare di resistenza agli antibiotici. Anzi quello che è diventato un vero e proprio fenomeno, rappresenta una delle questioni più importanti per la sanità a livello mondiale. È solo uno dei numerosi argomenti che verranno trattati nel corso di […]

Potrebbe sembrare un controsenso o una vera e propria utopia, ma non è fantasioso dover ancora parlare di resistenza agli antibiotici. Anzi quello che è diventato un vero e proprio fenomeno, rappresenta una delle questioni più importanti per la sanità a livello mondiale.

È solo uno dei numerosi argomenti che verranno trattati nel corso di un congresso che si svolgerà venerdì 14 settembre all’hotel Nettuno di Catania e che sarà dedicato ai ‘Progressi della terapia antiinfettiva’. Con il coordinamento scientifico del professor Bruno Cacopardo, direttore unità operativa Malattie Infettive Ospedale Garibaldi Catania, chirurghi, biologi e farmacisti ospedalieri si confronteranno sugli aspetti di gestione terapeutica delle infezioni complicate da ‘gram’ negativi multiresistenti in base agli aspetti microbiologici, ai protocolli di terapia empirica e all’utilizzo di nuovi farmaci.

“Una serie di eventi e di condizioni, in parte cliniche, cioè dovute al comportamento del medico, – spiega il professor Bruno Cacopardo – in parte microbiologiche hanno prodotto una consistete evoluzioni della resistenza dei principali microrganismi nei confronti dei più importanti e diffusi antibiotici di cui disponiamo. Un problema da correlare ad un cattivo e, a volte, ingiustificato uso di antibiotici in ospedale e fuori dall’ospedale”.

Durante il convegno oltre che all’identificazione dei microrganismi più resistenti e più impegnativi da trattare, si concentrerà su uno dei progressi principali delle antibiotico terapie, se è vero che dopo almeno 15 anni si assiste alla produzione di nuovi antibiotici proprio per fronteggiare la capacità di resistenza dei microrganismi.

Non mancherà durante i lavori uno spazio dedicato alle infezioni di ulcere croniche, alle infezioni urinarie e intraddominali, alla colite, ma anche alla Sepsi.

“Si tratta – spiega il professor Cacopardo – di una condizione intermedia: da un lato la presenza di batteri nel sangue di un paziente, ovvero di un’infezione che dopo essersi localizzata in un organo, tende a disseminare e quindi a passare nel circolo del sangue. Da un altro lato la risposta aberrante del sistema immunitario e dei meccanismi infiammatori che regolano le difese del nostro organismo”.

Spazio anche all’analisi dei progressi delle terapie nei casi di epatite: numeri ancora alti quelli delle morte per tali patologie, circa 20 mila all’anno.

“Numeri che diminuiranno presto – continua il professor Cacopardo – perché mai come nel settore dell’epatite virale assistiamo ad un fiorire di nuovi farmaci destinati o a smorzare e fermare la patologia, come nel caso dell’epatite B, o a deradicare la malattia come nel caso dell’epatite C”.

Non mancherà poi uno spazio dedicato alle conseguenze degli imponenti fenomeni migratorio degli ultimi anni che hanno messo a dura prova l’infettivologo, se è vero che molte di queste persone provengono da zone del mondo ad alto tasso di endemia, ovvero ad alta circolazione di malattie infettive.

Articoli correlati
Chirurgia, Basile (Sic): «Recuperare il milione di interventi saltati per la pandemia»
Istituito tavolo tecnico al Ministero della salute per recuperare gli interventi chirurgici sospesi durante la pandemia. Il presidente della Società italiana di chirurgia: «Abbiamo bisogno di soluzioni per poter garantire in tempi brevi l’operazione ad ogni paziente»
Allattamento al seno, va garantito anche in caso di ricovero. Ecco come
L’interruzione dell’allattamento al seno nuoce alla salute di mamme e piccoli. Dal Gruppo di lavoro multiprofessionale coordinato dal Tavolo Tecnico Operativo interdisciplinare (TAS) del Ministero della Salute le linee di indirizzo per consentire alla madre di stare con il suo bambino in caso di ospedalizzazione e viceversa
di Isabella Faggiano
L’86% degli italiani ha utilizzato la telemedicina per la prima volta durante la pandemia
L’Italia è fra i paesi europei che ha dichiarato che userà di più la telemedicina in futuro (71%) dopo la Francia (72%). Il 45% degli italiani l’ha trovata molto comoda per evitare contagi, ma un 22% non ha ancora l’intenzione di provarla perché preferisce il rapporto personale o non si fida
Covid-19, ecco i criteri di appropriatezza per i setting assistenziali di gestione ospedaliera dei pazienti
L’Agenas pubblica l’aggiornamento del documento elaborato dal gruppo di lavoro coordinato dal professor Matteo Bassetti
Medicina di gruppo vs Case di Comunità: il modello che concilia prossimità e accentramento degli MMG
Nel sud della provincia di Padova, Giovanni Guastella racconta come funziona l’organizzazione: «C’è una sede centrale aperta h12 e tanti ambulatori nei paesi più piccoli. Noi ci dividiamo tra queste realtà»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco