Voci della Sanità 12 Settembre 2017 11:05

Breast unit al Fatebenefratelli per la cura del tumore al seno

Nel nuovo Centro integrato di Senologia per il trattamento delle patologie mammarie dell’Ospedale Fatebenefratelli-Isola Tiberina nasce la breast unit per il tumore al seno

Da sempre l’Ospedale Fatebenefratelli rappresenta un punto di riferimento per le donne e lo sarà ancora di più grazie alla breast unit,  un percorso diagnostico e terapeutico multidisciplinare pensato per accompagnare e supportare la donna durante il trattamento della malattia. Si tratta di un team di specialisti impegnati in vario modo nel lavoro di diagnosi e cura delle neoplasie mammarie: chirurgo senologo e plastico, patologo, radiologo, oncologo, radioterapista, ginecologo, psicologo, medico genetista.

Il tumore al seno colpisce in Italia una donna su 10 ed è il più frequente nelle donne; secondo i dati del Fatebenefratelli ci sono circa 48 mila nuovi casi ogni anno, di cui 4mila solo nella Regione Lazio. Nonostante l’incidenza, il tumore della mammella ha però un tasso di sopravvivenza media sempre più alta: dal 76% degli anni’80 a oltre il 90% degli anni 2000. Le motivazioni sono da ricercarsi non solo nell’implementazione dei programmi di screening e nella disponibilità di terapie mediche innovative sempre più mirate ma anche, e soprattutto, nella diffusione dei Centri di Senologia o breast unit.

Questi centri garantiscono le migliori terapie e la migliore qualità della vita alle pazienti affette da questa patologia, raccogliendo le competenze di tutti gli specialisti coinvolti per fornire terapie personalizzate conformi a linee guida costantemente aggiornate. «Le chance di guarigione sono maggiori in Centri di qualità» afferma Patrizia Frittelli, direttore dell’Unità di Chirurgia senologica dell’Ospedale. «Oggi le donne sono particolarmente informate sul tumore alla mammella – continua -. L’impegno che ci prefiggiamo come ospedale è quello di adeguare costantemente il lavoro del nostro team alle linee guida internazionali e quindi agli indicatori stabiliti in particolare da Eusoma (European society of breast cancer specialists), per assicurare alla donna l’applicazione degli standard diagnostici e terapeutici più elevati».

Articoli correlati
Tumore al seno HER2+ metastatico: EMA approva uso ampliato trastuzumab deruxtecan
Trastuzumab deruxtecan, l’ADC di Daiichi Sankyo e AstraZeneca, ha ottenuto in UE l’estensione dell’indicazione per il carcinoma mammario come monoterapia per il trattamento di pazienti adulti con carcinoma mammario HER2 positivo non resecabile o metastatico che hanno ricevuto uno o più precedenti regimi a base di anti-HER2. Trastuzumab deruxtecan è un anticorpo monoclonale farmaco-coniugato specificamente […]
Tumore al seno e oncologia territoriale: le dieci priorità delle associazioni dei pazienti alle istituzioni
Il documento riunisce per la prima volta le proposte di A.N.D.O.S. onlus, Europa Donna Italia, F.A.V.O. Donna Incontra Donna onlus e Salute Donna onlus, per una presa in carico territoriale più vicina alle pazienti e alle loro famiglie
Tumori, a Roma la mostra fotografica “Cicatrici”. Boldrini (Pd): «Per rinascita serve diritto all’oblio»
«Il concetto di sensibilizzazione e prevenzione, soprattutto in riferimento alla malattia oncologica, va declinato con specifici contenuti, oltre i numeri e le statistiche. Perché sia efficace e raggiunga una maggiore platea possibile, lo strumento dell’arte è fondamentale». Così la senatrice del Pd Paola Boldrini, vicepresidente della Commissione Sanità del Senato, ha presentato, nel corso di […]
Scuola in Ospedale, in Lombardia approvato piano per garantire istruzione ad alunni ricoverati
Protocollo d’intesa sottoscritto da Regione Lombardia e Ufficio Scolastico Regionale per rendere più capillare il servizio sul territorio e permettere ai pazienti studenti di seguire il percorso formativo e mantenere la relazione con la scuola di appartenenza, agevolando il reinserimento al termine del ricovero o della malattia
Tumore al seno HER2+ metastatico: FDA approva trastuzumab deruxtecan per pazienti trattate con terapia a base di anti-HER2
L’approvazione FDA per trastuzumab deruxtecan amplia l'indicazione dell’ADC di Daiichi Sankyo e AstraZeneca per un uso più precoce (seconda linea) nel trattamento del carcinoma mammario metastatico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi