Lavoro 23 Gennaio 2020

Legge Gelli: a che punto siamo? Siciliano (Tribunale Milano): «Medici da tutelare»

Troppe denunce nei confronti dei camici bianchi. Per il procuratore Tiziana Siciliano occorre incidere sulle cause ingiustificate e pretestuose finalizzate al risarcimento. Rossi (OMCeO Milano): «Non archiviato solo l’8% delle denunce, e di queste molte si concludono con l’assoluzione in sede penale»

di Federica Bosco
Immagine articolo

I medici devono essere più tutelati. Il messaggio arriva forte e chiaro nel corso del convegno che si è tenuto a Milano presso la Corte dei Conti per fare il punto sulla Legge Gelli-Bianco a due anni e mezzo dalla sua entrata in vigore. Ad alzare gli scudi a favore dei camici bianchi la dottoressa Tiziana Siciliano, procuratore aggiunto del tribunale di Milano.

LEGGI ANCHE: LEGGE 24/2017, GELLI: «IN CASO DI CONTENZIOSO, MAGISTRATO TUTELA PROFESSIONISTA FORMATO E PREPARATO»

«Dalla mia esperienza il numero elevatissimo di denunce rivolte ai medici è tale da alterare la loro maniera di lavorare. Credo che lavorare con una spada di Damocle sulla testa perché non ci sono regole chiare – ha detto – non li faccia lavorare serenamente. E noi abbiamo bisogno di medici bravi, professionali, ma sereni».

Ma cosa bisogna fare per tutelarli meglio? «Occorre incidere sulle cause – risponde Siciliano -. Se guardiamo le denunce rivolte ai medici ci rendiamo conto che una parte veramente preponderante è ingiustificata e una parte del tutto pretestuosa per forzare la mano su una ipotesi risarcitoria, tra l’altro senza senso. Ci sono attività di avvocati che sollecitano e si pongono come tramite per avanzare queste richieste. Ormai in grandi ospedali si trovano cartelli con scritte tipo: “Se pensi di avere subito un danno vieni da noi e ti assisteremo”. Questo altera il rapporto tra medico e paziente da ambo le parti, credo che porti danno sia ai medici che ai pazienti».

LEGGI ANCHE: FONDAZIONE ITALIA IN SALUTE, PER L’ANNIVERSARIO FOCUS SU LINEE GUIDA. GELLI: «FONTE D’ISPIRAZIONE PER MEDICI»

Solo a Milano sono in media 300 le denunce rivolte a medici in un anno; con la Legge Gelli-Bianco sono state definite le linee guida, ma per il Presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Roberto Carlo Rossi, occorre trovare un logico equilibrio  tra la categoria e le esigenze dei pazienti danneggiati e supposti tali. «La dottoressa Tiziana Siciliano mi ha confermato che meno dell’8% delle denunce non viene archiviato – ha commentato Rossi – salvo poi arrivare a delle assoluzioni in sede penale. Se questa criticità non è ancora stata risolta dopo tre anni dall’introduzione della Legge Gelli, la strada da fare è ancora lunga».

Rossi è anche convinto dell’esistenza di uno stretta relazione tra i limiti della legge e l’aumento delle aggressioni nei confronti degli operatori sanitari: «La gente non capisce che ha a disposizione un vero gioiello nel sistema sanitario italiano. Un sistema unico al mondo, che dà prestazioni di livello elevato a tutti. Ma non ci si rende conto della fortuna che si ha. L’alternativa è la discesa in campo di sistemi assicurativi privati che magari, al momento, danno condizioni appetibili per crearsi il portafoglio clienti, come fanno le grandi catene di distribuzione. E poi tirano la cinghia, e se ci si vuole curare bisogna pagare e magari non avere la copertura su tutto ciò di cui si ha bisogno».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Medici nelle scuole: studenti a lezione di salute e di primo soccorso
«Istruzione e salute vanno di pari passo. Grazie a questo protocollo, insieme all’assessorato alla Salute e all’Istruzione, potremo riportare i medici in tutte le scuole primarie e secondarie siciliane che aderiranno all’iniziativa. Educare alla prevenzione significa sviluppare una capacità di comportamento che consente ai più piccoli di adottare e mantenere da adulti stili di vita […]
Aggressioni, De Palma (Nursing Up: ): «Subiamo comportamenti umilianti e mortificanti, il Ddl non è sufficiente»
«Sono tremila i casi di aggressione, di cui solo milleduecento quelli denunciati». Così il presidente del sindacato Nursing Up Antonio De Palma nel nuovo videomessaggio della campagna di sensibilizzazione #NoViolenzasuglinfermieri, online da oggi
“No alla violenza sui camici bianchi”. Anelli (Fnomceo): «L’attività parlamentare vada di pari passo con quella delle Regioni»
«È proprio a livello regionale che potranno essere portati avanti quegli interventi a livello organizzativo e strutturale che sono rimasti in secondo piano nel Disegno di Legge - continua Filippo Anelli -. Penso all’installazione degli impianti di videosorveglianza e all’istituzione di presidi di pubblica sicurezza nei pronto soccorso»
Il segreto di un bel giallo? L’aiuto del medico legale. De Giovanni: «Quanti referti ho studiato per il Commissario Ricciardi…»
Lo scrittore napoletano ha raccontato i retroscena dei suoi gialli al convegno “Rischio clinico e gestione del contenzioso”. Poi, ha confessato: «Ho un figlio medico ma sono un pessimo paziente»
Pazienti rari in cerca d’autore: Vanessa Scalera con Linfa nella lotta contro le neurofibromatosi
Per la Giornata delle Malattie Rare, sabato 22 febbraio l’attrice Vanessa Scalera incontra al MUSME, il Museo della Medicina di Padova, i pazienti affetti dalle varie forme di neurofibromatosi, i loro cari, i medici e gli scienziati che lavorano senza sosta alla ricerca di terapie efficaci. L’incontro, unico nel suo genere, si chiama Pazienti rari […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale

Al 23 febbraio 2020 sono 78.914 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 23.386 mentre i morti sono 2.467. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins ...