Lavoro 23 Gennaio 2020 17:40

Legge Gelli: a che punto siamo? Siciliano (Tribunale Milano): «Medici da tutelare»

Troppe denunce nei confronti dei camici bianchi. Per il procuratore Tiziana Siciliano occorre incidere sulle cause ingiustificate e pretestuose finalizzate al risarcimento. Rossi (OMCeO Milano): «Non archiviato solo l’8% delle denunce, e di queste molte si concludono con l’assoluzione in sede penale»

di Federica Bosco
Legge Gelli: a che punto siamo? Siciliano (Tribunale Milano): «Medici da tutelare»

I medici devono essere più tutelati. Il messaggio arriva forte e chiaro nel corso del convegno che si è tenuto a Milano presso la Corte dei Conti per fare il punto sulla Legge Gelli-Bianco a due anni e mezzo dalla sua entrata in vigore. Ad alzare gli scudi a favore dei camici bianchi la dottoressa Tiziana Siciliano, procuratore aggiunto del tribunale di Milano.

LEGGI ANCHE: LEGGE 24/2017, GELLI: «IN CASO DI CONTENZIOSO, MAGISTRATO TUTELA PROFESSIONISTA FORMATO E PREPARATO»

«Dalla mia esperienza il numero elevatissimo di denunce rivolte ai medici è tale da alterare la loro maniera di lavorare. Credo che lavorare con una spada di Damocle sulla testa perché non ci sono regole chiare – ha detto – non li faccia lavorare serenamente. E noi abbiamo bisogno di medici bravi, professionali, ma sereni».

Ma cosa bisogna fare per tutelarli meglio? «Occorre incidere sulle cause – risponde Siciliano -. Se guardiamo le denunce rivolte ai medici ci rendiamo conto che una parte veramente preponderante è ingiustificata e una parte del tutto pretestuosa per forzare la mano su una ipotesi risarcitoria, tra l’altro senza senso. Ci sono attività di avvocati che sollecitano e si pongono come tramite per avanzare queste richieste. Ormai in grandi ospedali si trovano cartelli con scritte tipo: “Se pensi di avere subito un danno vieni da noi e ti assisteremo”. Questo altera il rapporto tra medico e paziente da ambo le parti, credo che porti danno sia ai medici che ai pazienti».

LEGGI ANCHE: FONDAZIONE ITALIA IN SALUTE, PER L’ANNIVERSARIO FOCUS SU LINEE GUIDA. GELLI: «FONTE D’ISPIRAZIONE PER MEDICI»

Solo a Milano sono in media 300 le denunce rivolte a medici in un anno; con la Legge Gelli-Bianco sono state definite le linee guida, ma per il Presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Roberto Carlo Rossi, occorre trovare un logico equilibrio  tra la categoria e le esigenze dei pazienti danneggiati e supposti tali. «La dottoressa Tiziana Siciliano mi ha confermato che meno dell’8% delle denunce non viene archiviato – ha commentato Rossi – salvo poi arrivare a delle assoluzioni in sede penale. Se questa criticità non è ancora stata risolta dopo tre anni dall’introduzione della Legge Gelli, la strada da fare è ancora lunga».

Rossi è anche convinto dell’esistenza di uno stretta relazione tra i limiti della legge e l’aumento delle aggressioni nei confronti degli operatori sanitari: «La gente non capisce che ha a disposizione un vero gioiello nel sistema sanitario italiano. Un sistema unico al mondo, che dà prestazioni di livello elevato a tutti. Ma non ci si rende conto della fortuna che si ha. L’alternativa è la discesa in campo di sistemi assicurativi privati che magari, al momento, danno condizioni appetibili per crearsi il portafoglio clienti, come fanno le grandi catene di distribuzione. E poi tirano la cinghia, e se ci si vuole curare bisogna pagare e magari non avere la copertura su tutto ciò di cui si ha bisogno».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Poliambulanza Brescia: «Sospesi 21 sanitari no vax, tra di loro nessun medico»
Sono ad oggi 21 su 2.045 gli operatori sanitari di Poliambulanza, struttura ospedaliera di Brescia, privata accreditata con il Servizio sanitario nazionale, sospesi perché risultati non vaccinati contro Covid. «Pochissimi», commenta l’azienda in una nota in cui ha diffuso i numeri dei procedimenti avviati. Fra i dipendenti in questione nessun medico, viene precisato. Gli operatori […]
Medici, Bologna (Coraggio Italia): «Evitare task shifting per meri fini economici, fondamentale monitoraggio dei risultati»
«Il Pnrr Salute potrà funzionare solo se si riparte dalle competenze professionali sanitarie che si acquisiscono durante il percorso universitario». Lo afferma la deputata di Coraggio Italia Fabiola Bologna, oggi all’incontro con l’intersindacale ‘Alleanza per la professione medica’, alla presenza del ministro Roberto Speranza. «Bisogna evitare il task shifting per meri fini economici- aggiunge- affinché […]
L’86% degli italiani ha utilizzato la telemedicina per la prima volta durante la pandemia
L’Italia è fra i paesi europei che ha dichiarato che userà di più la telemedicina in futuro (71%) dopo la Francia (72%). Il 45% degli italiani l’ha trovata molto comoda per evitare contagi, ma un 22% non ha ancora l’intenzione di provarla perché preferisce il rapporto personale o non si fida
Covid-19, ecco i criteri di appropriatezza per i setting assistenziali di gestione ospedaliera dei pazienti
L’Agenas pubblica l’aggiornamento del documento elaborato dal gruppo di lavoro coordinato dal professor Matteo Bassetti
Medicina di gruppo vs Case di Comunità: il modello che concilia prossimità e accentramento degli MMG
Nel sud della provincia di Padova, Giovanni Guastella racconta come funziona l’organizzazione: «C’è una sede centrale aperta h12 e tanti ambulatori nei paesi più piccoli. Noi ci dividiamo tra queste realtà»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 29 luglio, sono 195.977.069 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.187.473 i decessi. Ad oggi, oltre 3,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Cause

Ex specializzandi, altre sentenze e novità su quantum risarcitorio e prescrizione

Intervista all’avvocato Marco Tortorella che spiega le novità che interessano i medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea