Salute 16 Ottobre 2018

Tumori, Maio (oncologo): «Il futuro si chiama immunoterapia. In alcune neoplasie ha già sostituito la chemio»

Dopo il Nobel alla medicina assegnato a un ricercatore americano e uno giapponese, l’immunoterapia torna sotto i riflettori per l’efficacia nella cura del carcinoma di Merkel con un alliance targata Merck e Pfizer

Immagine articolo

«Una scienza ieri considerata oscura che oggi è arrivata ad un riconoscimento di valore mondiale». Così Michele Maio, Direttore del centro di Immuno-Oncologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese definisce la terapia immunologica che è valsa un Nobel per la medicina assegnato all’americano James P. Allison e al giapponese Tasuku Honjo per i loro studi nel settore.

«L’immuno-oncologia è la più sofisticata arma che abbiamo mai avuto nella lotta ai tumori – spiega il professor Maio ai microfoni di Sanità Informazione in occasione della conferenza stampa dedicata al trattamento immunoterapico del carcinoma di Merkel frutto dell’alliance Merck-Pfizer -. Con queste terapie si può pensare alla guarigione, ma prima di tutto si può pensare alla ‘cronicizzazione’ di alcune tipologie di tumori che in passato non lasciavano scampo».

LEGGI ANCHE: NOBEL PER LA MEDICINA A ALLISON E HONJO, GLI INVENTORI DELL’IMMUNOTERAPIA ANTICANCRO

Una speranza nel campo della medicina moderna che può non solo dare speranze di vita a pazienti gravi con poche possibilità di sopravvivenza, ma può in alcuni casi accantonare la chemioterapia che, come sappiamo, è una terapia aggressiva che in passato ha suscitato non poche perplessità. «In realtà ad oggi, in alcuni tipi di tumore, nei quali abbiamo rilevato che la chemioterapia non ha alcun impatto sulla sopravvivenza dei pazienti – prosegue Maio -, questo tipo di cura è finita definitivamente nel cassetto: per esempio nel melanoma della cute. Tuttavia in alcuni tipi di tumore invece stiamo imparando che la chemioterapia, probabilmente utilizzata in modo diverso da come l’abbiamo utilizzata negli ultimi 50 anni, può anche avere un effetto importante di sinergia con l’immunoterapia. Infatti stiamo scoprendo che alcuni farmaci chemioterapici hanno la capacità di modificare le caratteristiche del tumore rendendolo maggiormente visibile al sistema immunitario».

«Una terapia che può essere applicata a pazienti di tutte le età, per tutte le tipologie di neoplasie, e si è visto che anche nelle fasce molto giovani riscuote risultati efficaci». Lo dichiara Paolo Ascierto, direttore dell’Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia Oncologica e terapie Innovative dell’Istituto Nazionale Tumori della Fondazione G. Pascale di Napoli.

«A livello dermatologico si stanno riscontrando i successi più importanti – continua Ascierto -, non solo la cura al melanoma che ha iniziato un lungo percorso, ma anche il carcinoma basale lo spinalioma e appunto il Merkel».

«Ma la terapia immunologica – conclude -, non è applicabile solo ai tumori dermatologici ma sta dando risultati importanti nei tumori al polmone, del rene, della testa-collo, neoplasie del tratto gastrico-intestinale, potenzialmente può essere efficace in tutte le neoplasie».

Articoli correlati
ATMP, Campania modello virtuoso per le nuove terapie onco-ematologiche grazie alla sinergia tra specialisti e istituzioni
L’Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori “Fondazione Giovanni Pascale” è stato accreditato come una delle strutture adibite a erogare le nuove terapie a base di CAR-T cells per le neoplasie ematologiche dell'adulto. Ora si candida come punto di riferimento anche per altri centri in tutta Italia
Regina Elena: cure personalizzate per adenocarcinoma polmonare
Oggi la medicina di precisione è in grado di individuare “il corredo” molecolare del singolo tumore, valuta l’efficacia di un trattamento e sceglie in tempo reale la strategia terapeutica. In alcuni tumori del polmone, ad esempio, la chemioterapia di prima linea non ha gli effetti attesi, anzi risulta pressoché inefficace, ma grazie alle caratterizzazioni molecolari […]
Tumori, al Regina Elena San Gallicano di Roma l’evento “La bellezza resta anche in estate”
Il 21 Giugno entra l’estate e al Regina Elena San Gallicano venerdì 21 giugno dalle ore 14:00 alle 16:00 (Centro congressi multimediale IFO – aula B) si terrà l’evento per guidare le pazienti oncologiche al vivere al meglio “la bella stagione”. La pelle in estate, per le donne che seguono trattamenti oncologici, è molto delicata […]
Due interventi, 13 anestesie e la chemioterapia: il piccolo Ascanio ce l’ha fatta. Curato all’Umberto I
Una storia a lieto fine di buona sanità. È quella di Ascanio, che oggi ha 10 anni e quando ne aveva solo due è stato colpito da un brutto male –  nefroblastoma di Wilms, un cancro raro – e ha dovuto affrontare 13 anestesie, 43 sedute di chemioterapia e due interventi chirurgici.  «Era il febbraio del 2011 – […]
Nobel per la medicina a Allison e Honjo, gli inventori dell’immunoterapia anticancro
I due scienziati hanno rivoluzionato la lotta al tumore stimolando la capacità del nostro sistema immunitario di attaccare le cellule tumorali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...