Salute 20 Aprile 2022 11:20

Secondo booster under 80, Speranza: «Possibile prima dell’autunno. Covid non è un’influenza»

Il ministro della salute, ospite su La7, ha dichiarato: «Se positivi al virus è giusto restare a casa per evitare di contaminare altre persone e far circolare il virus in maniera eccessiva». E sulle mascherine al chiuso «valutiamo ma restano presidio importante»

Secondo booster under 80, Speranza: «Possibile prima dell’autunno. Covid non è un’influenza»

«Oggi è importante un ulteriore richiamo del vaccino Covid per le persone più fragili. Poi valuteremo: è probabile che la soglia degli 80 anni possa scendere prima dei mesi autunnali, i più complicati». Lo ha spiegato il ministro della Salute Roberto Speranza, ieri sera ospite del programma ‘Di Martedì’ di Giovanni Floris in onda su La7.

Speranza: «Vaccino ci protegge per un certo numero di mesi ma non per sempre»

Speranza ha specificato che «il vaccino ci protegge per un certo numero di mesi ma non per sempre» e che «l’ipotesi di richiami è assolutamente possibile». Non sappiamo ancora se si tratterà di «richiami annuali o se la scienza ci indicherà un arco temporale diverso».

«Covid-19 non è un’influenza, virus molto insidioso»

Il ministro ha poi sottolineato che il Covid-19 «non è un’influenza come tanti dicono, resta una epidemia seria e un virus molto insidioso». Per questo motivo condivide la scelta “di prudenza” della comunità scientifica. «Se sei positivo – ha detto – è giusto che resti a casa per evitare di contaminare altre persone e far circolare il virus in maniera eccessiva». Speranza ha ammesso che alcuni Paesi hanno fatto altre scelte, ma che la stragrande maggioranza dei Paesi europei seguono ancora questa linea. «Immaginate cosa significhi oggi, con un milione di positivi, dire a tutti andate in giro tranquillamente. Rischieremmo di creare una situazione non più gestibile, né controllabile».

«Su mascherine al chiuso valutiamo ma restano presidio importante»

Infine, in riferimento alla possibilità di eliminare l’obbligo di indossare le mascherine al chiuso a maggio, ha ribadito: «Valutiamo giorno per giorno, in questo momento sono obbligatorie e secondo me restano un presidio molto importante».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Gimbe: «Più 50% dei casi in 7 giorni. Aumentano ricoveri, terapie intensive e decessi»
Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta: «Prosegue impennata nuovi casi settimanali»
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Omicron 4 e 5, impennata contagi. Ricciardi: «Contagiosissime, un rischio aver tolto obbligo mascherina al chiuso»
I dati del monitoraggio Gimbe: +58,9% in una settimana. Aumentano ricoveri ordinari (+14,4%) e terapie intensive (+12,6%). Ricciardi: «Bisogna stare all’erta, con un virus così contagioso negli ambienti chiusi ci si contagia. Tanti i fragili a rischio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...