Gli Esperti Rispondono 6 Ottobre 2015

Il mondo delle assicurazioni

Due polizze e niente copertura? Ecco cosa fare

di Assicurazione

Sono un medico anestesista ed opero in una struttura pubblica del Sud Italia con un rapporto a contratto. Tre anni fa, a causa del decesso di un paziente a seguito di un intervento chirurgico, del quale io ero parte come anestesista, l’intera equipe fu raggiunta da avviso di garanzia. Io informai immediatamente il mio assicuratore il quale rifiutò di assumere la gestione della vicenda asserendo che “l’evento denunciato non rappresentava un sinistro in quanto non vi era stata alcuna richiesta di risarcimento da parte degli eredi”. In effetti verificai che la polizza definiva come “sinistro” solo la richiesta di risarcimento e non l’inizio dell’azione penale. Non  mi curai molto di questo rifiuto in quanto nel frattempo il giudice aveva archiviato la pratica penale. Successivamente l’Assicuratore mi inviò la disdetta della polizza alla sua prima scadenza annuale ed io stipulai una nuova polizza con un’altra compagnia. Ora dopo due anni gli eredi della persona deceduta hanno citato in giudizio civile per il risarcimento dei danni tutta la equipe, me compreso. Solo ora ho scoperto di trovarmi in una spiacevolissima situazione in quanto né il mio precedente assicuratore, né quello attuale intende farsi carico del sinistro. Il primo afferma che la sua polizza è ormai scaduta da tempo e quindi la garanzia non è più operante. Il secondo dice che la garanzia non è operativa ai sensi del codice civile in quanto trattasi di un evento da me conosciuto prima della sottoscrizione della polizza.

Lei ha illustrato un caso tipico nel quale emerge come la clausola “claims made”, ormai a tutti nota, possa generare una tale iniquità per la quale un assicurato paga due premi e non ha la copertura! Purtroppo le motivazioni di ambedue le Compagnie sono corrette. La sua disavventura sarebbe stata evitata se il suo precedente assicuratore avesse adottato una formula di definizione non restrittiva ma ampliata al caso dell’inizio dell’azione penale (come per altro previsto dalla bozza del Regolamento Esecutivo alla assicurazione obbligatoria ancora non emanato). In realtà alcune compagnie (molto poche) adottano questa formulazione contribuendo ad evitare il verificarsi di casi spiacevoli come quello che ci ha illustrato.

I consulenti SanitAssicura 

Articoli correlati
La denuncia di un sinistro da parte dell’assicurato ha effetti sulla durata del contratto assicurativo?
Occorre sempre verificare il disposto delle condizioni generali di polizza che, il più delle volte, prevedono che dopo ogni sinistro ed entro un termine predeterminato, ciascuna delle parti (assicuratore e assicurato) possa recedere dal contratto assicurativo dandone comunicazione all’altra parte. I termini sono specificati nelle condizioni generali di contratto laddove viene anche disciplinata la restituzione […]
Tribunale della Salute, De Paolis (SIC): «In Italia sempre meno chirurghi, colpa dei contenziosi. Bene camera di compensazione per arginarli»
I giovani non vogliono fare i chirurghi perché demotivati dai rischi professionali e dalle conseguenze giuridiche. Questa la fotografia che emerge dall’intervista a Paolo De Paolis, presidente della Società Italiana di Chirurgia
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Medicina difensiva, Rampelli (UIF): «Medico sottoposto a ‘tiro al piccione’. Occorre modificare questo habitat mentale»
«Serve un intervento legislativo per aiutare le strutture sanitarie a districarsi in caso di necessità. Legge Gelli utile ma va completata», così a Sanità Informazione Elisabetta Rampelli, presidente nazionale Unione Italiana Forense
Spot risarcimenti, il Garante apre la pratica ma il precedente è contro i medici…
Attesa a giorni la valutazione dell'Istituto dell'Autodisciplina Pubblicitaria di Rai, Mediaset e degli altri editori. Tra richieste di ritiro dello spot da tutte le emittenti e le scuse da parte della Rai, la polemica sullo spot con Enrica Bonaccorti che sollecita azioni legali contro la malasanità non è ancora chiusa. E il 16 gennaio il presidente della FNOMCeO Filippo Anelli incontrerà il Consiglio nazionale forense
FNOMCeO, “Obiettivo dignità”: i medici lanciano petizione online contro gli spot che sollecitano risarcimenti danni in ambito sanitario
Una petizione online per chiedere al Ministro della Salute, Giulia Grillo, di sollecitare «l’adozione di strumenti di controllo preventivo, al fine di evitare che messaggi distorti, veicolati su canali pubblici, arrechino danno al Servizio Sanitario nazionale, che, nonostante tutte le difficoltà, assicura elevati livelli certificati di tutela della salute e di assistenza ai cittadini» È […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone