Salute 23 gennaio 2015

Rapporto OCSE: l’assistenza sanitaria migliora ma… si può fare di più

Punti di forza la qualità delle cure e la bassa mortalità. La crisi economica però taglia ancora le gambe e accentua il divario tra le Regioni


L’OCSE mette al setaccio il Servizio Sanitario Nazionale italiano e indica la strada da seguire per migliorarlo attraverso la “Revisione sulla qualità dell’assistenza sanitaria in Italia”. Uno studio realizzato dalla Divisione Salute in collaborazione con Age.Na.S e Ministero della Salute.

Secondo I’OCSE, l’Italia si trova ad affrontare due sfide principali: la prima è quella di “garantire che gli sforzi che si stanno compiendo per contenere la spesa in campo sanitario non vadano a intaccare la qualità quale principio fondamentale di governance”; la seconda, invece, è quella di “sostenere le Regioni e Province Autonome che hanno infrastrutture più deboli”.

Tra gli aspetti positivi sottolineati dall’OCSE nella revisione ci sono: gli indicatori di esito, qualità ed efficienza del sistema sanitario italiano; l’aspettativa di vita, che è la quinta più alta tra i Paesi OCSE; i tassi di ricovero per asma, malattie polmonari croniche e diabete (che rappresentano indicatori di qualità delle cure primarie), tra i migliori nell’OCSE, mentre quelli di mortalità a seguito di ictus o infarto (indicatori di qualità dell’assistenza ospedaliera) sono ben al di sotto della media. II sistema delle cure primarie ha inoltre tradizionalmente fornito un’assistenza primaria di alta qualità a costi contenuti, mentre l’Italia ha fatto un passo importante verso il maggiore coordinamento e l’integrazione dell’assistenza con la Legge Balduzzi (n. 189/2012), che incoraggia la creazione di reti di assistenza territoriale. Il personale sanitario nel complesso offre, in conclusione, un’assistenza di alta qualità.

Non mancano però le criticità: secondo l’OCSE il “miglioramento della qualità e la riorganizzazione del sistema hanno assunto un ruolo secondario” quando la crisi economica ha iniziato a colpire. Il risanamento delle finanze è divenuto “priorità assoluta, nonostante I bisogni in fatto di salute evolvano rapidamente”. L’Italia deve infatti confrontarsi con un “crescente invecchiamento della popolazione ed un aumentato carico delle patologie croniche”. Secondo I’OCSE, inoltre, le riforme costituzionali del 2001 hanno “contribuito a creare 21 sistemi sanitari regionali con differenze notevoli sia per quanto riguarda l’assistenza che gli esiti”.

L’infrastruttura informativa è insufficientemente sfruttata a causa di una debole capacità di collegamento dei dati ed un uso limitato della cartella clinica elettronica/fascicolo sanitario elettronico.  In generale in Italia le buone intenzioni di policy non sono accompagnate da meccanismi adeguati che ne assicurino l’implementazione.

 

 

Articoli correlati
Bambini disabili: lo sport giusto fa bene. Ma lo deve prescrivere il medico: dal tennis al nuoto, ecco i consigli
L’attività fisica è un elemento fondamentale nella crescita ed evoluzione psicofisica dei giovani. Bambini e adolescenti affetti da malattie croniche e disabilità non devono fare eccezione. I consigli dello specialista esperto per la scelta delle attività più indicate nelle differenti situazioni patologiche
Migranti e salute, le indicazioni del SIMM. Marceca: «Puntare su formazione personale e corretta comunicazione»
Il Presidente della Società Italiana di Medicina delle Migrazioni spiega ai nostri microfoni quali sono i benefici di un corretto approccio al processo migratorio: «Gli operatori sanitari devono essere addestrati adeguatamente ad affrontare qualsiasi situazione». E aggiunge: «La capacità di curare gruppi di popolazione più vulnerabili fa crescere anche la qualità dei servizi forniti agli “autoctoni”»
Velocità e precisione: all’Ifo di Roma arriva Cyberknife, il robot che rivoluziona la radiochirurgia
Precisione, salvaguardia dei tessuti sani, minore invasività, riduzione degli effetti collaterali e del dolore. Sono questi i benefici di CyberKnife rispetto alle procedure di radioterapia tradizionali. Giuseppe Sanguineti, Direttore di Radioterapia oncologica dell’Ifo, lo definisce una vera rivoluzione e descrive le peculiarità e le funzionalità ai microfoni di Sanità Informazione
Autocertificazione malattia, Giansante (Medicina Fiscale): «Un errore, solo il medico può capire reale entità problema»
Il Vicepresidente ANMEFI (Associazione Nazionale Medici di Medicina Fiscale) commenta ai nostri microfoni la proposta di legge firmata dal Senatore Romani che ipotizza la possibilità per i lavoratori di autogiustificare i primi tre giorni di assenza per malattia dal lavoro
La Giunta regionale stanzia 34 milioni di euro per progetti di alta specializzazione
La Giunta regionale dell’Emilia Romagna ha deciso di destinare 34 milioni di euro alle Aziende sanitarie e all’Istituto Ortopedico Rizzoli per finanziare funzioni specifiche all’interno dei tre “macro livelli” dell’assistenza: ospedaliera, territoriale, sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro. L’ortopedia ad elevata complessità, la cardiologiapediatrica, la cura della talassemia, la chirurgia della mano […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...