Salute 16 Dicembre 2020 15:33

Vaccino Covid, via libera al piano italiano: si comincia i primi di gennaio

Dopo l’incontro tra Governo e Regioni il via libera per il piano vaccini. Con l’anticipo proposto da Ema sull’approvazione, Arcuri annuncia le prime somministrazioni a gennaio

Vaccino Covid, via libera al piano italiano: si comincia i primi di gennaio

La Conferenza Stato-Regioni ha dato il via libera al piano nazionale di vaccinazione anti-Covid italiano. «Nei primi giorni di gennaio parte la vaccinazione di massa», ha dichiarato il commissario straordinario all’emergenza Domenico Arcuri, dopo la riunione. Se, come annunciato, anche l’Ema accelererà le procedure per l’approvazione del vaccino Pfizer-BioNTech, l’Italia anticiperà a sua volta i tempi rispetto a quanto deciso per l’inizio delle somministrazioni, ovvero fine gennaio.

Sembra, inoltre, che ci sarà un “Vaccine-day“, individuato d’intesa con i principali governi europei, ed è altrettanto probabile che sarà già a dicembre. Se tra 21 e 22 Ema darà l’approvazione, a ruota seguirà Aifa tra 23 e 24 e quindi l’inizio potrebbe addirittura coincidere con il Natale.

«Nei giorni successivi verrà invece avviata la prima sessione della vaccinazione di massa, destinata alle categorie che il Governo e il Parlamento hanno stabilito essere prioritarie: operatori sanitari e sociosanitari, personale operante nei presidi ospedalieri, pubblici e privati, ospiti e personale delle residenze per anziani», fanno sapere dall’ufficio di Arcuri.

Le prime dosi sono 1,8 milioni

Nella prima fase di vaccinazione saranno disponibili 1,8 milioni di dosi, destinate a personale sanitario, socio-sanitario e a dipendenti e ospiti delle Rsa. Il Commissario per le emergenze, Domenico Arcuri, ha comunicato che già una prima ripartizione tra regioni è stata ultimata. Entro il 18 dicembre, i governatori invieranno i dati definitivi sul personale e le adesioni ricevute.

La seconda fornitura garantita da Pfizer sarà di 2.507.700 dosi, che consentiranno nelle settimane successive di somministrare la seconda dose alle suddette categorie prioritarie, nonché di avviare la vaccinazione della popolazione più fragile.

Il bando per il reclutamento di 3mila medici e 12mila infermieri a tempo determinato per la somministrazione dei vaccini, istituito dalla Protezione Civile, è iniziato oggi e scadrà il 28 dicembre. Chi risponderà parteciperà alla campagna vaccinale nelle 1.500 strutture già selezionate.

Arcuri ha voluto però ricordare che per immunizzare ogni cittadino occorrono circa 40 giorni, poi 28 per il richiamo e almeno 10 perché il prodotto diventi totalmente protettivo. «Secondo i programmi europei – ha aggiunto – prima dell’estate non potremo aver vaccinato una quota sufficiente di italiani».

La Pfizer, che si incaricherà di distribuire il vaccino, ha chiesto una definizione molto precisa dei punti di somministrazione per rispettare la catena del freddo. Nelle fasi successive, le dosi verranno depositate nell’aeroporto di Pratica di Mare e da lì distribuite con mezzi e personale delle forze armate. Oltre alle dosi Pfizer, circa 7 milioni, più in là nel 2021 dovrebbero arrivare 1,3 milioni del vaccino Moderna e 16 milioni di quello AstraZeneca.

Regione per regione

Il primo invio da parte della Pfizer, sarà così ripartito Regione per Regione: Abruzzo 25.480, Basilicata 19.455, Calabria 53.131, Campania 135.890, Emilia Romagna 183.138, Friuli Venezia Giulia 50.094, Lazio 179.818, Liguria 60.142, Lombardia 304.955, Marche 37.872, Molise 9.294, Pa Bolzano 27.521, Pa Trento 18.659, Piemonte 170.995, Puglia 94.526, Sardegna 33.801, Sicilia 129.047, Toscana 116.240, Umbria 16.308, Valle d’Aosta 3.334, Veneto 164.278.

Speranza: «Vaccino sfida più importante dei prossimi mesi»

«Quella del vaccino Covid – ha scritto il ministro della Salute, Roberto Speranza – è la sfida più importante dei prossimi mesi. L’Italia ha sempre lavorato perché il percorso di approvazione di Ema fosse al tempo stesso rigoroso, trasparente e veloce. È una buona notizia che tale processo possa completarsi già prima di Natale. Significherà che avremo finalmente a disposizione un vaccino efficace e sicuro».

«Ho proposto – ha aggiunto – insieme ai ministri di altri sette Paesi europei, tra cui Francia e Germania, che le vaccinazioni partano lo stesso giorno già nel mese di dicembre. Ci vuole ancora cautela e prudenza nei prossimi mesi, finché non avremo raggiunto una copertura vaccinale sufficiente, ma la strada è giusta e finalmente si vede la luce in fondo al tunnel».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Germania e Italia, strategie vaccinali diverse. Con le stesse dosi si possono salvare più vite?
Mentre l'Italia ha deciso di immunizzare prima di tutto il personale sanitario, la Germania ha optato per la priorità alle Rsa salvando la vita a circa 30mila persone
di Peter D'Angelo
Ritardi vaccini Pfizer, Rasi: «Sono marginali, ma ci saranno altri incidenti. Serve flessibilità»
L'ex direttore esecutivo dell'Agenzia Europea del Farmaco interviene sulla scelta di ritardare la somministrazione della seconda dose: «Se non si tengono conto dei risultati delle sperimentazioni, abbiamo solo perso tempo». E sui decessi in Norvegia: «Le autorità ci devono alcune risposte»
Vaccino Moderna, domani in Italia le prime 47mila dosi. Si parte dalle Regioni virtuose?
La seconda tranche di vaccini - 66mila dosi - arriverà il 25 gennaio; il 22 febbraio il carico più consistente con 488mila dosi. Ne sono previste 764mila in due mesi
Sclerosi, medicina territoriale e vaccino anti Covid: il Parlamento torna al lavoro dopo la pausa
Continuano i lavori della Commissione Sanità del Senato sull’Affare assegnato sulla medicina territoriale: in audizione i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil. Alla Camera si discute una mozione su un programma di investimenti e misure nel settore sanitario
Variante inglese di Sars-CoV-2, cos’è e cosa dicono gli esperti
Individuata in Gran Bretagna una nuova mutazione di Sars-CoV-2 che mostrerebbe maggiore trasmissibilità. L'indicazione internazionale è di frenarne la diffusione, ma gli esperti ribadiscono che non dovrebbe inficiare l'efficacia dei vaccini già pronti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 gennaio, sono 96.868.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.074.886 i decessi. Ad oggi, oltre 46,89 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...