Lavoro 23 Gennaio 2020 17:40

Legge Gelli: a che punto siamo? Siciliano (Tribunale Milano): «Medici da tutelare»

Troppe denunce nei confronti dei camici bianchi. Per il procuratore Tiziana Siciliano occorre incidere sulle cause ingiustificate e pretestuose finalizzate al risarcimento. Rossi (OMCeO Milano): «Non archiviato solo l’8% delle denunce, e di queste molte si concludono con l’assoluzione in sede penale»

di Federica Bosco
Legge Gelli: a che punto siamo? Siciliano (Tribunale Milano): «Medici da tutelare»

I medici devono essere più tutelati. Il messaggio arriva forte e chiaro nel corso del convegno che si è tenuto a Milano presso la Corte dei Conti per fare il punto sulla Legge Gelli-Bianco a due anni e mezzo dalla sua entrata in vigore. Ad alzare gli scudi a favore dei camici bianchi la dottoressa Tiziana Siciliano, procuratore aggiunto del tribunale di Milano.

LEGGI ANCHE: LEGGE 24/2017, GELLI: «IN CASO DI CONTENZIOSO, MAGISTRATO TUTELA PROFESSIONISTA FORMATO E PREPARATO»

«Dalla mia esperienza il numero elevatissimo di denunce rivolte ai medici è tale da alterare la loro maniera di lavorare. Credo che lavorare con una spada di Damocle sulla testa perché non ci sono regole chiare – ha detto – non li faccia lavorare serenamente. E noi abbiamo bisogno di medici bravi, professionali, ma sereni».

Ma cosa bisogna fare per tutelarli meglio? «Occorre incidere sulle cause – risponde Siciliano -. Se guardiamo le denunce rivolte ai medici ci rendiamo conto che una parte veramente preponderante è ingiustificata e una parte del tutto pretestuosa per forzare la mano su una ipotesi risarcitoria, tra l’altro senza senso. Ci sono attività di avvocati che sollecitano e si pongono come tramite per avanzare queste richieste. Ormai in grandi ospedali si trovano cartelli con scritte tipo: “Se pensi di avere subito un danno vieni da noi e ti assisteremo”. Questo altera il rapporto tra medico e paziente da ambo le parti, credo che porti danno sia ai medici che ai pazienti».

LEGGI ANCHE: FONDAZIONE ITALIA IN SALUTE, PER L’ANNIVERSARIO FOCUS SU LINEE GUIDA. GELLI: «FONTE D’ISPIRAZIONE PER MEDICI»

Solo a Milano sono in media 300 le denunce rivolte a medici in un anno; con la Legge Gelli-Bianco sono state definite le linee guida, ma per il Presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Roberto Carlo Rossi, occorre trovare un logico equilibrio  tra la categoria e le esigenze dei pazienti danneggiati e supposti tali. «La dottoressa Tiziana Siciliano mi ha confermato che meno dell’8% delle denunce non viene archiviato – ha commentato Rossi – salvo poi arrivare a delle assoluzioni in sede penale. Se questa criticità non è ancora stata risolta dopo tre anni dall’introduzione della Legge Gelli, la strada da fare è ancora lunga».

Rossi è anche convinto dell’esistenza di uno stretta relazione tra i limiti della legge e l’aumento delle aggressioni nei confronti degli operatori sanitari: «La gente non capisce che ha a disposizione un vero gioiello nel sistema sanitario italiano. Un sistema unico al mondo, che dà prestazioni di livello elevato a tutti. Ma non ci si rende conto della fortuna che si ha. L’alternativa è la discesa in campo di sistemi assicurativi privati che magari, al momento, danno condizioni appetibili per crearsi il portafoglio clienti, come fanno le grandi catene di distribuzione. E poi tirano la cinghia, e se ci si vuole curare bisogna pagare e magari non avere la copertura su tutto ciò di cui si ha bisogno».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«Sempre più medici e infermieri aprono la partita Iva», parla Nursing Up
Nursing Up denuncia la sempre maggiore fuga di medici e infermieri dalla sanità pubblica. Molti si licenziano e preferiscono aprire la partita Iva. I casi del Piemonte e dell'Emilia Romagna
La responsabilità del medico specialista
Ci occupiamo di un caso di responsabilità del medico specialista. Per la Cassazione questi non può considerarsi un mero esecutore
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Camici bianchi e operatori sanitari in corsa per un seggio in Parlamento. Speranza si candida in Campania
Tra i sottosegretari non si ricandida Pierpaolo Sileri, mentre Andrea Costa corre in Liguria. Candidata nel Lazio per Azione Annamaria Parente, presidente della commissione Sanità. In corsa anche Sandra Zampa, Andrea Mandelli e Marcello Gemmato, responsabili sanità di Pd, Forza Italia e Fratelli d’Italia. I virologi Andrea Crisanti e Pierluigi Lopalco candidati per il centrosinistra
di Francesco Torre
Medici cubani in Calabria, cosa è successo?
Il presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto ha siglato un accordo con il governo cubano per assumere poco meno di 500 medici a tempo indeterminato per far fronte alla gravissima carenza di personale. Una scelta, quella di Occhiuto, che ha sollevato un polverone di polemiche
Dal reinserimento al lavoro alla formazione, nel Lazio una proposta di legge contro le aggressioni ai sanitari
L’ha presentata il consigliere della Lega Daniele Giannini, raccogliendo le proposte dell’associazione AMAD. L’obiettivo è quello di incrementare le tutele introdotte dalla legge 113 del 2020
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi