Formazione 23 Novembre 2021 11:39

Ecm, Foschi (Cic): «Dal Covid grande insegnamento su utilità formazione a distanza»

Tra poco più di un mese scadrà la proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019. Il presidente del Collegio italiano dei chirurghi: «L’invito è tornare ad una vita normale anche professionale. Giusto riprendere verifiche e meccanismi di superamento degli ostacoli»

Ecm, Foschi (Cic): «Dal Covid grande insegnamento su utilità formazione a distanza»

«L’Ecm è fondamentale, parlo come chirurgo. Ci sono due aspetti da considerare: le malattie cambiano – pensiamo al Covid-19 che ha fatto irruzione nella nostra vita così rapidamente obbligandoci tutti a studiare – ma cambia anche il modo di affrontarle e quindi la professione si aggiorna continuamente. Bisogna rimanere sulla cresta dell’onda, sempre aggiornati per poter dare il massimo della cura a tutti».

Secondo Diego Foschi, presidente del Collegio italiano chirurghi (Cic), l’aggiornamento è quindi «un processo spontaneo, automatico, legato alla stessa essenza della professione medica». La scienza continua a correre e restare al passo è fondamentale per garantire un’assistenza completa ai pazienti. Implementare e migliorare il percorso formativo è quindi nell’interesse, in primis, di medici e operatori sanitari.

«Formazione Ecm e aggiornamento intrinseco nella natura professionale del medico»

«Il sanitario ha la formazione e l’aggiornamento intrinseco nella sua natura professionale – spiega il presidente nell’intervista a Sanità Informazionema poi incontra degli obblighi che non sempre comprende pienamente. Credo che la pandemia ci abbia dato una chiave di comunicazione che prima era poco sfruttata, quella digitale, che deve essere valorizzata grandemente per determinati scopi».

L’impulso formativo a distanza, Foschi: «Più semplice, più economico e più efficiente»

Negli ultimi due anni, a causa della pandemia, l’apprendimento professionale a distanza ha avuto un particolare impulso, funzionale quanto necessario. «Tutto ciò che può essere fatto a distanza deve essere fatto così – aggiunge Foschi – è più semplice, più economico e più efficiente. Tutto ciò che merita di essere appreso sul campo e ha bisogno di una presenza fisica deve continuare ad avere questo mezzo di condivisione».

Ecm, Foschi: «Sfruttare la comunicazione digitale e tutto ciò che può essere fatto a distanza»

L’educazione continua in medicina è un processo che ha anche bisogno di «organizzazione, regole e verifiche». Un sistema che «dovrebbe essere trasformato e assumere un’altra forma, più semplice, funzionale e facile da capire» dichiara Foschi. I sanitari oggi possono sfruttare le potenzialità della tecnologia e della telemedicina, a cui affiancare la medicina tradizionale. Visite a distanza – tramite Skype, Zoom e simili – teleconsulto e telemonitoraggio permettono di ridurre le spese per il SSN, eliminare le liste d’attesa e assistere i malati cronici o anziani direttamente a casa.

A fine anno scade la proroga, Foschi: «L’invito è tornare ad una vita normale anche professionale»

Manca poco per recuperare i trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019. La scadenza della proroga, infatti, come ricordato dal sottosegretario Sileri, è fissata al 31 dicembre. Poi, gli Ordini inizieranno le verifiche sugli iscritti e applicheranno le sanzioni previste dalla legge. Si va dal semplice richiamo alla sospensione, fino alla radiazione. «La proroga era stata concessa per gli ostacoli fortissimi alla comunicazione e alla condivisione delle esperienze durante la pandemia. Se lo scopo è tornare alla normalità della nostra vita – sottolinea Foschi – è giusto anche tornare alle verifiche e ai meccanismi di superamento degli ostacoli anche nella formazione professionale. Credo debba essere un processo graduale. Il sottosegretario Sileri ha dato un segnale importante: l’invito è tornare ad una vita normale anche professionale».

Obbligo formativo e sanzioni, Foschi: «L’obiettivo è stimolare le persone ad una medicina di élite spendibile per tutti»

Foschi auspica «una sanzione propositiva. Se c’è stato un errore dobbiamo aiutare le persone a superarlo e stimolarle ad andare oltre. Se mi mancassero cinque crediti – evidenzia – sarebbe bello che il mio ordine mi indicasse un corso utile per la mia professione». È contrario, invece, all’introduzione di meccanismi premianti per i tanti professionisti che conseguono più crediti del necessario. «Non credo sia questo il problema, ma di stimolare le persone ad una medicina di élite di vertice, avanzatissima ma che sia spendibile per tutti. E che porti la formazione di specialisti capaci di riversare sui loro pazienti tutte le conoscenze che hanno acquisito».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Diabete, al via il corso di formazione per medici libici della Società Italiana di Diabetologia
Il corso a distanza prenderà il via il 16 maggio. Il diabete è in aumento esponenziale soprattutto nei paesi in via di sviluppo come quelli africani affacciati sul Mediterraneo
Carenza infermieri, Consulcesi: «Si supera puntando sulla formazione»
In occasione della Giornata Internazionale dell’infermiere, che si celebra oggi 12 maggio, il presidente di Consulcesi Massimo Tortorella chiede di rivedere le modalità di accesso alla facoltà di Infermieristica. Urgenti anche misure che rendano la professione più attraente in Italia
PNRR, Tortorella (Consulcesi): «Formazione nel Metaverso chiave per il futuro della Digital Health»
Durante l’Audizione in Commissione Affari costituzionali, l’AD Consulcesi ha evidenziato come cogliere l’opportunità del PNRR per attuare una vera digitalizzazione del sistema sanitario
Specializzandi in corsia, ufficializzate le regole su formazione e assunzione
È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale l’accordo quadro per la formazione e l'assunzione degli specializzandi al terzo anno
Terza età, Magi (Omceo Roma): «Siamo indietro, cambiare impostazione organizzativa»
Il convegno “La sanità per la terza età” nella sede dell'Ordine dei medici e degli odontoiatri di Roma. De Lillo (Vicepresidente): «Investire risorse Pnrr sulla formazione dei professionisti sanitari del domani»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 520.120.789 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.260.307 i decessi. Ad oggi, oltre 11,39 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...