Mondo 27 Febbraio 2018 13:47

Grey’s Anatomy illude i pazienti? Parla l’autore della ricerca americana

ESCLUSIVA | Intervista di Sanità Informazione al Professor Weinberg di Phoenix (Arizona) che spiega in che modo le aspettative dei pazienti (e dei medici) possono essere influenzate dai medical drama…

Grey’s Anatomy illude i pazienti? Parla l’autore della ricerca americana

La vita non è un film. La vita in ospedale non è un medical drama. Ciò che può sembrare ovvio a chi vive tutti i giorni in corsia, di fatto non è scontato per i pazienti. Uno studio pubblicato sulla rivista statunitense “Trauma Surgery & Acute Care Open” rivela infatti che le serie TV come l’amatissima Grey’s Anatomy contribuiscono a dar vita ad aspettative irrealistiche non solo sulla guarigione di lesioni gravi e sul rischio di morte ad esse legato, ma anche sulle capacità dei medici di individuare e curare rapidamente e senza conseguenze un’ampia serie di patologie. Gli studiosi hanno paragonato le storie cliniche di 290 pazienti comparsi in 269 episodi di Grey’s Anatomy con i traumi subiti da 4812 pazienti veri registrati nella banca dati nazionale Usa Trauma 2012. Dal confronto è emerso un disallineamento importante tra reale e fittizio per quanto riguarda il tasso di mortalità (superiore in Grey’s Anatomy, cosa che probabilmente non stupirà i fan), il passaggio diretto dal pronto soccorso alla sala operatoria, la lunghezza dei ricoveri e il trasferimento dei sopravvissuti ai traumi in strutture di assistenza.

Sanità Informazione ha contattato uno degli autori della ricerca, il Professor Jordan A. Weinberg di Phoenix (Arizona), per approfondire non solo alcuni aspetti dello studio, ma anche per confrontare la vera vita che si conduce in un ospedale americano con quella raccontata dalla serie TV, in cui si svolgono le vicende dei beniamini di milioni di spettatori di tutto il mondo.

Professor Weinberg, ci descrive brevemente il metodo che avete utilizzato e i risultati ottenuti in questa ricerca?
«Buona parte dei dati pubblicati nella ricerca derivano dai registri degli ospedali, delle regioni o dai database nazionali sui pazienti che hanno subito traumi. Abbiamo pensato che sarebbe stato interessante creare un registro simile che rappresentasse i pazienti delle fiction che vediamo in televisione. Abbiamo quindi identificato tutti i traumi subiti dai pazienti di Grey’s Anatomy e li abbiamo inseriti in un registro; poi abbiamo paragonato i dati dei pazienti dei registri veri con quelli inseriti nel nostro “registro della TV”. Come sospettavamo, è risultato che i pazienti della TV tendono a guarire e a tornare a casa più velocemente rispetto alla “vita reale”, in cui i ricoveri in ospedale sono più lunghi e seguiti molto più spesso da periodi di convalescenza da passare in altre strutture assistenziali».

Come mai avete deciso di analizzare proprio la serie Grey’s Anatomy?

«Avevamo già visto degli episodi di Grey’s Anatomy e sapevamo che spesso il ricovero di pazienti con gravi lesioni viene raccontato di episodio in episodio. Visto che questo tipo di pazienti è molto comune nella serie, e inoltre gli episodi sono veramente tanti, abbiamo pensato che Grey’s Anatomy ci avrebbe permesso di “studiare” un numero relativamente grande di pazienti fittizi».

LEGGI ANCHE: ECM, TRA FICTION E REALTA’: QUANDO IL MEDICO SI FORMA CON FILM E SERIE TV

Che cosa vi ha spinto a iniziare questo studio?

«Ero ad un conferenza sul grado di soddisfazione dei pazienti e sulle loro aspettative, e mentre ascoltavo mi è venuto in mente che i pazienti traumatizzati, che non hanno la possibilità di prepararsi in alcun modo alla loro esperienza in ospedale, basano gran parte delle loro aspettative su quello che hanno visto in televisione. Sapevo che alcuni confronti tra l’assistenza sanitaria ritratta in televisione e quella reale fossero già stati fatti, ma non ero al corrente di studi specifici nell’ambito delle lesioni traumatiche, che è la mia area di specializzazione».

