Lavoro 26 Novembre 2021 12:40

Carenza sanitari, Aodi (Amsi): «Integrare professionisti stranieri nel SSN»

Il presidente Amsi Foad Aodi illustra il Manifesto “Buona sanità internazionale” in tre punti e presenta le richieste alle Istituzioni

di Giulia Cavalcanti e Viviana Franzellitti
Carenza sanitari, Aodi (Amsi): «Integrare professionisti stranieri nel SSN»

Un manifesto per elencare i punti da affrontare con urgenza a livello legislativo per consentire l’integrazione di medici e professionisti sanitari stranieri all’interno del sistema sanitario nazionale. È quanto previsto da “Buona Sanità internazionale”, un documento presentato alla presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato Anna Maria Parente da Foad Aodi, presidente e fondatore dell’Associazione medici di origine straniera in Italia e Unione medica euro mediterranea, nonché membro della Commissione Salute Globale della FNOMCeO.

Carenza medici, Aodi: «Applicare in modo omogeneo l’Art. 13 del decreto Cura Italia»

La prima questione riguarda la carenza di infermieri, medici di famiglia e specialisti con cui il SSN fa i conti da anni. «Nel 2026 mancheranno 50mila medici che dovranno essere sostituiti. Un’emergenza che annunciamo da anni» ha denunciato a Sanità Informazione il rappresentante dei medici stranieri in Italia.

Secondo Aodi, una possibile soluzione potrebbe essere l’applicazione dell’Art. 13 del decreto Cura Italia. Aodi ha chiesto di estenderlo «in modo omogeneo» sia ai medici che provengono dall’estero che a quelli che già sono in Italia. «All’inizio dell’emergenza, il decreto ha aperto le porte ai professionisti sanitari stranieri iscritti regolarmente ai loro albi professionali» ha spiegato Aodi. Di fatto, però, ha escluso «quelli che già ci sono e parliamo di 77.500 professionisti della sanità: 22mila medici e 38mila infermieri. Bisogna coinvolgere quelli che sono già qui, conoscono bene la sanità, la cultura e, soprattutto, la lingua italiana».

«Aprire i concorsi ai sanitari stranieri senza la cittadinanza italiana»

La proposta avanzata dal Presidente dell’Amsi è quella di coinvolgere i sanitari stranieri che lavorano in Italia da cinque anni regolarmente, con permesso di soggiorno e iscrizione all’albo professionale, senza l’obbligo della cittadinanza. «Ultimamente – ha evidenziato – vengono fatti tanti concorsi ma nessuno si presenta o si presentano in numero inferiore a quello richiesto. Questo avviene specialmente per radiologia, anestesia e ginecologia».

Concorda l’Assessore alla sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, che ha dichiarato: «Il Lazio non solo è pronto ad applicare le norme previste dal ‘Cura Italia’, ma riteniamo sacrosanto, per chi lavora in Italia da 5 anni, parla la lingua italiana, è iscritto ad un Ordine professionale dei medici e che possiede il regolare permesso di soggiorno, il diritto di poter partecipare ai bandi di reclutamento previsti dal Sistema sanitario, indipendentemente dal possedere la cittadinanza italiana».

Telemedicina, aggiornamento professionale e buone pratiche

Infine, nel manifesto si chiede di «promuovere la telemedicina, l’aggiornamento professionale, la cooperazione internazionale – ha concluso Aodi -. Per noi è importante l’internazionalizzazione del SSN e la valorizzazione delle buone pratiche in sanità».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Muro di Berlino, Foad Aodi (Amsi): «Dopo 32 anni il 40% dei sanitari dell’est è ritornato a casa»
Amsi, Umem e Movimento Uniti per Unire: «Dopo anni ci sono ancora muri mentali e materiali nel mondo, chi era povero è diventato ricco e meno altruista»
Immigrazione, Aodi (Amsi): «Solo il 7% di 800.000 persone senza tessera sanitaria ha il green pass»
Solo in 13 regioni su 21 si possono effettuare vaccini per irregolari, ribadisce Aodi (AMSI) e denuncia i ritardi nelle vaccinazioni nei paesi più poveri
Movimento Uniti per Unire: «La lezione della pandemia per prevenire future crisi globali. Le proposte al Governo italiano»
Il webinar “Diritto alla salute e cooperazione internazionale: la lezione della pandemia per prevenire future crisi globali” ha visto la presenza di tanti relatori qualificati
Il Movimento “Uniti per Unire” festeggia 10 anni ed elegge nuovo direttivo
Foad Aodi confermato Presidente, vicepresidenti Federica Battafarano, Jessica Veronica Faroni e Federica Federici. Segretario Generale Alessandro Barone e Tesoriere Francesco Bonelli
Amsi: eletto Direttivo e organigramma internazionale con conferme e new entry
L'Ufficio di presidenza Amsi conta ben 150 professionisti della sanità di origine straniera e il Comitato Scientifico più di 100 esperti italiani e di origine straniera a favore di Un'Unione Mondiale nella Sanità (UMS)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre