Salute 16 Dicembre 2020 15:33

Vaccino Covid, via libera al piano italiano: si comincia i primi di gennaio

Dopo l’incontro tra Governo e Regioni il via libera per il piano vaccini. Con l’anticipo proposto da Ema sull’approvazione, Arcuri annuncia le prime somministrazioni a gennaio

Vaccino Covid, via libera al piano italiano: si comincia i primi di gennaio

La Conferenza Stato-Regioni ha dato il via libera al piano nazionale di vaccinazione anti-Covid italiano. «Nei primi giorni di gennaio parte la vaccinazione di massa», ha dichiarato il commissario straordinario all’emergenza Domenico Arcuri, dopo la riunione. Se, come annunciato, anche l’Ema accelererà le procedure per l’approvazione del vaccino Pfizer-BioNTech, l’Italia anticiperà a sua volta i tempi rispetto a quanto deciso per l’inizio delle somministrazioni, ovvero fine gennaio.

Sembra, inoltre, che ci sarà un “Vaccine-day“, individuato d’intesa con i principali governi europei, ed è altrettanto probabile che sarà già a dicembre. Se tra 21 e 22 Ema darà l’approvazione, a ruota seguirà Aifa tra 23 e 24 e quindi l’inizio potrebbe addirittura coincidere con il Natale.

«Nei giorni successivi verrà invece avviata la prima sessione della vaccinazione di massa, destinata alle categorie che il Governo e il Parlamento hanno stabilito essere prioritarie: operatori sanitari e sociosanitari, personale operante nei presidi ospedalieri, pubblici e privati, ospiti e personale delle residenze per anziani», fanno sapere dall’ufficio di Arcuri.

Le prime dosi sono 1,8 milioni

Nella prima fase di vaccinazione saranno disponibili 1,8 milioni di dosi, destinate a personale sanitario, socio-sanitario e a dipendenti e ospiti delle Rsa. Il Commissario per le emergenze, Domenico Arcuri, ha comunicato che già una prima ripartizione tra regioni è stata ultimata. Entro il 18 dicembre, i governatori invieranno i dati definitivi sul personale e le adesioni ricevute.

La seconda fornitura garantita da Pfizer sarà di 2.507.700 dosi, che consentiranno nelle settimane successive di somministrare la seconda dose alle suddette categorie prioritarie, nonché di avviare la vaccinazione della popolazione più fragile.

Il bando per il reclutamento di 3mila medici e 12mila infermieri a tempo determinato per la somministrazione dei vaccini, istituito dalla Protezione Civile, è iniziato oggi e scadrà il 28 dicembre. Chi risponderà parteciperà alla campagna vaccinale nelle 1.500 strutture già selezionate.

Arcuri ha voluto però ricordare che per immunizzare ogni cittadino occorrono circa 40 giorni, poi 28 per il richiamo e almeno 10 perché il prodotto diventi totalmente protettivo. «Secondo i programmi europei – ha aggiunto – prima dell’estate non potremo aver vaccinato una quota sufficiente di italiani».

La Pfizer, che si incaricherà di distribuire il vaccino, ha chiesto una definizione molto precisa dei punti di somministrazione per rispettare la catena del freddo. Nelle fasi successive, le dosi verranno depositate nell’aeroporto di Pratica di Mare e da lì distribuite con mezzi e personale delle forze armate. Oltre alle dosi Pfizer, circa 7 milioni, più in là nel 2021 dovrebbero arrivare 1,3 milioni del vaccino Moderna e 16 milioni di quello AstraZeneca.

Regione per regione

Il primo invio da parte della Pfizer, sarà così ripartito Regione per Regione: Abruzzo 25.480, Basilicata 19.455, Calabria 53.131, Campania 135.890, Emilia Romagna 183.138, Friuli Venezia Giulia 50.094, Lazio 179.818, Liguria 60.142, Lombardia 304.955, Marche 37.872, Molise 9.294, Pa Bolzano 27.521, Pa Trento 18.659, Piemonte 170.995, Puglia 94.526, Sardegna 33.801, Sicilia 129.047, Toscana 116.240, Umbria 16.308, Valle d’Aosta 3.334, Veneto 164.278.

Speranza: «Vaccino sfida più importante dei prossimi mesi»

«Quella del vaccino Covid – ha scritto il ministro della Salute, Roberto Speranza – è la sfida più importante dei prossimi mesi. L’Italia ha sempre lavorato perché il percorso di approvazione di Ema fosse al tempo stesso rigoroso, trasparente e veloce. È una buona notizia che tale processo possa completarsi già prima di Natale. Significherà che avremo finalmente a disposizione un vaccino efficace e sicuro».

«Ho proposto – ha aggiunto – insieme ai ministri di altri sette Paesi europei, tra cui Francia e Germania, che le vaccinazioni partano lo stesso giorno già nel mese di dicembre. Ci vuole ancora cautela e prudenza nei prossimi mesi, finché non avremo raggiunto una copertura vaccinale sufficiente, ma la strada è giusta e finalmente si vede la luce in fondo al tunnel».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, il 98% degli operatori sanitari vaccinati ha anticorpi molto alti
Uno studio clinico realizzato dall’Ospedale Niguarda e dall’Università di Milano su 2497 tra medici e infermieri a 14 giorni dall’inoculazione rivela una risposta immunitaria importante. Scaglione (laboratorio di Analisi chimiche e Microbiologia): «Da quando il personale è vaccinato, non ci sono più stati casi di Covid tra gli operatori sanitari. Ripeteremo le analisi a 3, 6 e 12 mesi»
di Federica Bosco
San Marino ricorre allo Sputnik, boom di richieste. Ceccarini (ISS): «Tranquilli su sicurezza prodotto. Ma non ci sarà turismo vaccinale»
I ritardi italiani sulla consegna dei vaccini hanno spinto le autorità sanmarinesi all’accordo con la Russia. Parla il responsabile della campagna vaccinale Agostino Ceccarini: «Già vaccinato l’1% della popolazione. Per noi sarebbe un motivo di orgoglio vaccinare i 6-7mila italiani che vengono a lavorare da noi»
Francesco Paolo Figliuolo sostituisce Arcuri come Commissario per l’emergenza Covid
Domenico Arcuri sostituito da Francesco Paolo Figliuolo come commissario straordinario per l'emergenza Covid-19. Il Generale di Capo d'Armata si occupa da anni di logistica ed è stati la scelta del premier Draghi
I libero professionisti non vogliono il vaccino AstraZeneca. Magi (OMCeO Roma): «Hanno diritto di rifiutarlo»
Nell'Hub vaccinale dell’aeroporto di Fiumicino è iniziata la somministrazione di AstraZeneca ai medici liberi professionisti e altri sanitari under 55. L’inoculazione del siero inglese, anziché Pfizer o Moderna, ha provocato polemiche. Il presidente dell'Ordine dei Medici di Roma: «Non ci sono vaccini di serie A e di serie B»
Covid, l’allarme di Oxfam e Emergency: «Con i monopoli di Big Pharma impossibile un vaccino per tutti»
Nel 2021, i tre più grandi colossi farmaceutici del mondo produrranno dosi solo per l’1,5% della popolazione mondiale, mentre molti produttori sono tagliati fuori. Le ONG lanciano un appello urgente a Ue, USA e UK per un’immediata inversione di rotta
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 aprile, sono 137.467.864 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.959.675 i decessi. Ad oggi, oltre 805,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...