Salute 5 aprile 2018

Ma social e hacker ci rubano anche i dati sanitari? Parla la Polizia

L’intervista a Nunzia Ciardi, Direttore della Polizia Postale: «Italia a macchia di leopardo, occorrono più investimenti. Strutture sanitarie e i loro dati sono sicuramente target appetibili per i cyber attacchi»

Immagine articolo

Attacchi informatici nell’Healthcare: spesso manca la piena consapevolezza  in materia di protezione di dati. A sostenerlo Nunzia Ciardi, Direttrice della Polizia Postale e delle Comunicazioni, prima donna a dirigere la struttura che contrasta i crimini informatici.

«La Polizia Postale – spiega la Dottoressa – si batte quotidianamente per diffondere una cultura  sulla protezione dei dati, un tema al giorno d’oggi assolutamente imprescindibile». Coinvolta su invito dell’Istituto Superiore di Sanità e del Centro Nazionale per la Telemedicina nel primo progetto di studio nazionale sul sistema di sicurezza dei dati informatici nei servizi sanitari, la Dottoressa Ciardi è estremamente attiva sul fronte della promozione di iniziative volte ad un corretto utilizzo dei mezzi informatici, «soprattutto quando si tratta di sicurezza del cittadino».

In una fase storica in cui la pandemia social è incontenibile e gli attacchi cyber sono caratterizzati da un aumento progressivo e rilevante, il tema della protezione dei dati acquisisce una rilevanza sostanziale «specialmente per quel che riguarda la sanità – continua la Direttrice -.  Informazioni che riguardano la salute delle persone circolano sulla rete per vari motivi; basta pensare a tutte le App di salute, a tutte le informazioni sanitarie che cerchiamo su Internet, insomma il web è un ‘ricettacolo’ d’informazioni potenzialmente sensibili».

LEGGI ANCHE: MODAFFERI (GARANTE PRIVACY): «VI SPIEGO PERCHÉ LA TUTELA DEI DATI VA REGOLAMENTATA. IL GIURAMENTO DI IPPOCRATE NON BASTA» 

Secondo il “Global fraud and risk report 2017/2018”, un’indagine di Kroll (leader mondiale nell’affrontare rischi per le grandi compagnie), le strutture sanitarie sono una vittima privilegiata per i cyber attack poiché la sicurezza informatica non è la priorità per gli ospedali sommersi da altre necessità e incombenze. «Eppure – commenta la Dottoressa Ciardi – dovrebbe essere d’esempio a tutti il disastro che si è verificato quando il virus Wannacry ha infettato gli ospedali della Gran Bretagna; sono stati criptati una serie di sistemi informatici che hanno bloccato molti ospedali in tutto il Paese e, per un paio di giorni, le strutture assistenziali sono rimaste totalmente ferme. Per non parlare della sicurezza dei dati sensibili: se analisi oppure dati assicurativi legati a determinate patologie dovessero essere diffusi, sarebbe un danno inestimabile.  Ecco perché occorre una riflessione globale: servono investimenti e un’organizzazione capillare che possa mettere in atto i dovuti accorgimenti».

«In Italia per quel che riguarda la copertura delle strutture a rischio abbiamo una situazione a macchia di leopardo: esistono strutture organizzate bene e organismi meno protetti, tant’è che la Polizia Postale ha istituito un Centro nazionale per la protezione delle infrastrutture critiche che monitora costantemente ed è in continuo collegamento con tutte le strutture informatizzate potenzialmente a rischio per l’economia e per la struttura del Paese».

«Negli ultimi mesi – prosegue la Dottoressa – ci siamo posti il problema che al di fuori del perimetro controllato, rimanevano strutture importanti non d’interesse nazionale ma regionale non monitorate, tra queste molti ospedali e medie e piccole imprese. Stiamo quindi lavorando ad un progetto che porti su base regionale l’esperienza fatta a livello nazionale; i nostri uffici regionali nei capoluoghi di regione avranno dei piccoli centri per la sicurezza informatica per le strutture critiche regionali tra cui in primo luogo sanità e ospedali».

Oltre il monitoraggio dei dati sanitari, non meno importante è il controllo delle fake news diffuse sul web, alcune potenzialmente pericolose «soprattutto su temi sanitari – ribadisce la Dottoressa Ciardi – . Su questo la Polizia porta avanti numerose campagne di prevenzione, soprattutto nelle scuole, per insegnare ad usare nel modo più corretto e intelligente la rete. Ritengo che l’indicazione più importante da trasmettere sia quella di acquisire informazioni in maniera critica e verificarne sempre le fonti, a maggior ragione quando si tratta di questioni che hanno a che fare con la salute e con il benessere collettivo».

LEGGI ANCHE: GIOVANI E FAKE NEWS, GRIGNOLIO (SAPIENZA): «SUPERATI I 30 ANNI DIFFICILE SCARDINARE IDEE SBAGLIATE)

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Stati Generali professione medica, si parte a gennaio. Anelli (FNOMCeO): «Regaliamo allo Stato 500 milioni di euro in ore di lavoro non retribuite»
Dal 2019 al 2020 sei simposi nazionali e 106 incontri. Cambierà anche il codice deontologico. Il presidente della Federazione: «Alla fine sarà stilata la Magna Carta del medico per orientare gli Ordini nelle scelte di politica sanitaria»
Blockchain, Scaramuccia (IBM): «Con la FDA tracceremo gli studi clinici e con Carrefour il pollo»
La Director di IBM Health & Life Science elenca a Sanità Informazione i vantaggi della catena dei blocchi in sanità, dalla filiera del farmaco alla sicurezza alimentare
Dal “Siero Bonifacio” alla cura Di Bella, Roberto Burioni racconta 10 “Balle mortali”
«Il libro parla delle bugie in medicina e delle conseguenze gravissime che queste possono avere sulla salute e anche sulla vita delle persone» così il virologo del San Raffaele
L’empatia in ostetricia e ginecologia, al via il congresso regionale Aogoi in Emilia-Romagna
Recuperare la fiducia nel rapporto tra medico e paziente, riscoprendo l’importanza del dialogo e creando un argine contro le fake news. Sarà questo uno dei temi affrontati nel corso del 16esimo congresso regionale dell’Emilia Romagna dell’Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani (Aogoi), che quest’anno vede il coinvolgimento della Società Italiana di Ginecologia Ostetricia (Sigo) a cui […]
Fake news, Marrocco (FIMMG): «Il medico si ‘improvvisa’ attore per insegnare ai colleghi come comunicare»
Il nuovo progetto della Federazione Italiana di Medici di Medicina Generale per combattere la disinformazione. «L’operatore sanitario deve imparare a parlare anche attraverso i social che sono, volente o nolente, un mezzo di comunicazione diventato fondamentale» così l’ideatore dell’iniziativa Walter Marrocco, responsabile scientifico della Federazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano