Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Prevenzione 2 ottobre 2017

Prevenzione: quanto è importante e a quale età cominciare?

Fare una prevenzione accurata e costante è fondamentale a qualsiasi età. Ecco i consigli dell’esperto…

Prevenzione: quanto è importante sottoporsi a indagini e controlli periodici? Lo spiega Pier Luigi Bartoletti – segretario Fimmg Lazio e medico di base.

«Fare un’accurata prevenzione in tutte le fasi della vita è indispensabile. Soprattutto trascorsa una soglia di età (30/40) diventa fondamentale sottoporsi a dei controlli anche specifici per evitare rischi di malattie serie anche oncologiche oppure degenerative. Quindi il consiglio che un medico di base deve dare innanzitutto è: prevenzione, prevenzione, prevenzione».

«Indubbiamente la prevenzione ad una certa età è fondamentale, certo è che anche in età giovanile assume la sua importanza: quando si è giovani si pensa di essere immortali, ma non è così. I giovani in particolare devono avere cura del loro corpo proprio per diventare anziani nel migliore dei modi. La prevenzione rivolta alle fasce di età più giovane più che screening di massa, si tratta di screening individualizzati. Dunque, informarsi col proprio medico su quali eventualmente sono le patologie di famiglia e comportarsi di conseguenza».

Una mela al giorno

Entra nella più grande comunità sulla salute
Dialoga direttamente con i lettori
Invia i tuoi consigli
per il benessere e la prevenzione
scrivi il tuo articolo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila