Voci della Sanità 12 Settembre 2017

Breast unit al Fatebenefratelli per la cura del tumore al seno

Nel nuovo Centro integrato di Senologia per il trattamento delle patologie mammarie dell’Ospedale Fatebenefratelli-Isola Tiberina nasce la breast unit per il tumore al seno

Da sempre l’Ospedale Fatebenefratelli rappresenta un punto di riferimento per le donne e lo sarà ancora di più grazie alla breast unit,  un percorso diagnostico e terapeutico multidisciplinare pensato per accompagnare e supportare la donna durante il trattamento della malattia. Si tratta di un team di specialisti impegnati in vario modo nel lavoro di diagnosi e cura delle neoplasie mammarie: chirurgo senologo e plastico, patologo, radiologo, oncologo, radioterapista, ginecologo, psicologo, medico genetista.

Il tumore al seno colpisce in Italia una donna su 10 ed è il più frequente nelle donne; secondo i dati del Fatebenefratelli ci sono circa 48 mila nuovi casi ogni anno, di cui 4mila solo nella Regione Lazio. Nonostante l’incidenza, il tumore della mammella ha però un tasso di sopravvivenza media sempre più alta: dal 76% degli anni’80 a oltre il 90% degli anni 2000. Le motivazioni sono da ricercarsi non solo nell’implementazione dei programmi di screening e nella disponibilità di terapie mediche innovative sempre più mirate ma anche, e soprattutto, nella diffusione dei Centri di Senologia o breast unit.

Questi centri garantiscono le migliori terapie e la migliore qualità della vita alle pazienti affette da questa patologia, raccogliendo le competenze di tutti gli specialisti coinvolti per fornire terapie personalizzate conformi a linee guida costantemente aggiornate. «Le chance di guarigione sono maggiori in Centri di qualità» afferma Patrizia Frittelli, direttore dell’Unità di Chirurgia senologica dell’Ospedale. «Oggi le donne sono particolarmente informate sul tumore alla mammella – continua -. L’impegno che ci prefiggiamo come ospedale è quello di adeguare costantemente il lavoro del nostro team alle linee guida internazionali e quindi agli indicatori stabiliti in particolare da Eusoma (European society of breast cancer specialists), per assicurare alla donna l’applicazione degli standard diagnostici e terapeutici più elevati».

Articoli correlati
Frattura del femore nell’anziano: al Fatebenefratelli lo specialista ‘a casa’ con un click
Il nuovo servizio gratuito di videovisita dal Fatebenefratelli-isola tiberina. Con lo smartphone e l’aiuto di un figlio o di un nipote, lo specialista potrà valutare in diretta la mobilità del paziente
Umberto I, positivo infermiere. Ha avuto contatti con collega del San Raffaele Pisana
«Un infermiere del Policlinico Umberto I, operante presso il reparto di Malattie Tropicali, dopo aver informato il Medico Competente di aver accusato sintomi febbrili è stato invitato a restare a casa e ad effettuare il tampone naso-faringeo, che ha dato esito positivo». Così l’ospedale romano in un comunicato. LEGGI ANCHE: ‘COVID-19 IL VIRUS DELLA PAURA’, […]
Tumore al seno e diagnosi precoce, anche la FNO TSRM e PSTRP aderisce ad appello per screening mammografico
L’emergenza Covid-19 ha di fatto congelato ogni esame preventivo. Ad oggi è necessario riprendere i necessari controlli a tutela della salute delle donne. Anche il maxi Ordine delle professioni sanitarie aderisce all’appello congiunto delle associazioni delle donne e delle società scientifiche
Ospedale sicuro, Santini (Campus): «Con triage telefonico e televisita meno attese e maggiore tutela per i pazienti oncologici»
Al Campus Bio-Medico riorganizzato il Day-Hospital di oncologia. Il Responsabile Daniele Santini: «Nessun caso di covid nei nostri pazienti: attivati percorsi protetti e tutte le precauzioni necessarie per ridurre al massimo la possibilità di infezione»
La lotta al tumore al seno non conosce tregua: l’ambulatorio del Campus Bio-Medico è “open” per chi ne ha bisogno
Il Policlinico universitario romano, anche durante la pandemia, è rimasto accanto alle donne garantendo esami e cure. «Con l’ampliamento dell’attività ambulatoriale abbiamo accolto circa 70-80 donne: il 30% di queste avevano una diagnosi di tumore al seno». L’intervista a Vittorio Altomare, responsabile Breast Unit UCBM
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...