Salute 7 Febbraio 2022 17:48

Genitori “no vax” rifiutano per il figlio trasfusioni da donatori vaccinati. Anelli: «Abbiate fiducia nei medici»

Il presidente FNOMCeO fa un appello ai due genitori modenesi ad ascoltare i medici responsabili dell’operazione cardiaca del loro figlio. Ora la questione è in mano al giudice tutelare, loro chiedono solo sangue “non vaccinato”

Genitori “no vax” rifiutano per il figlio trasfusioni da donatori vaccinati. Anelli: «Abbiate fiducia nei medici»

È una storia che tutti vorremmo non fosse vera, quella dei genitori che fermano l’intervento al cuore del loro figlio perché le trasfusioni di sangue vengono da donatori vaccinati contro Covid-19. Eppure è successo, all’ospedale Sant’Orsola di Bologna, anche se i genitori in questione sono originari di Modena. Ora a decidere sarà il giudice tutelare. Un momento di grande amarezza, commentato dal presidente FNOMCeO Filippo Anelli con molta comprensione e una richiesta di fiducia verso i medici, migliori consiglieri in situazioni come queste.

Cosa è successo

Alla fine del mese di gennaio è stata richiesta esplicita della famiglia quella di sospendere l’intervento al cuore del proprio figlio perché le trasfusioni di sangue necessarie sarebbero arrivate da vaccinati. I genitori si sono dichiarati “no vax” e hanno preteso solo sangue proveniente da persone che non avessero effettuato alcun genere di profilassi contro il virus. I due, membri di varie chat no vax, avrebbero fatto girare un appello per reperire volontari non immunizzati, pronti a donare il sangue per il proprio figlio. Un’ipotesi a cui l’ospedale prima e poi il centro trasfusionale si sono opposti, viste le regole per la donazione molto chiare e finalizzate ad evitare complicazioni. Ora la faccenda è in mano agli avvocati.

Anelli: «Comprensione verso i genitori, ma si affidino a chi ha competenze»

«Comprendiamo le paure dei genitori: quando a soffrire è un bambino, un figlio, ci si aggrappa a qualunque appiglio, credendo di fare il suo bene, di tutelarlo. Per quello che può valere, li preghiamo di ascoltare i medici che lo hanno in cura e che sapranno scegliere la terapia migliore per lui, senza ritardare le cure», è comprensivo il presidente Anelli ma lancia alla famiglia modenese un appello fermo.

«I protocolli che regolano le donazioni, e che non permettono di scegliere il donatore, sono scritti nell’interesse dei pazienti, per rendere i processi sicuri – spiega – Del resto, non comporta alcun pericolo ricevere sangue da donatori vaccinati contro il Covid-19». «Chiediamo quindi ai genitori di avere fiducia nei medici, che sono pronti a spendere tutte le loro conoscenze e competenze per questo paziente così prezioso – conclude Anelli -. E di dare al loro bambino la possibilità di guarire, possibilità tanto più alta quanto più tempestivo sarà l’intervento. A loro, e al piccolo paziente, va il nostro abbraccio e il nostro in bocca al lupo per la prova che deve affrontare e in cui non sarà solo, ma accompagnato dai suoi medici e dall’affetto e la speranza di tutti noi».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tumori del sangue, gli ematologi alla Giornata AIL: traguardi impensabili con le nuove terapie
Si è celebrata a Roma la 17esima Giornata Nazionale per la lotta contro leucemie, linfomi e mieloma promossa dall’AIL. Il presidente Pino Toro: «Lavoriamo per promuovere la ricerca indipendente e per identificare i migliori standard diagnostici e terapeutici per le malattie ematologiche». Locatelli: «Ricerca fondamentale, risultati straordinari nella medicina di precisione»
di Francesco Torre
Tracce di microplastiche nel sangue umano, paura per le possibili conseguenze
Per la prima volta uno studio olandese ha trovato tracce di microplastiche nel sangue umano
Mi sono vaccinato contro il Covid-19, posso donare il sangue?
Una persona che si è appena vaccinata contro il Covid-19 può donare il sangue? E se si è positivizzato da poco, quanto deve aspettare per farlo? A queste e altre domande risponde il sito istituzionale del Governo italiano con una serie di faq apposite.
Covid, Flati (M5S): «Rafforzare farmacovigilanza attiva su dose richiamo del vaccino»
L'Ordine del Giorno al Decreto Super Green Pass è stato presentato dalla deputata M5S Francesca Flati
Report Gimbe: variante Omicron spaventa, +54% di terze dosi e +34% di prime
Sono 630 i ricoveri in più in area medica e 123 quelli in terapia intensiva questa settimana, aumentano anche le morti (498). Quasi l'80% della popolazione ha ricevuto almeno una dose ma restano 6,8 milioni di persone senza copertura, di cui 2,6 sono over 50
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...