Sanità internazionale 12 Aprile 2022 14:30

Usa: Philadelphia ripristina l’obbligo di mascherina al chiuso per aumento casi

La città di Philadelphia ha ripristinato l’obbligo di indossare la mascherina al chiuso

Usa: Philadelphia ripristina l’obbligo di mascherina al chiuso per aumento casi

Dopo aver revocato poco più di un mese fa l’obbligo di indossare la mascherina al chiuso, la città degli Stati Uniti Philadelphia fa un passo indietro. A causa dell’aumento dei casi di Covid le autorità hanno annunciato il ripristino della misura restrittiva tra le molte critiche e polemiche. La città della Pennsylvania orientale, infatti, rimetterà l’obbligo della mascherina al chiuso a partire dal prossimo lunedì, il 18 aprile, stando a quanto annunciato dal commissario alla salute Cheryl Bettigole.

A Philadelphia 149 nuovi casi Covid in un giorno e 46 ricoveri in corso

Questa decisione è stata presa dopo che i casi di Covid sono aumentati a 149 al giorno e dopo che nelle ultime due settimane si è verificato un aumento dell’86%. Per fortuna si è però ancora lontani dai picchi raggiunti durante l’ondata invernale di Omicron. La città segnala anche 46 ricoveri in corso legati al virus. Alcune figure di spicco si sono rivolte a Twitter per dire che si sarebbero rifiutate di rispettare il ripristino dell’obbligo di mascherina al chiuso, descritto come una «tirannia».

Per Fauci è improbabile che l’aumento dei casi porti a un’impennata su vasta scala

Solo un mese fa, Philadelphia aveva deciso di unirsi alle altre città che hanno revocato l’obbligo della mascherina. Ma ora che i nuovi contagi continuano ad aumentare a livello nazionale, dopo quasi tre mesi consecutivi di declino, grazie al picco raggiunto metà gennaio, le autorità ritornano sui loro passi. Molti funzionari, incluso il noto infettivologo Anthony Fauci, hanno assicurato agli americani che è improbabile che questo recente aumento dei casi si trasformi in un’impennata su vasta scala.

La revoca dell’obbligo della mascherina al chiuso dipende dai nuovi parametri

Le autorità giustificano il ritorno all’obbligo delle mascherine al chiuso facendo riferimento ai nuovi parametri stabiliti dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC).  Il recente aumento dei casi ha infatti portato la città a raggiungere ancora una volta soglie che richiedono una misura di questo tipo.  Ora viene data massima importanza ai ricoveri. Dopo una settimana di adeguamento, si dovrà utilizzare la mascherina in tutti i luoghi pubblici al chiuso come scuole, aziende, ristoranti ed edifici governativi.

Per il sindaco di Philadelphia la vita quotidiana può continuare anche con le mascherine al chiuso

«I livelli di risposta al Covid-19 di Philadelphia ci consentono di essere chiari, trasparenti e prevedibili nella nostra risposta alle condizioni locali», ha affermato in un tweet Jim Kenney, sindaco della città. «Dato l’aumento dei casi, il 18 aprile passeremo al livello 2 per evitare tassi di casi più elevati», ha aggiunto. “La nostra città – ha continuato – rimane aperta; possiamo ancora vivere la nostra vita quotidiana e visitare le persone e i luoghi che amiamo usando la mascherina negli spazi pubblici al chiuso».

Philadelphia continua a rimanere tra le città a rischio basso per Covid

Ma la revoca della misura restrittiva potrebbe rappresentare una battuta d’arresto per le piccole imprese della città che speravano di riprendere le normali attività dopo due anni di restrizioni Covid. Del resto secondo i CDC, Philadelphia è considerata a rischio Covid «basso». Mentre Fauci ha affermato che gli americani dovrebbero decidere da soli come affrontare la pandemia.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Contatto con caso Covid, dopo quanto ci si positivizza?
Maga (Cnr): «I sintomi iniziano a manifestarsi dopo 2-3 giorni dal contatto Covid. Per sicurezza meglio aspettare almeno una settimana»
Covid, Gimbe: «Più 50% dei casi in 7 giorni. Aumentano ricoveri, terapie intensive e decessi»
Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta: «Prosegue impennata nuovi casi settimanali»
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 luglio, sono 550.055.526 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.340.167 i decessi. Ad oggi, oltre 11,76 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...