26 aprile 2018

Protezione dati e aggressioni: SSN sotto attacco? – TG 27/04/2018

Nella seconda puntata del nuovo TG di Sanità Informazione: dalle aggressioni ai medici alla protezione dei dati sanitari, dalle nuove tecnologie ai vaccini, scopri le notizie e gli appuntamenti più importanti della settimana

È on line la seconda puntata del TG di Sanità Informazione, l’appuntamento settimanale con le principali notizie della settimana. In questo numero: basta aggressioni al personale sanitario, l’intervista esclusiva al Presidente della FNOMCeO Filippo Anelli e il punta di vista di FIMMG e SIMEU. La privacy dei dati sanitari è a rischio? L’intervista a Nunzia Ciardi, Presidente della polizia postale. Vaccini, monito al M5S dal Commissario UE per la Salute. I medical drama creano troppe aspettative nei pazienti? Un esempio è Grey’s Anatomy che con i suoi bellissimi medici può influenzare l’immagine che il paziente ha dell’ospedale. Inoltre progresso tecnologico in prima fila al Policlinico Umberto I: l’Heart Navigator nuova frontiera in cardiologia. Infine con la rubrica Una Mela al Giorno: scopri se sei dipendente da Internet.

GUARDA LA PRIMA PUNTATA: CONTRATTO E OSPEDALI DEL FUTURO

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Tags

Anellli,aggressioni medici,fnomceo,vaccini,tecnologia
TG Sanità Informazione correlati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...