Salute 21 marzo 2018

Tecnologia in medicina: all’Umberto I è arrivato Heart Navigator per ‘esplorare’ il cuore senza aprire il torace

Uno strumento all’avanguardia per l’impianto percutaneo di valvole cardiache donato dalla Fondazione Roma al Policlinico universitario. «Un grande contributo che permetterà all’ospedale di migliorare la qualità degli interventi e della formazione dei giovani medici» spiega Eugenio Gaudio, Rettore dell’Università Sapienza

Immagine articolo

«Navigare nel cuore per esplorarne tutte le parti nel modo meno invasivo possibile». Così il Professore Luciano Agati, cardiologo e Direttore U.O. “Diagnostica e Terapia Cardiovascolare” del Policlinico Umberto I, descrive il funzionamento dello Heart Navigator, uno strumento all’avanguardia per l’impianto percutaneo di valvole cardiache introdotto da pochi mesi presso il Policlinico Umberto I. «Questa – prosegue il Professore – è la prima apparecchiatura in Italia che consente l’imaging fatto con gli ultrasuoni insieme a quello angiografico. Si tratta del futuro della cardiologia. Speriamo così di riuscire a curare i nostri pazienti senza aprire il torace per inserire le valvole in modo semi-invasivo».

Heart Navigator è stato donato al Policlinico dalla Fondazione Roma, una realtà che sostiene, in Italia ed in Europa, iniziative di solidarietà e di utilità sociale nei settori della sanità. «Siamo lieti di avere sostenuto questa importante iniziativa» interviene Emmanuele F.M. Emanuele, Presidente della Fondazione Roma. «Questo passo in avanti ci pone come numero uno nella risposta ad una patologia diffusa come quella delle malattie coronarie. Grazie alla collaborazione tra Policlinico e Sapienza siamo riusciti a realizzare pienamente, in tempi brevi, quello che io ritengo sia un dovere previsto dalla Costituzione (nell’art. 118): se lo Stato non è in grado di dare un’efficace risposta ai bisogni, il privato sociale senza fine di lucro può farlo. Ecco questo è un esempio virtuoso di quella che è la solidarietà orizzontale che permette veramente di dare risposte ai bisogni della collettività».

«Un grande contributo che permetterà all’ospedale di migliorare la qualità degli interventi» spiega Eugenio Gaudio, Rettore dell’Università Sapienza di Roma. «Altro valore aggiunto la possibilità di fare un addestramento più all’avanguardia ai nostri specializzandi che con questo nuovo strumento potranno avvicinarsi meglio e più approfonditamente alle nuove tecnologie; questa è la priorità per un Policlinico universitario il cui fine è formare i medici del terzo millennio che devono essere in grado di affrontare appieno le sfide del futuro».

Articoli correlati
Costruire nuove città a misura di salute. Come? L’esperto: «L’ingegnere e il medico devono lavorare gomito a gomito»
Nel realizzare nuovi insediamenti urbani che siano hi-tech ma allo stesso tempo ambienti salubri, la spina dorsale del futuro è la collaborazione «tra le figure coinvolte in questo processo». Così Antonio D’Andrea, preside di Ingegneria civile e industriale de La Sapienza
Policlinico Umberto I, il nuovo programma per i pazienti con insufficienza cardiaca
Il Congresso “Global Management for Advanced Heart Failure“, che si terrà il 26 e 27 ottobre prossimi a Roma sarà l’occasione per presentare il nuovo programma del Policlinico Umberto I per la gestione dei pazienti affetti da insufficienza cardiaca avanzata tramite impianto di sistemi di assistenza ventricolari, noti come VAD (Ventricular Assist Device) realizzato in […]
Sapienza, la formazione universitaria cambia passo ed entra nel futuro. Rettore Gaudio: «Cambiamento epocale per i nostri medici»
Tre laboratori ad alta tecnologia per simulare pratiche mediche in situazioni di crisi o emergenza e la Biblioteca automatizzata di Architettura. Questi gli interventi di potenziamento della didattica realizzati alla Sapienza grazie al sostegno della Fondazione Roma
Vaccini, otto raccomandati agli operatori sanitari. La Torre (infettivologo): «L’obbligo non serve, è una questione di buona prassi»
«Si vaccinano contro l’influenza stagionale circa un quarto dei medici e un sesto degli altri professionisti sanitari, infermieri compresi.  Germania e Spagna tra i paesi più virtuosi d’Europa». L’intervista a Giuseppe La Torre, professore associato del dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie infettive dell’università la Sapienza di Roma
di Isabella Faggiano
Policlinico Umberto I, riprendono trapianti cornea con nuovo assetto oculistica
Al Policlinico Umberto I è partita da poco più di un mese, sotto la direzione del professor Leopoldo Spadei, la nuova organizzazione dell’Unità Operativa di Oculistica che in breve tempo, tra aprile e maggio, ha registrato un incremento del numero di interventi del 30 per cento. Alla riorganizzazione degli spazi assistenziali ed alla creazione ‘ex […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...