Nella sua esperienza di chirurgo, ha mai incontrato personalmente un paziente che si aspettava altro dal suo ricovero in ospedale a causa di programmi televisivi?

«È buffo che mi chieda proprio questo, perché una delle mie specializzande proprio pochi giorni fa mi ha rivelato che i risultati della ricerca confermano la sua esperienza personale con i pazienti traumatizzati. Molto recentemente ha infatti avuto dei pazienti che le hanno confessato quanto l’esperienza che stavano avendo fosse lontana da quello che avevano visto in televisione e che si aspettavano».

Ma secondo lei perché si crede a quello che si vede nei medical drama? E pensa che anche i medici che seguono queste serie possano in qualche modo esserne influenzati?

«Penso che sia i pazienti che i medici siano influenzati da quello che vedono in televisione, se sono assidui spettatori di queste serie. Anche se siamo ovviamente tutti consapevoli che quella che guardiamo è finzione, programmi come Grey’s Anatomy ritraggono situazioni molto realistiche; è quindi normale che la descrizione degli eventi e personaggi che propone dia subdolamente vita al nostro immaginario su come si comportino i medici o cosa possa accadere dopo una particolare lesione».

È possibile che le aspettative irrealistiche che si creano riguardino non solo il processo di guarigione ma anche, ad esempio, le competenze dei medici?

«Dobbiamo ancora identificare in che modo le aspettative di un paziente possano essere influenzate o meno dalla visione di programmi simili a Grey’s Anatomy. Sappiamo da altri studi, tuttavia, che chi guarda Grey’s Anatomy ha sviluppato la convinzione che i medici siano coraggiosi e questo li ha portati a stimare di più e ad essere più soddisfatti dei propri dottori veri. È inoltre emerso un dato interessante: chi guarda Grey’s Anatomy potrebbe sviluppare un’opinione relativamente negativa della donazione degli organi».

Per concludere, la vita di relazione all’interno di un ospedale è molto diversa da quella raccontata nelle serie TV?

«Sfortunatamente, per quanto riguarda la mia esperienza, la vita sociale nei veri ospedali degli Stati Uniti è assolutamente molto meno interessante o divertente di quella che si vede in televisione».

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK

Articoli correlati
Riaperture rischiose anche se Rt minore di 1. Lo studio Fbk-Iss-Inail
L’indagine sull’impatto delle misure di mitigazione dimostra che allentare le restrizioni quando l'incidenza è ancora alta può portare a un rapido nuovo picco dei casi
Covid-19, la speranza arriva dalle staminali cordonali. Il nuovo studio
La ricerca, pubblicata sulla rivista Stem Cells Translational Medicine, è stata coordinata dallo scienziato italiano Camillo Ricordi: «Le cellule staminali mesenchimali possono rappresentare un valido strumento contro la pandemia»
Sclerosi multipla, un trattamento in compresse per 20 giorni in 2 anni è il più efficace per le forme recidivanti
Le terapie innovative per la sclerosi multipla tra i temi portanti del 51° Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia. De Stefano: «Migliorare non solo l’instabilità fisica dei nostri pazienti, ma anche quella cognitiva»
di Isabella Faggiano
Sclerosi Multipla: identificate cellule retiniche in grado di contrastare fenomeni di neurodegenerazione
Lo studio congiunto dell’IRCCS Fondazione Bietti, in collaborazione con l’IRCCS Neuromed e la Clinica Neurologica dell’Università di Tor Vergata
Baricitinib, il farmaco contro l’artrite riduce del 70% i decessi degli anziani per Covid-19?
Per comprendere accuratamente cosa dica la pubblicazione, Sanità Informazione ha intervistato Roberto Gerli, Presidente della Società Italiana di Reumatologia
di Peter D'Angelo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...