Salute 12 Gennaio 2021 16:20

Vaccino Covid, l’immunologa Viola: «Priorità ai fragili, non procedere per categorie lavorative»

In audizione in Commissione Sanità al Senato, l’immunologa Antonella Viola ha messo in guardia sulla variante sudafricana. Poi ha sottolineato: «Per arrivare a vaccinare 38 milioni di italiani entro il 2021 dobbiamo vaccinare 220 mila persone al giorno. Essenziale velocità e coinvolgere i medici di medicina generale»

Vaccino Covid, l’immunologa Viola: «Priorità ai fragili, non procedere per categorie lavorative»

«La variante inglese viene riconosciuta dal vaccino, quella sudafricana ha una mutazione in più e non sappiamo se gli anticorpi neutralizzanti la riconoscono». Sono parole preoccupanti quelle che giungono da Antonella Viola, immunologa spesso presente nei talk show televisivi, professoressa ordinaria di Patologia del Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Padova e Direttore scientifico dell’Istituto di ricerca pediatrica presso la Fondazione Città della Speranza onlus di Padova. Oggi la professoressa Viola era in audizione presso la Commissione Sanità del Senato e ha ricevuto un plauso bipartisan dai componenti della Commissione per la sua attività di divulgazione televisiva.

«Vaccinare 221mila persone al giorno»

Viola sottolinea come i numeri della campagna di vaccinazione siano ancora troppo bassi: «Per arrivare a vaccinare 38 milioni di italiani, il 63% della popolazione, entro il 2021 con le dosi Pfizer e Moderna dobbiamo vaccinare 220 mila persone al giorno. Non è prioritario ottenere altri vaccini specie se con efficacia minore. Ma è essenziale la velocità e coinvolgere i medici di medicina generale».

La professoressa dell’Università di Padova interviene poi sul tema dell’immunità di gregge, che un vaccino come quello di Astrazeneca potrebbe non garantire: «La Fda sotto il 50% non prende in considerazione un vaccino. Ora abbiamo due vaccini che funzionano al 95%: se andassimo a inserire un vaccino con efficacia più bassa si porrebbe il problema dell’impossibilità di raggiungere una protezione completa della popolazione. E poi c’è un problema etico. Potremmo darlo alle persone più giovani ma questo problema si porrebbe solo se ci fosse carenza di dosi».

Occorre poi, secondo Viola, un sistema di sorveglianza all’altezza per vincere la battaglia: «Bisogna capire nel tempo l’efficacia della vaccinazione, in particolare negli immunocompromessi, la raccolta standardizzata dei campioni di sangue nei centri vaccinali e lo studio delle varianti».

Viola tranquillizza sulle vaccinazioni in allattamento. «Non abbiamo dati dal trial clinico però non c’è nessuna ragione di ritenere che ci sia un rischio», mentre in gravidanza «bisogna valutare caso per caso».

«Procedere con seconda dose, non modificare i protocolli»

Sull’ipotesi rilanciata negli ultimi giorni anche dal professor Remuzzi di andare avanti con le vaccinazioni e rinviare il secondo dosaggio, Viola sembra scettica: «La prima dose protegge ma non è chiaro con quale percentuale. E non è chiaro quanto si mantenga l’efficacia. Non possiamo modificare il protocollo per questo motivo».

Anche le vaccinazioni prioritarie agli adolescenti non convincono la professoressa: «Vaccinare gli adolescenti ora non è la priorità ma lo è svuotare gli ospedali e tornare ad una vita normale. La strada giusta per programmare le vaccinazioni non è quella di identificare delle categorie da vaccinare in base al lavoro che fanno ma proteggere dallo sviluppo della malattia chi è più fragile. Se poi capiamo che il vaccino produce una protezione dell’infezione si potrebbe rivalutare la situazione e cambiare le priorità». Viola poi rilancia l’idea di unità mobili di vaccinazione per raggiungere i pazienti fragili.

Infine, ha ricordato l’importanza del fattore tempo nella vaccinazione: «È essenziale ma bisogna vaccinare in tutto il mondo. Se in altri paesi il virus corre potrebbero generarsi varianti non più riconosciute dagli anticorpi generati dal vaccino».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il patentino vaccinale su una app. E così chi non è immune al Covid non potrà viaggiare
Mentre continua la discussione sul patentino vaccinale, sono allo sviluppo molte app che certificano lo stato di avvenuta vaccinazione: compagnie aeree e altri business sono pronte a implementarle
di Tommaso Caldarelli
Vaccini Covid, il Regno Unito ritarda i richiami. La scelta strategica fa discutere
Slittare le seconda dose fino a 12 settimane per vaccinare più persone possibile. Gli esperti si dividono: strategia azzardata o salvavita?
Vaccinazioni, Cimo-Fesmed: «Rischio “collo di bottiglia” sui richiami»
«Sconfortante competizione tra le regioni per gli approvvigionamenti. Il plauso va solo a medici e sanitari»
Vaccini, Ordini e sindacati: «Assicuriamo nostro impegno, ma intensificare opera di sensibilizzazione»
Ordini e sindacati dei professionisti sanitari e socio-sanitari si uniscono in un messaggio di impegno e fermezza: «Da questa pandemia si uscirà soltanto affidandosi alla scienza»
Ultima conferenza Iss, Locatelli: «62 milioni di dosi di vaccino nel 2021»
Brusaferro, Locatelli e Rezza nell'ultima conferenza Iss del 2020 confermano una curva del contagio in decrescita, anche se rallentata. In arrivo nuove dosi di vaccino con l'approvazione di Moderna, prevista il 6 gennaio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 gennaio, sono 100.286.643 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.157.790 i decessi. Ad oggi, oltre 71,10 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...