Ecco le sanzioni per i medici senza Pos: si parte da multa di 30 euro

Dal 1° gennaio, coloro che non offrono la possibilità di pagare prestazioni con bancomat o carta di credito rischiano una multa di 30 euro. Spazio anche alle App di pagamento

Anche i medici rischiano una multa di 30 euro se da gennaio non accetteranno pagamenti via bancomat o carta di credito. Il provvedimento, firmato dal Viceministro dell’economia Luigi Casero, è previsto dalla Legge di Bilancio con l’obiettivo dichiarato di combattere l’evasione fiscale. La tracciabilità dei pagamenti elettronici infatti permette all’Agenzia delle Entrate da un lato di tenere sotto controllo gli incassi di professionisti e commercianti, e dall’altro di controllare se quanto dichiarato dai contribuenti corrisponde alle spese sostenute.

Ma sono abbastanza 30 euro? È lo stesso Viceministro ad aver sottolineato al Messaggero la simbolicità del valore della multa, che deve per lo più «segnare un cambio di marcia importante» e «spingere tutto il sistema ad un deciso spostamento verso i pagamenti elettronici in Italia».

Secondo gli ultimi dati della Bce, il nostro Paese infatti si staglia in fondo alla classifica europea sia come somme pagate con le carte elettroniche sia come numero di operazioni eseguite ogni anno. Per invertire la rotta, Casero allora pensa anche ad altre novità che vanno nella direzione dei pagamenti elettronici: in un prossimo futuro, vorrebbe infatti inserire modalità di pagamento ancora più tecnologiche e innovative, come le App.

Infine, tra i cambiamenti ipotizzati, ne figura anche uno destinato a pazienti e consumatori: coloro che decideranno di pagare la parcella del medico, la benzina o la spesa con bancomat o carta di credito, potrebbero beneficiare di un piccolo sgravio fiscale. Un ulteriore incentivo per spingere sempre più persone ad abbandonare il pagamento con contanti e monete, che probabilmente in futuro, come già avviene Oltreoceano, risulterà obsoleto anche se solo per un caffè.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Silvestro (Past President FNOPI): «Copiamo i medici e introduciamo infermieri di famiglia e infermieri specialisti»

L’ex Senatrice PD descrive la figura dell’infermiere di famiglia elencandone ruoli e benefici e auspica il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...