Formazione 11 ottobre 2016

Lampedusa, parte Sanità di Frontiera: per la prima volta la formazione dei medici sulle migrazioni si fa sul campo

Sull’isola l’iniziativa che mette al centro la formazione dei medici per fronteggiare al meglio il fenomeno migratorio. Aureli, direttore dell’iniziativa: «Colmiamo vuoto esistente nel sistema italiano». Alfano: «Se c’è da fare di più faremo di più»

Sanità di Frontiera entra nella sua fase operativa. Tre anni dopo la prima grande strage di migranti a Lampedusa, prende corpo l’iniziativa umanitaria dell’Osservatorio Internazionale della Salute (OIS) che punta a rafforzare e omologare verso un livello d’eccellenza la formazione degli operatori sanitari sul tema della salute dei migranti. Pilastro del progetto, il Dottor Pietro Bartolo, uno dei medici più operativi negli sviluppi migratori, divenuto oramai un vero e proprio simbolo per Lampedusa.

«Sanità di Frontiera – spiega il dottor Francesco Paolo Aureli, direttore del progetto – va a colmare un vuoto esistente nel sistema sanitario italiano che ad oggi è quello della formazione dei medici, paramedici e degli operatori sanitari che si occupano di immigrazione. L’idea è nata con il sostengo di Consulcesi Onlus che partirà con un primo corso di formazione a dicembre 2016. Sanità di Frontiera – prosegue Aureli – oltre alla componente formativa, andrà a svolgere anche attività per cercare di mettere in rete i vari operatori del settore, i vari stakeholder che si occupano d’immigrazione sul territorio nazionale, con l’intento poi di espandere anche a livello europeo. Una piattaforma tecnologica che possa mettere in collegamento digitale i vari operatori attraverso una App per smartphone e tablet attraverso una piattaforma online che possa essere consultata e che metta in collegamento da un lato gli immigrati e, dall’altro, tutti gli operatori sanitari e gli enti che si occupano di sanità in Italia. Sanità di Frontiera – conclude – nasce anche per contribuire a migliorare lo stato di salute psicofisico dei migranti, quindi oltre al loro benessere fisico anche il loro benessere mentale».

Tutte le fasi del progetto Sanità di Frontiera saranno documentate e disponibili su un sito web. Il materiale servirà per realizzare un docufilm e un video-corso ECM FAD destinato a medici interessati ad approfondire il tema dell’immigrazione da un punto di vista medico e sanitario.

La formazione dei medici rispetto al fenomeno migratorio è un tema caro anche alle istituzioni, come sottolinea ai microfoni di Sanità di Frontiera il Ministro dell’Interno Angelino Alfano: «Abbiamo delle eccellenze straordinarie in campo, sia a Lampedusa, come il dottor Bartolo, ma anche a Agrigento e Palermo e in tutte quelle zone sanitarie che rappresentano una prima frontiera in queste emergenze». Insomma, per Alfano finora «i medici italiani hanno risposto alla grande all’emergenza», ma «se c’è da fare di più si farà di più».

Articoli correlati
Responsabilità professionale, AmTrust: «Allo studio premi per ridurre polizze a medici in regola con ECM»
Intervista a Leonardo Martinelli, Chief Claims Officer di AmTrust: «Legge Gelli svolta fondamentale, ma attendiamo i decreti attuativi. Per noi compagnie uno degli elementi decisivi è quello della formazione e dell’aggiornamento continuo in medicina. Un medico aggiornato è una garanzia per le assicurazioni»
Ex specializzandi, 628 medici Consulcesi ricevono rimborsi per 22 milioni di euro
A Milano camici bianchi provenienti dalla Lombardia e da altre regioni hanno ricevuto l’assegno di rimborso per gli anni di scuola post-laurea non retribuiti. Nel corso dell’evento si è parlato anche di responsabilità professionale e nuove opportunità lavorative: presentato il portale AIOP Job, la prima banca dati per trovare lavoro in sanità in 500 strutture
«Ecco come ho recuperato 5 anni di IRAP non dovuta». Parlano i medici
Il caso dei medici assistiti dai commercialisti di Consulcesi e le indicazioni per chi vuole intervenire presentando l’apposita integrazione alla prossima dichiarazione dei redditi recuperando 5 anni di tasse ingiustamente versate, da compensare con i crediti maturati
«Ex specializzandi, in arrivo emendamento al DEF»
L’iniziativa dei senatori Lettieri e Liuzzi con i presidenti OMCeO di Bari e BAT, Anelli e Del Vecchio, e gli avvocati degli ex specializzandi di Consulcesi: «Sentenze a senso unico, medici e istituzioni facciano pressione per chiudere presto la questione. Un “tour” in tutti gli OMCeO d’Italia per sensibilizzare la categoria»
Mangiare sano con gusto, la “ricetta” della Dottoressa Serena Missori: «Rivolgersi a medici correttamente formati»
Mangiare sano senza rinunciare al gusto. E’ possibile? L’endocrinologa e nutrizionista Serena Missori, referente scientifica per il Provider ECM 2506 Sanità in-Formazione, nonché autrice di diversi libri di successo (tra cui l’ultimo, in ordine di tempo, è “La dieta dei biotipi”) spiega perché la corretta alimentazione di un paziente passa anche e soprattutto dalla corretta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...