Salute 26 Novembre 2021 16:55

Nuova variante sudafricana, Ricciardi: «Allarmarsi no, preoccuparsi sì»

L’Italia ha vietato l’ingresso da 8 Paesi. Il consulente del ministro Speranza: «Le esperienze del passato c’insegnano che queste misure, spesso, risultano tardive. La sudafricana potrebbe anche essersi già diffusa. Non sappiamo se questa variante provocherà danni alla copertura vaccinale, ma pare essere ancora più contagiosa della Delta»

di Isabella Faggiano

Si chiama B.1.1.529 ed è la nuova variante sudafricana, quella che in queste ore sta tenendo cittadini e Istituzioni di tutto il mondo con il fiato sospeso. I vertici dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) sono già al lavoro per determinare se questa variante, a causa dell’elevato numero di mutazioni con cui si presenta, debba essere classificata come “preoccupante”. Intanto l’Italia, come altri Paesi europei e non solo, già dalle prime ore di questa mattina ha vietato l’ingresso a chiunque negli ultimi 14 giorni sia stato in Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia, Eswatini e Malawi.

È difficile stabilire con certezza cosa accadrà nelle prossime ore o nei prossimi giorni. Ma qualche previsione, sulla scorta delle esperienze accumulate in questi due anni di pandemia, è possibile farla. Ne parliamo con Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute Roberto Speranza, a margine dell’evento “Il valore della vaccinazione”.

Professor Ricciardi, c’è chi ha definito la sudafricana come “la peggiore delle varianti”. Dobbiamo allarmarci?

«Allarmarci no, ma dobbiamo preoccuparci. Proprio come stiamo già facendo. L’Italia, come molti altri Paesi dell’Unione Europea ed Israele, ha immediatamente limitato la circolazione dal Sudafrica. Ma potrebbe non essere sufficiente ad evitare la diffusione della nuova variante. Purtroppo nel passato, molto spesso, queste misure sono risultate tardive, poiché nel momento in cui vengono adottate il virus si è già diffuso. Dobbiamo preoccuparci anche perché non sappiamo ancora se la variante sudafricana provocherà danni alla copertura vaccinale, ovvero limiterà la protezione finora garantita dal vaccino. Di certo, si tratta di una variante ancora più contagiosa della Delta, a sua volta già risultata molto più contagiosa della variante originale di Wuhan. E la contagiosità è un problema: tutti sappiamo che tanto più un virus si diffonde, tanto più farà danni. Ma per capire quali e quanti saranno questi eventuali effetti nocivi è necessario attendere gli esiti degli studi scientifici già avviati in queste ore».

Prima della sudafricana era stata la variante Delta plus a tenerci in allarme. Dobbiamo ancora preoccuparcene?

«Sì. Dobbiamo temere queste varianti che emergono. Non a caso si chiamano “varianti di preoccupazione”. Vanno necessariamente misurate e monitorate. La variante Delta plus ha una maggiore contagiosità, anche se non sembra avere una maggiore pericolosità dal punto vista clinico. Ma, ripeto, la maggiore contagiosità è un problema da non sottovalutare: la variante Delta era già risultata due volte più contagiosa di quella originale, la Delta Plus fino a 10 volte in più e dalla nuova sudafricana ci aspettiamo un ulteriore incremento di contagiosità. Per questo, l’attenzione deve restare alta e dobbiamo attrezzarci per fronteggiare nuove potenziali situazioni di emergenza».

In un clima di crescente preoccupazione come quello che stiamo vivendo in queste ore quale contributo potrà apportare la vaccinazione nella fascia di età 5-11 anni?

«Il contributo della vaccinazione pediatrica è fondamentale. Innanzitutto per proteggere i bambini, perché non è vero che i bambini non vengono colpiti dalla variante Delta. Anzi, attualmente in Italia il 30% della popolazione contagiata è pediatrica. In Gran Bretagna dove il virus è già più diffuso i dati sono ancora peggiori: sono centinaia i bambini ospedalizzati e decine i piccoli che hanno perso la vita. Quindi la vaccinazione nella fascia 5-11 anni è indispensabile per proteggere i bambini, ma anche per limitare ulteriormente la circolazione del virus e la trasmissione nelle altre fasce, soprattutto quelle più fragili, come gli anziani e i malati».

Giorno dopo giorno i contagi continuano ad aumentare. E stando alle previsioni sarà questa la tendenza della stagione in corso. Il Super Green Pass è una misura sufficiente al contenimento dell’emergenza o ne servirebbero ulteriori?

«Contro queste varianti così contagiose non c’è un’unica misura risolutiva. È l’abbinamento di tutte le misure a fare la differenza. La prima, irrinunciabile, è la vaccinazione, un vero e proprio pilastro. Poi, ci vogliono le cautele comportamentali, come le mascherine, la distanza di sicurezza, l’igiene delle mani, la ventilazione degli ambienti, troppo spesso sottovalutata anche nelle scuole. Tutte queste misure, insieme, se applicate correttamente possono limitare la circolazione del virus. E il Super Green Pass è un incoraggiamento ad applicarle, a vaccinarsi, a proteggersi. In questo modo potremmo avere non solo un Natale, ma anche un inverno, abbastanza sereno e avvicinarci, poi, alla primavera che tradizionalmente è il momento in cui la possibilità di trascorrere più tempo all’aria aperta abbassa anche il rischio di contagio».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi