Gli Esperti Rispondono 6 Ottobre 2015

Il mondo delle assicurazioni

Due polizze e niente copertura? Ecco cosa fare

di Assicurazione

Sono un medico anestesista ed opero in una struttura pubblica del Sud Italia con un rapporto a contratto. Tre anni fa, a causa del decesso di un paziente a seguito di un intervento chirurgico, del quale io ero parte come anestesista, l’intera equipe fu raggiunta da avviso di garanzia. Io informai immediatamente il mio assicuratore il quale rifiutò di assumere la gestione della vicenda asserendo che “l’evento denunciato non rappresentava un sinistro in quanto non vi era stata alcuna richiesta di risarcimento da parte degli eredi”. In effetti verificai che la polizza definiva come “sinistro” solo la richiesta di risarcimento e non l’inizio dell’azione penale. Non  mi curai molto di questo rifiuto in quanto nel frattempo il giudice aveva archiviato la pratica penale. Successivamente l’Assicuratore mi inviò la disdetta della polizza alla sua prima scadenza annuale ed io stipulai una nuova polizza con un’altra compagnia. Ora dopo due anni gli eredi della persona deceduta hanno citato in giudizio civile per il risarcimento dei danni tutta la equipe, me compreso. Solo ora ho scoperto di trovarmi in una spiacevolissima situazione in quanto né il mio precedente assicuratore, né quello attuale intende farsi carico del sinistro. Il primo afferma che la sua polizza è ormai scaduta da tempo e quindi la garanzia non è più operante. Il secondo dice che la garanzia non è operativa ai sensi del codice civile in quanto trattasi di un evento da me conosciuto prima della sottoscrizione della polizza.

Lei ha illustrato un caso tipico nel quale emerge come la clausola “claims made”, ormai a tutti nota, possa generare una tale iniquità per la quale un assicurato paga due premi e non ha la copertura! Purtroppo le motivazioni di ambedue le Compagnie sono corrette. La sua disavventura sarebbe stata evitata se il suo precedente assicuratore avesse adottato una formula di definizione non restrittiva ma ampliata al caso dell’inizio dell’azione penale (come per altro previsto dalla bozza del Regolamento Esecutivo alla assicurazione obbligatoria ancora non emanato). In realtà alcune compagnie (molto poche) adottano questa formulazione contribuendo ad evitare il verificarsi di casi spiacevoli come quello che ci ha illustrato.

I consulenti SanitAssicura 

Articoli correlati
La denuncia di un sinistro da parte dell’assicurato ha effetti sulla durata del contratto assicurativo?
Occorre sempre verificare il disposto delle condizioni generali di polizza che, il più delle volte, prevedono che dopo ogni sinistro ed entro un termine predeterminato, ciascuna delle parti (assicuratore e assicurato) possa recedere dal contratto assicurativo dandone comunicazione all’altra parte. I termini sono specificati nelle condizioni generali di contratto laddove viene anche disciplinata la restituzione […]
Legge Gelli: a che punto siamo? Siciliano (Tribunale Milano): «Medici da tutelare»
Troppe denunce nei confronti dei camici bianchi. Per il procuratore Tiziana Siciliano occorre incidere sulle cause ingiustificate e pretestuose finalizzate al risarcimento. Rossi (OMCeO Milano): «Non archiviato solo l’8% delle denunce, e di queste molte si concludono con l’assoluzione in sede penale»
di Federica Bosco
Nuovo coronavirus in Cina, Simit: «Nessun rischio prevedibile in Italia»
Primo decesso in Cina a causa di un nuovo coronavirus. L’epidemia sembra destinata a rimanere circoscritta ad una diffusione locale. «Il fenomeno sarà comunque meritevole di un’attenta sorveglianza ma non abbiamo elementi per pensare che questo nuovo virus possa significativamente coinvolgerci» sottolinea il presidente Simit Marcello Tavio
Big Data e ambiente, Desideri (ISS): «Il 30% delle cause di mortalità per tumore sono da ricondurre agli stili di vita»
«L’ambiente di vita e di lavoro deve essere al centro delle politiche del sistema sanitario pubblico» ha evidenziato Enrico Desideri, Presidente Fondazione ISS, a margine del congresso Big Data in Health di cui Sanità Informazione è stata media partner. E sul diritto dei cittadini ad intraprendere azioni legali per la mancata tutela della salute: «I cittadini devono alzare la voce e farsi sentire»
Tribunale della Salute, De Paolis (SIC): «In Italia sempre meno chirurghi, colpa dei contenziosi. Bene camera di compensazione per arginarli»
I giovani non vogliono fare i chirurghi perché demotivati dai rischi professionali e dalle conseguenze giuridiche. Questa la fotografia che emerge dall’intervista a Paolo De Paolis, presidente della Società Italiana di Chirurgia
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 maggio, sono 5.594.175 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 350.531 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 27 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...