Salute 5 maggio 2014

Il Ssn alla prova del nove con la riforma del Titolo V

Lo Stato detterà le linee generali e le Regioni organizzeranno i servizi con l’obiettivo di arrivare al decentramento. E’ la strada giusta?

Immagine articolo

La riforma del Titolo V della Costituzione, approvata nell’ormai lontano 2001, pare aver causato più dolori che gioie. La sovrapposizione di competenze tra Stato e Regioni in materia di sanità ha avuto degli effetti che, stando a quanto dichiarato recentemente dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, “ha creato un disastro che pagheremo per generazioni”.

Negli scorsi mesi, a cavallo del cambio di governo, il dibattito su una tanto possibile quanto necessaria revisione del Titolo V – ed in particolare dell’articolo 117 – si era fatto molto acceso: l’opinione pubblica si è spaccata tra chi voleva tornare alla situazione pre-riforma e chi spingeva invece per trovare una nuova strada da percorrere per far funzionare il Servizio Sanitario Nazionale come e meglio di prima.

La via trovata dal premier Renzi passa per un sistema diviso in livelli tra loro meno conflittuali e più ordinati, caratterizzati da un decentramento legislativo che, almeno in teoria, dovrebbe essere più chiaro e razionale. Nella proposta di riforma del governo vengono separate le competenze esclusive statali e quelle residuali riguardanti invece le varie Regioni. Lo Stato si occuperà dunque delle norme generali riguardanti la tutela della salute e la sicurezza alimentare e del lavoro. Le Regioni avranno invece potestà legislativa riguardo tutte quelle materie o funzioni non espressamente riservati allo Stato. Tra queste c’è anche l’organizzazione dei servizi sanitari e sociali all’interno dei confini regionali.

In aggiunta, viene introdotta una “clausola di supremazia”, secondo la quale i provvedimenti legislativi dello Stato, su proposta dell’esecutivo, possono intervenire anche su funzioni o materie di non esclusiva competenza statale. Questo può avvenire quando in ballo ci sono situazioni che minano l’unità economica o giuridica della Repubblica o quando ci si trova di fronte a provvedimenti e riforme di interesse nazionale. Lo Stato potrà comunque decidere di delegare il potere legislativo alle Regioni su materie di propria ed esclusiva competenza.

Insomma, con questa riforma le norme generali vengono dettate dallo Stato, mentre il modo in cui organizzare i servizi sanitari spetta alle Regioni. È, questa, la giusta strada da seguire per risollevare le sorti di un Ssn martoriato dai continui tagli e dalle troppe inefficienze? Nei prossimi numeri Sanità Informazione chiederà ai personaggi più importanti del panorama sanitario italiano un parere in merito.

Articoli correlati
Napoli, detrazione del 19% sugli alimenti aproteici per chi ha malattie renali croniche
Una buona notizia per gli oltre 348.000 pazienti nefropatici residenti in Campania: potranno infatti usufruire di una detrazione del 19% sull’acquisto di alimenti aproteici. Un’opportunità di risparmio che ad oggi è l’unica, dato che la Regione non prevede alcun tipo di rimborso sull’acquisto di questi alimenti, nonostante per chi soffre di insufficienza renale siano stati […]
Legge Bilancio 2018: cosa cambia per il comparto sanità? Ecco tutte le novità…
Quali saranno le aree di applicazione della manovra? A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno già si iniziano a tracciare i primi bilanci ma i sindacati restano insoddisfatti…
Il DDL sulle professioni sanitarie è legge. COSMED: atteso da anni
La COSMED, in un comunicato stampa, esprime grande soddisfazione per l’approvazione del disegno di legge sulle professioni sanitarie: «Ѐ stato un atto di attenzione dopo una legislatura che ha largamente trascurato il diritto alla salute, rare volte nell’agenda dell’esecutivo, che ha accolto il nostro appello. Dopo anni trovano realizzazione contenuti innovativi di utilità per tutta la […]
Value Academy: formazione e “program budgeting” per un SSN condiviso ed efficace
  La Fondazione Charta promuove un progetto formativo rivolto ai decisori politico-amministrativi della sanità italiana per uniformare al rialzo l’offerta di salute su tutto il territorio nazionale. Fornire gli strumenti di Governance necessari a mettere le diverse realtà locali a confronto per permettergli di agire in un’ottica di program budgeting, ovvero in base ai piani e […]
Legge di stabilità, Giovani Medici SIGM: «Grave attentato al futuro del SSN»
«Zero euro per contratti di formazione medica post lauream. Grave responsabilità del Governo. Totale assenza della Politica tutta e delle Istituzioni, sorde alle giuste richieste delle nuove generazioni di camici bianchi. Grave attentato al futuro del Servizio Sanitario Nazionale». Questo il pensiero e la delusione espressi dai Giovani Medici SIGM sulla Legge di Stabilità. «L’Associazione Italiana Giovani […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...