Formazione 11 ottobre 2016

Lampedusa, parte Sanità di Frontiera: per la prima volta la formazione dei medici sulle migrazioni si fa sul campo

Sull’isola l’iniziativa che mette al centro la formazione dei medici per fronteggiare al meglio il fenomeno migratorio. Aureli, direttore dell’iniziativa: «Colmiamo vuoto esistente nel sistema italiano». Alfano: «Se c’è da fare di più faremo di più»

Sanità di Frontiera entra nella sua fase operativa. Tre anni dopo la prima grande strage di migranti a Lampedusa, prende corpo l’iniziativa umanitaria dell’Osservatorio Internazionale della Salute (OIS) che punta a rafforzare e omologare verso un livello d’eccellenza la formazione degli operatori sanitari sul tema della salute dei migranti. Pilastro del progetto, il Dottor Pietro Bartolo, uno dei medici più operativi negli sviluppi migratori, divenuto oramai un vero e proprio simbolo per Lampedusa.

«Sanità di Frontiera – spiega il dottor Francesco Paolo Aureli, direttore del progetto – va a colmare un vuoto esistente nel sistema sanitario italiano che ad oggi è quello della formazione dei medici, paramedici e degli operatori sanitari che si occupano di immigrazione. L’idea è nata con il sostengo di Consulcesi Onlus che partirà con un primo corso di formazione a dicembre 2016. Sanità di Frontiera – prosegue Aureli – oltre alla componente formativa, andrà a svolgere anche attività per cercare di mettere in rete i vari operatori del settore, i vari stakeholder che si occupano d’immigrazione sul territorio nazionale, con l’intento poi di espandere anche a livello europeo. Una piattaforma tecnologica che possa mettere in collegamento digitale i vari operatori attraverso una App per smartphone e tablet attraverso una piattaforma online che possa essere consultata e che metta in collegamento da un lato gli immigrati e, dall’altro, tutti gli operatori sanitari e gli enti che si occupano di sanità in Italia. Sanità di Frontiera – conclude – nasce anche per contribuire a migliorare lo stato di salute psicofisico dei migranti, quindi oltre al loro benessere fisico anche il loro benessere mentale».

Tutte le fasi del progetto Sanità di Frontiera saranno documentate e disponibili su un sito web. Il materiale servirà per realizzare un docufilm e un video-corso ECM FAD destinato a medici interessati ad approfondire il tema dell’immigrazione da un punto di vista medico e sanitario.

La formazione dei medici rispetto al fenomeno migratorio è un tema caro anche alle istituzioni, come sottolinea ai microfoni di Sanità di Frontiera il Ministro dell’Interno Angelino Alfano: «Abbiamo delle eccellenze straordinarie in campo, sia a Lampedusa, come il dottor Bartolo, ma anche a Agrigento e Palermo e in tutte quelle zone sanitarie che rappresentano una prima frontiera in queste emergenze». Insomma, per Alfano finora «i medici italiani hanno risposto alla grande all’emergenza», ma «se c’è da fare di più si farà di più».

Articoli correlati
Carenza medici, Consulcesi: «Bene SIGM, elezioni occasione per riprogrammare la sanità»
Anche la principale realtà di tutela della classe medica appoggia la posizione di Andrea Silenzi, Presidente SIGM: «Felici che il tema della programmazione dei medici sia entrato nel dibattito della campagna elettorale. Prioritaria nuova programmazione quali-quantitativa metodologicamente fondata»
Ex specializzandi, parla l’esperto della vertenza: «Rimborsi anche a chi si è iscritto prima del 1983 e importi da rivedere al rialzo»
L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, con oltre 530 milioni di euro fatti riconoscere dai tribunali in favore dei medici tutelati dal network legale Consulcesi, spiega cosa cambia con la recente pronuncia della Corte di Giustizia Europea. Nel frattempo una sentenza del Tribunale di Roma conferma i rimborsi a chi ha interrotto la prescrizione prima del 20 ottobre 2017
Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»
Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gradi di giudizio, inoltre le somme riconosciute potrebbero triplicarsi e vengono meno i termini di prescrizione»
Medici ex specializzandi, Corte Giustizia Ue ribadisce diritto a «remunerazione adeguata»
Da Lussemburgo arriva altra sentenza favorevole per gli specializzati tra il 1983 e il 2006. Obbligo sorge immediatamente e, eventualmente, c’è diritto al risarcimento anche senza legge ad hoc. Stato rischia esborso complessivo di 5 miliardi di euro. Consulcesi rappresenta 80% degli interessati
Medici e Irap non dovuta: scatta il conto alla rovescia per recuperare 5 anni di tasse
Tempo solo fino al 31 dicembre 2017 per recuperare anche l’IRAP non dovuta nel 2012. Consulcesi a disposizione con il suo partner tecnico specializzato in consulenza tributaria per predisporre la “dichiarazione integrativa a favore del contribuente” modificata dall’articolo 5 del Dl fiscale 2016
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...