16 ottobre 2017

Mauro Tavarnelli

Presidente dell'AIFI - Associazione Italiana Fisioterapisti

Mauro Tavarnelli sarà alla guida dell’AIFI anche per i prossimi tre anni. Alla fine del Congresso di Roma dell’Associazione Italiana Fisioterapisti è stato infatti riconfermato presidente, ricevendo 317 voti. A esprimersi 333 delegati (326 i votanti) delle realtà regionali. Al fianco di Tavarnelli, nella Direzione Nazionale sono stati eletti Simone Cecchetto (vicepresidente, 225 voti), Donato […]

Mauro Tavarnelli sarà alla guida dell’AIFI anche per i prossimi tre anni. Alla fine del Congresso di Roma dell’Associazione Italiana Fisioterapisti è stato infatti riconfermato presidente, ricevendo 317 voti. A esprimersi 333 delegati (326 i votanti) delle realtà regionali.
Al fianco di Tavarnelli, nella Direzione Nazionale sono stati eletti Simone Cecchetto (vicepresidente, 225 voti), Donato Lancellotti (204), Patrizia Galantini (193), Francesco Ballardin (149), Paola Pirocca (132) e Roberto Marcovich (126). Il Congresso ha portato anche all’indicazione dei Revisori dei Conti (Vincenzo Pedalino, Mario Donadi e Alessandra Amici in carica, Maria Rosaria Montanino e Carla Silvana Zucconi supplenti) e dei 5 Probiviri (Vincenzo Ziulu, Antonio Summa, Brunella Padovan, Anna Maria Dell’Eva e Mariagloria Ferrari).
Tavarnelli riparte dai progetti portati avanti nello scorso mandato. E che ora saranno completati. «Dobbiamo da subito continuare quello che stavamo facendo – ha detto al termine del Congresso -. Tutto ciò che abbiamo in essere va immediatamente ripreso, perchè così possiamo veramente puntare allo sviluppo della fisioterapia, al miglioramento della scienza e delle condizioni di salute dei cittadini».
Le impellenze sono diverse, ma una è immediata: «Portare a termine nel miglior modo possibile il Ddl 3868, cioè il disegno di legge Lorenzin che sarà in discussione tra pochi giorni». Poi sarà «fondamentale riprendere tutte quelle attività che possono portare all’affermazione della nostra professione e alla sua utilità sociale» ha aggiunto Tavarnelli.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila