Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

infanzia 6 marzo 2018

Dolori notturni dei bambini? Ecco cosa sono

Spesso i bambini piccoli, generalmente dai tre anni su, soffrono di dolori alle gambe che si manifestano soltanto durante la notte. Ma da cosa derivano? Lo abbiamo chiesto alla pediatra Lucilla Ricottini

Immagine articolo

Spesso i bambini piccoli, generalmente dai tre anni su, soffrono di dolori alle gambe che si manifestano soltanto durante la notte. Ma da cosa derivano? Lo abbiamo chiesto alla pediatra Lucilla Ricottini.

Dottoressa,  sappiamo che a seconda dell’età questi dolori possono avere spiegazioni diverse, ma quali?

«Questa è una domanda molto interessante perché è un problema che spesso viene riportato al pediatra. Allora, intanto è fondamentale sottolineare il fatto che i dolori si presentino solo la notte perché vanno distinti da quei dolori che persistono anche durante il giorno e magari si associano a zoppia oppure a tumefazioni delle articolazioni: un ginocchio rosso, dolente, o anche solo gonfio o un’anca che fa male possono far pensare ad un fatto reumatico o ad una sinovite dell’anca o anche ad altre patologie di tipo infettivo da approfondire. Quindi in un bambino sano che non ha perso peso e non ha perso appetito, che di giorno non zoppica, questi dolori venivano una volta chiamati dolori di crescita. Adesso questa visione è un po’ criticata anche se in effetti spesso compaiono nella fase di allungamento degli arti, ma sono molto frequenti anche nei bambini di 3-4 anni soprattutto quando corrono e saltano. I bambini a quell’età sono molto vivaci quindi può capitare che abbiano dei microtraumatismi o anche dei dolori muscolari e possano produrre acido lattico che poi di notte, per una serie di fattori concomitanti, producono dolore».

Una mela al giorno

Entra nella più grande comunità sulla salute
Dialoga direttamente con i lettori
Invia i tuoi consigli
per il benessere e la prevenzione
scrivi il tuo articolo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...