Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Prevenzione 12 settembre 2017

Asma: le ultime novità terapeutiche

L’asma è una sindrome infiammatoria cronica che si manifesta con difficoltà respiratorie dovute a una contrazione spastica della muscolatura bronchiale

Immagine articolo

L’asma è una sindrome infiammatoria cronica che si manifesta con difficoltà respiratorie dovute a una contrazione spastica della muscolatura bronchiale. Ad approfondire il tema Alessandro Zanforlin, medico chirurgo specializzato in malattie dell’apparato respiratorio e Referente Nazionale Giovani Pneumologi.

Quali sono le novità terapeutiche per l’asma?

«Le ultime novità che sono arrivate riguardano nuove molecole in termini di anticorpi monoclonali che sono arrivati quest’anno, registrati dall’AIFA, che permettono un controllo dell’asma grave. Invece per gli stati terapeutici più bassi (step 3 e 4 asma lieve-moderato) abbiamo nuove opzioni con spray ultra-rapidi che agiscono in pochi secondi dopo l’erogazione».

La terapia dipende dal tipo di asma: ci siano vari gradi di questa malattia?

«Sì, le terapie dipendono dalla tipologia di disturbo. Gli erogatori per esempio sono terapie modulabili che consentono di variare tra vari step terapeutici, aumentando la dose e consentendo di utilizzare lo stesso farmaco che si utilizza come dose regolare tutti i giorni anche al bisogno, quando il paziente sente il sintomo. Questo ci permette di agire non solo come broncodilatatore, quindi di agire sul sintomo, ma anche di agire con l’antiinfiammatorio sul controllo dell’infiammazione quindi una riduzione precoce dei sintomi, dei segni legati alla riacutizzazione asmatica».

Una mela al giorno

Entra nella più grande comunità sulla salute
Dialoga direttamente con i lettori
Invia i tuoi consigli
per il benessere e la prevenzione
scrivi il tuo articolo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...