Salute 16 Ottobre 2018 17:30

Tumori, Maio (oncologo): «Il futuro si chiama immunoterapia. In alcune neoplasie ha già sostituito la chemio»

Dopo il Nobel alla medicina assegnato a un ricercatore americano e uno giapponese, l’immunoterapia torna sotto i riflettori per l’efficacia nella cura del carcinoma di Merkel con un alliance targata Merck e Pfizer

Tumori, Maio (oncologo): «Il futuro si chiama immunoterapia. In alcune neoplasie ha già sostituito la chemio»

«Una scienza ieri considerata oscura che oggi è arrivata ad un riconoscimento di valore mondiale». Così Michele Maio, Direttore del centro di Immuno-Oncologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese definisce la terapia immunologica che è valsa un Nobel per la medicina assegnato all’americano James P. Allison e al giapponese Tasuku Honjo per i loro studi nel settore.

«L’immuno-oncologia è la più sofisticata arma che abbiamo mai avuto nella lotta ai tumori – spiega il professor Maio ai microfoni di Sanità Informazione in occasione della conferenza stampa dedicata al trattamento immunoterapico del carcinoma di Merkel frutto dell’alliance Merck-Pfizer -. Con queste terapie si può pensare alla guarigione, ma prima di tutto si può pensare alla ‘cronicizzazione’ di alcune tipologie di tumori che in passato non lasciavano scampo».

LEGGI ANCHE: NOBEL PER LA MEDICINA A ALLISON E HONJO, GLI INVENTORI DELL’IMMUNOTERAPIA ANTICANCRO

Una speranza nel campo della medicina moderna che può non solo dare speranze di vita a pazienti gravi con poche possibilità di sopravvivenza, ma può in alcuni casi accantonare la chemioterapia che, come sappiamo, è una terapia aggressiva che in passato ha suscitato non poche perplessità. «In realtà ad oggi, in alcuni tipi di tumore, nei quali abbiamo rilevato che la chemioterapia non ha alcun impatto sulla sopravvivenza dei pazienti – prosegue Maio -, questo tipo di cura è finita definitivamente nel cassetto: per esempio nel melanoma della cute. Tuttavia in alcuni tipi di tumore invece stiamo imparando che la chemioterapia, probabilmente utilizzata in modo diverso da come l’abbiamo utilizzata negli ultimi 50 anni, può anche avere un effetto importante di sinergia con l’immunoterapia. Infatti stiamo scoprendo che alcuni farmaci chemioterapici hanno la capacità di modificare le caratteristiche del tumore rendendolo maggiormente visibile al sistema immunitario».

«Una terapia che può essere applicata a pazienti di tutte le età, per tutte le tipologie di neoplasie, e si è visto che anche nelle fasce molto giovani riscuote risultati efficaci». Lo dichiara Paolo Ascierto, direttore dell’Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia Oncologica e terapie Innovative dell’Istituto Nazionale Tumori della Fondazione G. Pascale di Napoli.

«A livello dermatologico si stanno riscontrando i successi più importanti – continua Ascierto -, non solo la cura al melanoma che ha iniziato un lungo percorso, ma anche il carcinoma basale lo spinalioma e appunto il Merkel».

«Ma la terapia immunologica – conclude -, non è applicabile solo ai tumori dermatologici ma sta dando risultati importanti nei tumori al polmone, del rene, della testa-collo, neoplasie del tratto gastrico-intestinale, potenzialmente può essere efficace in tutte le neoplasie».

Articoli correlati
Nobel per la Medicina 2021 a Julius e Patapoutian
L'annuncio è stato dato come da tradizione dall'Assemblea dei Nobel al Karolinska Institutet di Stoccolma in Svezia, ai due scienziati riconosciuti i meriti «per le loro scoperte dei recettori per temperatura e tatto»
Scoperto meccanismo che permette alle cellule tumorali di resistere alla chemioterapia
Uno studio dell’Università Statale di Milano e dello IEO, coordinato dal professor Stefano Santaguida, ha definito come la variazione del numero dei cromosomi presenti nei tumori sia alla base del meccanismo con cui la cellula tumorale riesce a costruire una barriera che blocca l’azione dei farmaci anticancro
di Federica Bosco
Vaccino Covid, Ascierto: «Priorità a pazienti oncologici»
La richiesta inoltrata a Conte e Speranza dalla Confederazione oncologi, cardiologi ed ematologi (FOCE)
Nobel Medicina, Rostan (IV): «Supportare prevenzione e screening epatite C»
«Ora dobbiamo sfruttare i fondi già stanziati per gli screening negli anni 2020-21, scovare il sommerso della patologia e avviare celermente i pazienti individuati al trattamento» sottolinea la Vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan
Cancro alla mammella e parrucche: per guarire ci vuole anche testa
L'80% dei pazienti che si sottopongono a chemioterapia perde i capelli. Intervista alla dottoressa Lucia Mentuccia, oncologa presso l'Ospedale di Colleferro, su rimedi e soluzioni
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 gennaio, sono 351.635.821 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.596.877 i decessi. Ad oggi, oltre 9,80 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre