Salute 23 gennaio 2015

Rapporto OCSE: l’assistenza sanitaria migliora ma… si può fare di più

Punti di forza la qualità delle cure e la bassa mortalità. La crisi economica però taglia ancora le gambe e accentua il divario tra le Regioni


L’OCSE mette al setaccio il Servizio Sanitario Nazionale italiano e indica la strada da seguire per migliorarlo attraverso la “Revisione sulla qualità dell’assistenza sanitaria in Italia”. Uno studio realizzato dalla Divisione Salute in collaborazione con Age.Na.S e Ministero della Salute.

Secondo I’OCSE, l’Italia si trova ad affrontare due sfide principali: la prima è quella di “garantire che gli sforzi che si stanno compiendo per contenere la spesa in campo sanitario non vadano a intaccare la qualità quale principio fondamentale di governance”; la seconda, invece, è quella di “sostenere le Regioni e Province Autonome che hanno infrastrutture più deboli”.

Tra gli aspetti positivi sottolineati dall’OCSE nella revisione ci sono: gli indicatori di esito, qualità ed efficienza del sistema sanitario italiano; l’aspettativa di vita, che è la quinta più alta tra i Paesi OCSE; i tassi di ricovero per asma, malattie polmonari croniche e diabete (che rappresentano indicatori di qualità delle cure primarie), tra i migliori nell’OCSE, mentre quelli di mortalità a seguito di ictus o infarto (indicatori di qualità dell’assistenza ospedaliera) sono ben al di sotto della media. II sistema delle cure primarie ha inoltre tradizionalmente fornito un’assistenza primaria di alta qualità a costi contenuti, mentre l’Italia ha fatto un passo importante verso il maggiore coordinamento e l’integrazione dell’assistenza con la Legge Balduzzi (n. 189/2012), che incoraggia la creazione di reti di assistenza territoriale. Il personale sanitario nel complesso offre, in conclusione, un’assistenza di alta qualità.

Non mancano però le criticità: secondo l’OCSE il “miglioramento della qualità e la riorganizzazione del sistema hanno assunto un ruolo secondario” quando la crisi economica ha iniziato a colpire. Il risanamento delle finanze è divenuto “priorità assoluta, nonostante I bisogni in fatto di salute evolvano rapidamente”. L’Italia deve infatti confrontarsi con un “crescente invecchiamento della popolazione ed un aumentato carico delle patologie croniche”. Secondo I’OCSE, inoltre, le riforme costituzionali del 2001 hanno “contribuito a creare 21 sistemi sanitari regionali con differenze notevoli sia per quanto riguarda l’assistenza che gli esiti”.

L’infrastruttura informativa è insufficientemente sfruttata a causa di una debole capacità di collegamento dei dati ed un uso limitato della cartella clinica elettronica/fascicolo sanitario elettronico.  In generale in Italia le buone intenzioni di policy non sono accompagnate da meccanismi adeguati che ne assicurino l’implementazione.

 

 

Articoli correlati
Prevenzione, al via la nona edizione di “Nonno Ascoltami” con Lino Banfi testimonial d’eccezione
Al via in tutta Italia la nona edizione di “Nonno Ascoltami! – L’Ospedale in piazza”, la campagna di controlli gratuiti dell’udito, che promuove su tutto il territorio nazionale una nuova cultura della prevenzione e della salute dei cittadini. Ad aprire l’edizione 2018 un testimonial d’eccezione: l’attore Lino Banfi, già promotore al fianco della Onlus “Nonno […]
“In Farmacia per i bambini”, al via la VI edizione. Testimonial Martina Colombari
Farmacisti e volontari sono invitati ad aderire alla VI edizione di In Farmacia per i bambini della Fondazione Francesca Rava N.P.H. Italia Onlus, che aiuta i bambini in condizione di disagio in Italia e nel mondo. L’iniziativa si svolgerà il 20 novembre, in concomitanza con la Giornata Mondiale dei Diritti dell’infanzia. Si tratta della Campagna nazionale di sensibilizzazione e raccolta farmaci da banco, alimenti per l’infanziae prodotti pediatrici destinati ai bambini che vivono in povertà sanitaria in Italia e in Haiti. LA VI EDIZIONE DI “IN FARMACIA PER I BAMBINI” In Farmacia per i bambini è un’azione di responsabilità sociale, realizzata da una grande squadra che include i farmacisti, i loro clienti, […]
La FNOMCeO lancia “Venezia in Salute 2018”
Una grande festa per ribadire che, a 40 anni dalla sua nascita, il Servizio Sanitario Nazionale è un tesoro, un’esperienza da difendere e, se possibile, da rafforzare. Questo sarà l’edizione 2018 di Venezia in Salute, la manifestazione in programma il 22 e il 23 settembre tra laguna e terraferma, presentata oggi alla stampa, organizzata dall’Ordine veneziano dei Medici Chirurghi e […]
Nasce “A scuola con le istituzioni” per creare pazienti/influencer
Tutti a scuola con le Istituzioni, per implementare il nuovo Sistema Salute introdotto dal Piano Nazionale Cronicità. L’ambizioso progetto, messo in cantiere da Ipacs (Institutional & Public Coaching Services) nasce dal doppio evento istituzionale del 12 luglio e 12 settembre, patrocinato dal Ministero della Salute, durante il quale è stata fatta esperienza, nei laboratori paralleli, […]
Ospedale dei Castelli, presto l’apertura. Magi e Bartoletti (OMCeO Roma) visitano la struttura
“Ospedale all’avanguardia”. Cosi’ hanno definito il complesso del Nuovo Policlinico dei Castelli il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma, Antonio Magi, e il vicepresidente, Pierluigi Bartoletti, al termine di una visita lampo nella struttura che diverrà operativa, secondo il cronoprogramma dell’Asl, il prossimo 18 dicembre. «I cittadini dei Castelli ma anche del litorale sud romano […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...
Formazione

Contratto, parla Carlo Palermo (Anaao): «Per firmare va sbloccata Retribuzione Individuale di Anzianità. Ecco come fare…»

Dai nodi da scogliere per arrivare a sbloccare il contratto alle soluzioni per rispondere alla carenza di specialisti, passando per le “autodimissioni” dei medici ospedalieri fino al taglio delle ...