Voci della Sanità 3 Giugno 2022 14:36

Carenza sanitari, Foad Aodi (Amsi): «Il 90% delle domande e disponibilità di medici e infermieri ucraini sono senza risposte»

Amsi e UXU: «Non abbiamo mai ricevuto una risposta o disponibilità di confronto da parte del Ministro della Salute Speranza»

Il film quotidiano drammatico e ancora senza cura della sanità italiana è illustrato da più di 10 anni dall’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) insieme al Movimento Internazionale e interprofessionale Uniti per Unire.

«Abbiamo apprezzato molto la sfilata dei professionisti della sanità italiani alla Festa della Repubblica il 2 giugno a Roma che è una vittoria per il diritto alla salute e un riconoscimento per i loro sacrifici ma non basta e bisogna farlo tutti i giorni e risolvendo le problematiche con fatti e non parole e slogan» si legge in una nota.

Ecco le statistiche dello #SportellOnline-Amsi-UXU-UMEM;

-Più del 45% di aumento delle richieste di medici specialisti e infermieri all’Amsi da tutte le regioni italiane;
-Più di 5 richieste alla settimana per informazioni all’Amsi da parte dei medici italiani per andare a lavorare all’estero;
-Più di 10 richieste di informazioni che arrivano all’Amsi ogni settimana da parte di medici, infermieri, psicologi, dentisti stranieri sui requisiti e riconoscimento dei titoli per poter esercitare in Italia:
-Più di 1500 medici e infermieri stranieri, negli ultimi 3 anni, che si trovano già in Italia e stanno cercando di superare l’esame di riconoscimento;
-Più di 4mila medici ed infermieri ucraini che sono arrivati in Italia dopo l’inizio della Guerra ;il 90% sono donne;
-Più di una notizia al giorno per rischio di chiusura di una struttura sanitaria pubblica o pronto soccorso ,e dimissioni di medici e infermieri ,sui giornali;
-Più di una sollecitazione al giorno che invita a trovare soluzioni urgenti e non solo parole e promesse;
-Nonostante tutto il 90% delle domande e disponibilità dei medici ed infermieri ucraini sono senza risposte ancora.

«Queste sono cifre alle quale cerchiamo di dare risposte e mettere in contatto offerte-richieste sotto forma di volontariato, con grandi sacrifici e a titolo gratuito per poter dare un aiuto a tutti e per una sanità italiana sempre migliore. I professionisti della sanità italiani e di origine straniera si sentono abbandonati dalle istituzioni e per questo il 50% di loro non è motivato e non è sereno per il suo futuro e quello del SSN» spiega il Presidente dell’Amsi e di Uniti per Unire Foad Aodi, già quattro volte consigliere dell’OMCEO di Roma.

«Per fare una pratica di riconoscimento di un titolo ottenuto all’estero ci vuole da un anno e mezzo a due anni. Non abbiamo mai ricevuto una risposta o disponibilità di confronto da parte del Ministro della Salute Speranza. Ormai non facciamo più appelli, richieste e proposte perché c’è un muro “politico” nei nostri confronti ,nonostante il nostro impegno quotidiano per la sanità italiana. Infine ringrazio tutte le regioni italiane che hanno dimostrato grande disponibilità nei nostri confronti ma senza la soluzione a livello nazionale e dal Governo italiano continueremo ad avere sempre le stesse criticità».

Articoli correlati
Al via il progetto Sud America di Uniti per Unire, Aodi: «Dal Cile buone pratiche e suggerimenti per risolvere patologica carenza di sanitari»
«Il Cile è uno stato di diritto sociale e democratico. È multinazionale, interculturale ed ecologico. Si costituisce come Repubblica solidale, la sua democrazia è paritaria e riconosce come valori intrinseci e inalienabili la dignità, la libertà, l’uguaglianza sostanziale degli esseri umani e il loro rapporto indissolubile con la natura. La tutela e la garanzia dei […]
Carenza medici, Foad Aodi (Amsi): «Nei prossimi sei anni saranno chiusi 100 ospedali»
«Salviamo la sanità italiana prima che sia tardi, vanno date risposte immediate e programmarne altre per combattere la fuga dei professionisti della sanità all’estero, dalle strutture pubbliche e in pensione». Così Foad Aodi, Fondatore dell’Amsi, Associazione medici stranieri in Italia, membro della Commissione Salute Globale Fnomceo e già 4 volte consigliere Omceo di Roma. «Nei […]
D’Amato: «Primo bando per medici extra Ue all’Ospedale San Giovanni»
Pubblicata la manifestazione d’interesse per il profilo professionale di dirigente medico disciplina medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza
Carenza sanitari, Aodi (Amsi): «Integrare professionisti stranieri nel SSN»
Il presidente Amsi Foad Aodi illustra il Manifesto “Buona sanità internazionale” in tre punti e presenta le richieste alle Istituzioni
di Giulia Cavalcanti e Viviana Franzellitti
Muro di Berlino, Foad Aodi (Amsi): «Dopo 32 anni il 40% dei sanitari dell’est è ritornato a casa»
Amsi, Umem e Movimento Uniti per Unire: «Dopo anni ci sono ancora muri mentali e materiali nel mondo, chi era povero è diventato ricco e meno altruista»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...