Salute 13 Aprile 2022 14:25

Xe in Inghilterra viaggia veloce con nuovi sintomi, ma non fa paura

Un cardiologo italiano a Londra racconta come viene affrontata la nuova variante: «È più contagiosa di Omicron, ma simile ad una influenza. Obiettivo arrivare ad avere una immunità di gregge e convivere con il virus»

Xe in Inghilterra viaggia veloce con nuovi sintomi, ma non fa paura

Mentre in Italia si discute sull’utilità o meno della mascherina e gli stessi virologi si dividono, arriva Xe la variante ricombinata che ha unito in sé parti di Omicron Ba1 e Omicron Ba2. Per ora sono stati registrati pochi casi, ma osservando l’andamento dell’Inghilterra, paese in cui è stata scoperta, è immaginabile che tra poche settimane anche nel nostro paese sarà la variante prevalente.

Proprio in Inghilterra viaggia veloce, eppure non sembra fare paura. Gli inglesi mantengono la linea del “liberi tutti”, come se il Covid fosse solo un lontano ricordo e scelgono di convivere con la nuova variante. Una decisione che ci spiega Francesco Lo Giudice, cardiologo italiano da cinque anni all’Hammersmith Hospital di Londra. «Della variante Xe non si parla molto – ammette –. In Gran Bretagna sono cadute tutte le restrizioni, non si utilizzano più le mascherine, al chiuso e sui mezzi pubblici, anche se è fortemente consigliato, mentre permane l’obbligo negli ambienti sanitari: ospedali e ambulatori».

Stop ai tamponi gratuiti per tutti

Una decisione che vira verso una convivenza con il virus tanto che anche i test che venivano fatti gratuitamente a tutti non sono più previsti. «L’Inghilterra è stato il paese che al mondo ha testato di più la popolazione – spiega Lo Giudice – ora quella spesa non è più giustificabile, anche se l’istituto di statistica continua a tenere sotto controllo l’incidenza del virus con dei test random alla popolazione soprattutto per conoscere nuove possibili varianti».

Una scelta sposata dalle istituzioni, condivisa dai cittadini e sostenuta dai medici che monitorano la situazione negli ospedali. «Finché la situazione è sotto controllo in termini di ospedalizzazioni non si cambia strategia – aggiunge -. Gli ultimi dati pubblicati dalla mia azienda mostrano che dei quasi 150 pazienti ricoverati, 11 sono in terapia intensiva e sette con necessità di ventilazione invasiva. Anche dando uno sguardo ai numeri complessivi su 20 mila persone ricoverate che risultano essere positive al Covid, la maggior parte sono in ospedale per altri motivi e solo il 2 percento sono in terapia intensiva. Questo significa che oggi il virus è meno pericoloso, le forme gravi sono poche, anche se c’è lo stesso numero di casi di gennaio».

Come riconoscere la variante XE?

Le intenzioni, dunque, sono quelle di gestire la nuova variante come una normale influenza, monitorando i sintomi. L’agenzia sanitaria inglese, a tal proposito, a due anni dall’inizio della pandemia ha aggiornato la lista ufficiale aggiungendo nove nuovi segnali d’allerta che potrebbero rilevare il contagio: oltre ai già noti perdita di gusto e olfatto sono stati aggiunti fiato corto, mal di gola, stanchezza persistente, corpo dolorante, mal di testa, naso chiuso che cola, perdita di appetito, diarrea, rash cutanei. «Chi ha sintomi riconducibili al Covid deve restare a casa e chi risulta positivo ma senza sintomi non ha neppure l’obbligo di farlo, anche se è consigliato – aggiunge il cardiologo italiano -. Siamo di fronte ad una influenza, più contagiosa, ma con effetti meno gravi delle precedenti varianti, grazie ai vaccini che non riducono il contagio, ma le forme gravi sì. L’obiettivo è arrivare ad avere una immunità di gregge tale per cui saremo in grado di convivere con il virus e le sue varianti».

I nuovi sintomi: spalla congelata e lividi

Se nella maggior parte dei casi la variante Xe è riconducibile ad una influenza, secondo studi inglesi esistono due nuovi sintomi da non sottovalutare: spalla congelata e lividi. La sindrome della spalla congelata, chiamata anche Frozen Shoulder o capsulite adesiva, è una patologia della spalla che provoca dolore e rigidità. Si verifica in circa il 2% della popolazione e interessa soprattutto la fascia di età tra i 40 e i 60 anni, in particolare donne.

Questo disturbo sembra essere aumentato negli ultimi mesi e siccome ha una origine infiammatoria, – provoca borsiti, tendiniti, artrite reumatoide – è stato ricondotto al Covid che, è risaputo, provoca una tempesta di citochine e un’infiammazione multi-sistemica. Nel secondo caso gli scienziati hanno rivolto la loro attenzione su macchie rosse comparse sui bambini simili a lividi causati dall’emorragia di piccoli vasi sanguigni sottopelle riconducibili anche in questo caso al Covid. Episodi analoghi sono stati riscontrati anche in Portogallo, mentre è in crescita il numero degli adulti che lamenta eruzioni cutanee simili ad orticaria in aree piccole su qualsiasi parte del corpo, ma le più comuni sono su mani, piedi e gomiti.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Quali sono i sintomi della nuova variante XE?
I sintomi della variante XE sono simili a quelli delle varianti Omicron e cioè naso che cola, starnuti e mal di gola
Paura per la nuova variante XE, più contagiosa di Omicron
La nuova variante del virus Sars-Cov-2, chiamata XE, sembra essere più contagiosa delle sue sorelle omicron
Allarme carenza di personale negli ospedali inglesi: troppi medici e professionisti sanitari in quarantena
Un cardiologo italiano a Londra racconta la quarta ondata in Inghilterra: cresce il numero dei contagiati e dei ricoveri in ospedale (60% dei quali non vaccinati), ma calano i decessi (- 5%). A rilento la somministrazione delle terze dosi
In Inghilterra niente restrizioni e crescono i contagi. La testimonianza: «Ma gli ospedali sono vuoti»
Un cardiologo italiano a Londra: «Il vaccino ha abbassato la virulenza del virus, ma troppo lassismo e una campagna vaccinale debole su giovani e booster rischiano di aggravare la situazione in inverno»
di Federica Bosco
Riaperture, Vineis (CSS): «Così si rischia di mantenere lunga coda dell’epidemia»
La chiave del successo inglese: un lockdown incisivo «pianificato e temporizzato» e una vaccinazione rapida ed efficace. L’intervista a Paolo Vineis, professore di epidemiologia all’Imperial College di Londra e vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali