OMCeO, Enti e Territori 2 gennaio 2018

AMSI e Uniti per Unire a Capo Verde per operare 500 pazienti e formare medici locali

  «Solidarietà ma anche Sanità oltre i confini, per portare un supporto medico-scientifico ai Paesi in via di sviluppo, contribuendo alla loro cura e al loro sviluppo locale»: sono questi gli obiettivi tradotti da subito in realtà portati avanti dal Movimento Internazionale “Uniti per Unire” e dall’Associazione Medici di Origine Straniera in Italia (AMSI), che […]

 

«Solidarietà ma anche Sanità oltre i confini, per portare un supporto medico-scientifico ai Paesi in via di sviluppo, contribuendo alla loro cura e al loro sviluppo locale»: sono questi gli obiettivi tradotti da subito in realtà portati avanti dal Movimento Internazionale “Uniti per Unire” e dall’Associazione Medici di Origine Straniera in Italia (AMSI), che sostengono la II missione medica “Sirurgica” a Capo Verde,  inquadrata nel protocollo siglato tra Kriol-Ià (Associazione di Amicizia Italia- Capo Verde) e l’Ospedale in loco Baptista de Sousa, iniziata lo scorso 27 dicembre e che proseguirà fino all’8 gennaio.

Nell’ambito della missione vengono effettuate chirurgie oftalmiche programmate per dare risposta agli oltre 500 pazienti che sono in lista di attesa, con uno scambio tra personale medico sanitario locale e italiano. I beneficiari sono capoverdiani giovani e adulti affetti da cataratta e da altre patologie oftalmologiche, provenienti per lo più dal Nord dell’Arcipelago, e selezionati dalla stessa struttura ospedaliera del Paese.

«Siamo fieri che anche in un periodo di festività questi amici, colleghi Professionisti della Sanità internazionali, avviano a Capo Verde questa importante missione che contribuirà alla cura di tanti pazienti», dichiara il Professor Foad Aodi, medico fisiatra, Fondatore di Amsi e Uniti per Unire, eletto per il quarto mandato consecutivo come Consigliere dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Roma e provincia. Tra gli obiettivi dell’Ordine dei Medici, come dichiara anche il collega di Aodi Roberto Bonfili, Responsabile UOS Emergenza in Oculistica presso  l’Azienda Ospedaliera Forlanini di Roma, Neo Consigliere dell’Ordine dei Medici ed Odontoiatri di Roma e Vicesegretario di Uniti per Unire, «quello di sostenere lo scambio e la cooperazione sanitaria per curare i pazienti in loco, insegnando le tecniche chirurgiche ai medici locali, e conferendo così alla professione medica  un carattere internazionale che includa anche la solidarietà e il volontariato».

«Ci auguriamo di sostenere, unendo le forze e le competenze, tante altre missioni mediche e chirurgiche come quella che è in corso in questi giorni a Capo Verde. Speriamo, inoltre, che proprio dall’Ordine dei Medici di Roma, nello specifico, dalla sua area affari esteri e cooperazione internazionale, si possano formare i medici in loco nei Paesi in difficoltà, da una parte, e curare i pazienti dall’altra. In tal modo, riusciremo a migliorare i servizi sanitari locali, dando più cure e formazione, e a diminuire nello stesso tempo la problematica dell’immigrazione sanitaria e la fuga dei cervelli da questi Paesi verso l’Italia e l’Europa», conclude Aodi.

Articoli correlati
Foad Aodi (Presidente AMSI): «Negli ultimi due anni, oltre 5mila medici si sono trasferiti all’estero»
Alla vigilia del Congresso AMSI (Associazione Medici di Origine Straniera in Italia), l’appello all’unità del Presidente: «Chi gioca solo perde sempre»
S.S. Lazio, B-Academy, AMSI; UMEM e FIMMG Roma: nasce l’alleanza prevenzione e aggiornamento in medicina sportiva
Con la  supervisione del Prof. Ivo Pulcini, Direttore Sanitario della SS Lazio calcio, sono stati effettuati esami cardiologici ai calciatori della SS Lazio col nuovo Modulo Sudden Death Screening (SDS), uno strumento unico per la prevenzione della morte cardiaca improvvisa, principale causa di morte nei giovani atleti. Per il massimo comfort, il modulo SDS è […]
UMEM e AMSI: «500 mila medici stranieri esercitano in Europa, urge un censimento»
Aumentate del 30% negli ultimi 5 anni le richieste di lavoro all'estero da parte dei medici in Italia; aumentate del 40% le richieste di lavoro provenienti dall'estero per i Professionisti della Sanità italiani e di origine straniera
Immigrazione, Foad Aodi: «La Co-mai applaude per la liberazione di Mosul»
«Accogliamo positivamente la liberazione di Mosul in Iraq come ha dichiarato ufficialmente il premier iracheno Abadi», commenta Foad Aodi, Presidente delle Co-mai ,Comunità del mondo arabo in italia e dell’AMSI, Associazione Medici d’origine Straniera in Italia,  nonchè “Focal Point”  per l’integrazione in Italia per l’ Alleanza delle Civiltà (UNAoC), organismo ONU. Vogliamo ricordare che l’ Italia, da […]
«Dai medici altruismo senza confini. Nasce il progetto Sanità di Frontiera»
L’Osservatorio Internazionale della Salute e Consulcesi Onlus lanciano una grande iniziativa che unisce solidarietà, ricerca e formazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...