Voci della Sanità 12 Maggio 2022 16:38

Carenza medici, Foad Aodi (Amsi): «Nei prossimi sei anni saranno chiusi 100 ospedali»

«Salviamo la sanità italiana prima che sia tardi, vanno date risposte immediate e programmarne altre per combattere la fuga dei professionisti della sanità all’estero, dalle strutture pubbliche e in pensione». Così Foad Aodi, Fondatore dell’Amsi, Associazione medici stranieri in Italia, membro della Commissione Salute Globale Fnomceo e già 4 volte consigliere Omceo di Roma. «Nei […]

«Salviamo la sanità italiana prima che sia tardi, vanno date risposte immediate e programmarne altre per combattere la fuga dei professionisti della sanità all’estero, dalle strutture pubbliche e in pensione». Così Foad Aodi, Fondatore dell’Amsi, Associazione medici stranieri in Italia, membro della Commissione Salute Globale Fnomceo e già 4 volte consigliere Omceo di Roma.

«Nei prossimi sei anni saranno chiusi 100 ospedali – si legge in una nota – il 50% delle richieste che arrivano all’Amsi da tutte le regioni italiane, dal pubblico e dal privato, sono per il Pronto soccorso poi area di emergenza medica e chirurgica oltre alla radiologia e all’anestesia. Sono aumentate le richieste di medici specialisti e infermieri all’Amsi del 40% dal 2021 ,dal sud al nord, in particolare dal Veneto, Lombardia, Lazio, Sicilia, Piemonte, Valle D’Aosta, FVG, Emilia Romagna, Toscana, Calabria, Campania. In base a questa percentuale di richieste che arrivano all’Amsi tutti i giorni e visto la grave carenza di medici specialisti ed infermieri abbiamo fatto la previsione e le statistiche per i prossimi 6 anni. Abbiamo bisogno di 50mila unità di medici e infermieri per colmare la carenza e chi va in pensione altrimenti saranno chiusi 100 ospedali in sei anni. Ad oggi non vediamo nessuna proposta immediata e urgente dal mondo politico nazionale che può salvare questi ospedali dalla chiusura ed è per questo che facciamo il nostro appello».

«Negli ultimi anni qualche decisione è stata presa ma per far abbassare la febbre della patologia cronica (la carenza di medici e infermieri) che colpisce la sanità pubblica italiana da anni, bisogna curare le cause importanti e gli effetti collaterali che sono devastanti e non fermarsi a curare solo i sintomi. Le cause spaziano dalla fuga dalle strutture sanitarie pubbliche e all’estero per stanchezza e mancanza di protezione e di valorizzazione dei professionisti della sanità italiani e di origine straniera ,al precariato permanente ,salario basso, effetti della medicina difensiva, numero non sufficiente di borse di studio per specializzazione, il numero chiuso a Medicina, turni massacranti e la Sindrome da Burnout. Si aggiunge la mancanza di unità e impegno comune dei professionisti della sanità italiani. Urge più gioco di squadra e una voce unica per stimolare la politica a prendere subito decisioni importanti a favore della sanità italiana altrimenti perdiamo tutti in primis la politica, compreso quelli che ci accusano di voler riempiere gli ospedali italiani di medici e infermieri stranieri dal momento che l’80% dei concorsi sono deserti».

Articoli correlati
Al via il progetto Sud America di Uniti per Unire, Aodi: «Dal Cile buone pratiche e suggerimenti per risolvere patologica carenza di sanitari»
«Il Cile è uno stato di diritto sociale e democratico. È multinazionale, interculturale ed ecologico. Si costituisce come Repubblica solidale, la sua democrazia è paritaria e riconosce come valori intrinseci e inalienabili la dignità, la libertà, l’uguaglianza sostanziale degli esseri umani e il loro rapporto indissolubile con la natura. La tutela e la garanzia dei […]
D’Amato: «Primo bando per medici extra Ue all’Ospedale San Giovanni»
Pubblicata la manifestazione d’interesse per il profilo professionale di dirigente medico disciplina medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza
Il caso Molise e i concorsi deserti. Florenzano (ASReM): «Aumentare l’attrattività delle aree interne con incentivi salariali e benefit»
Il direttore Generale dell’ASReM: «Mancano medici specialisti, ma non c’è carenza di infermieri e Oss». Il Consiglio regionale ha approvato una mozione per invio di medici militari nei Ps
Carenza sanitari, Aodi (Amsi): «Integrare professionisti stranieri nel SSN»
Il presidente Amsi Foad Aodi illustra il Manifesto “Buona sanità internazionale” in tre punti e presenta le richieste alle Istituzioni
di Giulia Cavalcanti e Viviana Franzellitti
Aprilia, voragine Medicina Generale: nel Comune nessun medico di famiglia disponibile
Regione e Fimmg Lazio al lavoro per trovare soluzioni. L’OMCeO pontino: «Scontiamo errori atavici di programmazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...