Stop Ingiustizie Bancarie 20 ottobre 2015

«No alle ingiustizie bancarie che rientrano dalla finestra»

Risoluzione in Commissione Bilancio per scongiurare un rientro surrettizio dell’anatocismo e degli altri abusi bancari aggirando la legge. Monta l’ondata di ricorsi dei cittadini. Emendamento del M5S

Immagine articolo

Il mondo politico presta sempre più attenzione allo spinoso problema delle irregolarità bancarie. Resta materia da “super esperti” spulciare conti correnti, mutui, leasing e affidamenti, ma sta crescendo in maniera esponenziale, il desiderio dei cittadini – con tanti camici bianchi coinvolti sia per gli investimenti professionali che personali – di vederci chiaro e, laddove ce ne siano i presupposti, chiedere verifiche ed essere risarciti.


Di leggi ce ne sarebbero già a sufficienza per disciplinare la questione, ma – come capita spesso in Italia – la loro applicazione non è sempre così scontata o comunque soggetta ad una giurisprudenza non proprio univoca. Un caso lampante è quello dell’anatocismo, ovvero la capitalizzazione degli interessi su quelli passivi. Una pratica “fuorilegge” (legge n. 147 del 2013, inserita nella Finanziaria 2014) ma che banche ed istituti di credito continuano a perpetrare in casi sempre più numerosi, come attestano anche le segnalazioni agli organi di vigilanza e le azioni intraprese in sede legale.

I deputati Sandra Savino (Sel) e Giovanni Paglia (Forza Italia) hanno presentato una risoluzione alla commissione Bilancio, impegnando il Governo ad «assumere ogni utile iniziativa di competenza, affinché nell’attuale fase interlocutoria di consultazione, sia confermata un’interpretazione che impedisca qualunque forma di anatocismo su rapporti regolati in conto corrente, conto di pagamento e finanziamenti a valere su carte di credito». L’atto punta a fare ordine in un quadro normativo che ha subito diverse variazioni nel corso degli ultimi anni, a dare uniformità alle sentenze e a contenere i ricorsi. Si è infatti acceso un vivace dibattito su modalità e criteri introdotti dalla delibera 286 del Cicr (Comitato Interministeriale Credito e Risparmio). Oggetto del contenzioso tra clienti e banche specialmente il periodo di riferimento per l’applicazione degli interessi su uno scoperto che dal primo gennaio del prossimo anno potrebbero essere applicati a 60 giorni e non più ad un anno. Secondo gli onorevoli Paglia e Savino questo potrebbe «rispristinare di fatto nel sistema giuridico l’anatocismo. Questa previsione – aggiungono – ponendosi in evidente contrasto con la volontà del legislatore deve, anche in rispetto al principio di gerarchia delle fonti del diritto, essere rigettata, consegnando così finalmente al nostro Paese una normativa chiara ed inequivoca in materia e che non possa esporsi al rischio di continui ricorsi all’autorità giudiziaria».

Ricorsi sostenuti intanto anche dalla Regione Lazio, che ha approvato all’unanimità la proposta di legge 64 concernente “Interventi regionali in favore dei soggetti interessati dal sovraindebitamento o dall’usura”. La Pisana metterà a disposizione un fondo da 4,8 milioni di euro per indennizzi e misure di sostegno per potersi tutelare in Tribunale  La proposta era stata presentata da Giuseppe Emanuele Cangemi (Ncd) ed è stata sottoscritta anche da Francesco Storace (La Destra) e da Olimpia Tarzia (Lista Storace). Attraverso un emendamento del M5S lo strumento è stato esteso anche all’usura bancaria, per permettere «anche ad  imprenditori e famiglie che vengono strozzate dagli alti tassi di interesse sui prestiti bancari e di intermediari finanziari di poter accedere alle misure per il sostegno alle vittime dell’usura».

Sempre più sostegni e appoggi istituzionali per inaugurare un nuovo corso per rapportarsi con banche ed istituti di credito. Con un pizzico in più di attenzione, tenendo sotto controllo (e ben conservata…) tutta la documentazione, è sufficiente chiedere una valutazione della propria posizione, magari optando per chi la fa gratuitamente senza rimetterci altri soldi. La perizia, che in gergo tecnico si chiama econometrica, potrebbe certificare che i tassi bancari applicati non corrispondono a quelli pattuiti o superano la soglia limite dell’usura. Proprio per questi motivi, secondo una recente indagine, tre mutui su quattro sono risultati irregolari. Cominciano ad arrivare, con sempre maggiore frequenza, sentenze di condanne delle banche, che preferiscono chiudere i contenziosi in sede stragiudiziale attraverso la mediazione. Gli istituti evitano così danni d’immagine che rovinerebbero la reputazione di colossi del credito, ma in compenso i rimborsi, a cifre notevoli, arrivano con grande velocità.

Articoli correlati
Ex specializzandi, parla l’esperto della vertenza: «Rimborsi anche a chi si è iscritto prima del 1983 e importi da rivedere al rialzo»
L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, con oltre 530 milioni di euro fatti riconoscere dai tribunali in favore dei medici tutelati dal network legale Consulcesi, spiega cosa cambia con la recente pronuncia della Corte di Giustizia Europea. Nel frattempo una sentenza del Tribunale di Roma conferma i rimborsi a chi ha interrotto la prescrizione prima del 20 ottobre 2017
Legge di stabilità, Giovani Medici SIGM: «Grave attentato al futuro del SSN»
«Zero euro per contratti di formazione medica post lauream. Grave responsabilità del Governo. Totale assenza della Politica tutta e delle Istituzioni, sorde alle giuste richieste delle nuove generazioni di camici bianchi. Grave attentato al futuro del Servizio Sanitario Nazionale». Questo il pensiero e la delusione espressi dai Giovani Medici SIGM sulla Legge di Stabilità. «L’Associazione Italiana Giovani […]
Ex Specializzandi: “37 milioni in 37 giorni”. Arrivano rimborsi in tutta Italia
Partita dalla Sardegna la nuova iniziativa di Consulcesi: fino al 13 luglio rimborsi in tutte le Regioni italiane per le borse di studio negate ai medici specialisti il 1978 ed il 2006. Nuove tappe nelle Marche, in Abruzzo, Molise, Basilicata, Calabria, Campania e via via tutte le altre. Intanto accordo transattivo ancora al palo, ma rischio prescrizione. Consulcesi lancia nuova azione collettiva il 15 luglio
Per i medici specialisti 11 milioni di euro a Palermo grazie alle azioni di Consulcesi
Nuova vittoria per le azioni portate avanti da Consulcesi per le mancate remunerazioni durante la specializzazione. Appello del presidente dell’OMCeO Palermo, Salvatore Amato: «Governo e Parlamento si diano una bella smossa per i diritti dei colleghi». Le testimonianze dei medici rimborsati
Ex specializzandi, nessuna prescrizione. Consulcesi: «Scatterà il 2 novembre»
I legali del gruppo leader nella tutela degli ex specializzandi spiegano: «La prescrizione scatterà a 10 anni dal Dpcm del 2 novembre 2007. Senza questo atto i due precedenti decreti del 7 marzo e del 6 luglio sarebbero stati inapplicabili». È dunque ancora possibile attivarsi per mantenere il diritto al rimborso attraverso un atto interruttivo o un ricorso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...