Lavoro 3 Febbraio 2022 17:10

D’Amato: «Primo bando per medici extra Ue all’Ospedale San Giovanni»

Pubblicata la manifestazione d’interesse per il profilo professionale di dirigente medico disciplina medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza

D’Amato: «Primo bando per medici extra Ue all’Ospedale San Giovanni»

È l’Azienda ospedaliera San Giovanni Addolorata la prima della Regione Lazio a bandire una manifestazione di interesse per il reclutamento di medici stranieri extra UE grazie all’accordo sottoscritto dalla Regione con AMSI (Associazione Medici di origine Straniera in Italia), che va nella direzione di integrare i professionisti stranieri cittadini di Paesi extra UE.

D’Amato: «Grande opportunità in un momento di emergenza»

«Apriamo al reclutamento temporaneo del personale medico anche tra i cittadini di Paesi extra UE che siano titolari di permesso di soggiorno e che siano iscritti ad Ordini professionali del nostro Paese, che quindi già esercitano la professione medica e conoscono la lingua italiana. È una grande opportunità in un momento di emergenza. Si tratta di una platea professionalmente preparata a cui fino ad oggi era precluso l’accesso nel sistema pubblico» commenta l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

«Contiamo su professionisti a cui era precluso l’accesso nel sistema pubblico»

«Sarà predisposta una selezione del profilo di dirigente medico disciplina medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza. È una grande opportunità – ha dichiarato Tiziana Frittelli Direttore generale dell’AO San Giovanni Addolorata – perché potremo contare su una platea di professionisti a cui, fino ad oggi, era precluso l’accesso nel sistema pubblico e questo ci aiuterà ad assicurare e migliorare l’erogazione dell’attività sanitaria, fronteggiando in sicurezza il perdurante stato di emergenza».

Foad Aodi: « importante passo in avanti a favore dei diritti»

«Ringrazio l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, per la sua disponibilità e tempestività. La delibera regionale, così come la collaborazione con AMSI – ha commentato il prof. Foad Aodi, presidente di AMSI e dell’Unione medica euromediterranea (Umem) – costituiscono un grande risultato soprattutto a favore della tutela della salute dei cittadini, oltre che un importante passo in avanti a favore dei diritti. Nei nostri paesi (Africa, Asia, Sud America e Paesi Arabi) è stata denominata la “delibera del principio” contribuendo ad incrementare le richieste di informazione da parte dei medici stranieri per venire in Italia rispetto ad altri paesi europei. La nostra prossima sfida è poter arrivare ad una legge nazionale che consenta ai professionisti della sanità già presenti in Italia di svolgere concorsi pubblici senza l’obbligo della cittadinanza, snellendo le procedure relative al permesso di soggiorno e riconoscendo i titoli professionali conseguiti all’estero di chi desidera lavorare in Italia. Questo sarebbe un reale contributo alla mancanza cronica di medici ed infermieri in Italia» conclude.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Carenza sanitari, Foad Aodi (Amsi): «Il 90% delle domande e disponibilità di medici e infermieri ucraini sono senza risposte»
Amsi e UXU: «Non abbiamo mai ricevuto una risposta o disponibilità di confronto da parte del Ministro della Salute Speranza»
Al via il progetto Sud America di Uniti per Unire, Aodi: «Dal Cile buone pratiche e suggerimenti per risolvere patologica carenza di sanitari»
«Il Cile è uno stato di diritto sociale e democratico. È multinazionale, interculturale ed ecologico. Si costituisce come Repubblica solidale, la sua democrazia è paritaria e riconosce come valori intrinseci e inalienabili la dignità, la libertà, l’uguaglianza sostanziale degli esseri umani e il loro rapporto indissolubile con la natura. La tutela e la garanzia dei […]
Formazione ECM, sanità territoriale e intesa pubblico-privato. La ricetta di D’Amato per non sprecare il PNRR
Sanità Informazione ha chiesto all’assessore alla Sanità del Lazio D'Amato cosa ci ha insegnato la pandemia e come utilizzare al meglio i fondi in arrivo dall’Europa
Carenza medici, Foad Aodi (Amsi): «Nei prossimi sei anni saranno chiusi 100 ospedali»
«Salviamo la sanità italiana prima che sia tardi, vanno date risposte immediate e programmarne altre per combattere la fuga dei professionisti della sanità all’estero, dalle strutture pubbliche e in pensione». Così Foad Aodi, Fondatore dell’Amsi, Associazione medici stranieri in Italia, membro della Commissione Salute Globale Fnomceo e già 4 volte consigliere Omceo di Roma. «Nei […]
Carenza sanitari, Aodi (Amsi): «Integrare professionisti stranieri nel SSN»
Il presidente Amsi Foad Aodi illustra il Manifesto “Buona sanità internazionale” in tre punti e presenta le richieste alle Istituzioni
di Giulia Cavalcanti e Viviana Franzellitti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...