Voci della Sanità 30 Marzo 2018 18:11

Il raggio laser “amico per la pelle”, ecco come cura e ringiovanisce

Trattamento versatile e sicuro con indicazioni praticamente infinite, da quelle terapeutiche come l’acne, melasma, esiti di cicatrici a quelle estetiche per eliminare gli effetti del fotoinvecchiamento come macchie e rughe. La novità presentata al Terzo Congresso Nazionale del Gruppo Italiano Laser in Dermatologia che si è svolto a Roma è “un approccio integrato tra le […]

Trattamento versatile e sicuro con indicazioni praticamente infinite, da quelle terapeutiche come l’acne, melasma, esiti di cicatrici a quelle estetiche per eliminare gli effetti del fotoinvecchiamento come macchie e rughe. La novità presentata al Terzo Congresso Nazionale del Gruppo Italiano Laser in Dermatologia che si è svolto a Roma è “un approccio integrato tra le varie tecniche, laser certo ma anche acido ialuronico e tossina botulinica nelle tecniche di ringiovanimento. Possiamo riassumere i tipi di laser ricordando tre colori: il rosso che interessa la componente vascolare per trattare angiomi e capillari, il marrone per trattare macchie, rimuovere la peluria e eliminare tatuaggi e il blu indicata nelle alterazioni della pelle. Non una superficie ma un vero e proprio ‘organo’ che può essere stimolato alla rigenerazione con i nuovi laser frazionali che esercitano sia un’azione superficiale che agire a varie profondità per stimolare la produzione dei tessuti più profondi come il collagene – spiega il Presidente Steven Nisticò.

Il laser nelle sue diverse combinazioni ha mostrato una peculiarità ‘chirurgica’ che sta progressivamente sostituendo l’invasività del bisturi con risultati duraturi sovrapponibili a quelli di un lifting grazie alla funzione di stimolo sui tessuti che si rinnovano, si riorganizzano e si riallineano.

Anche il ringiovanimento che è sempre in cima alle richieste di tipo estetico non prevede più tagli, indicazioni importanti, lunghe convalescenze. Le tecniche laser rispondono alle esigenze di persone che non possono sottrarsi a lungo dalla vita sociale e devono tornare a lavoro e alla normalità in pochissimi giorni. Risultati eclatanti anche in soggetti più agée con danni cutanei di vecchia data purché disposti a trattamenti in più sedute e una combinazione di tecniche, con lo scopo di dare una sferzata di tessuti. Il sole determina danni ingenti che sono più precoci per l’aggressività delle radicazioni non perfettamente schermate dallo strato di ozono nell’atmosfera. Possiamo dire che il sole è più aggressivo e che i suoi pericoli sono ancora sottovalutati ma che la stella più luminosa del nostro sistema solare ci presenta un conto amaro, talora sotto forma di malattie tumorali. Si stima che ogni anno in Italia vengano diagnosticati circa 70mila casi (40mila nei maschi e 30mila nelle femmine) di tumori non melanoma mentre il più pericoloso melanoma ha una incidenza annuale stimata intorno ai 40-140 casi ogni 100mila abitanti. Per tutti, il maggiore fattore di rischio è l’esposizione solare.

Le notizie dal congresso piaceranno anche a chi soffre di acne, disturbo che non è più appannaggio solo di liceali ma che è sempre più rilevabile nella popolazione adulta, che vede tra i principali indiziati inquinamento ambientale, stress, uso di farmaci e cosmetici che possono contenere sostanze occlusive che ostruiscono i pori e imprigionano il sebo. Secondo l’American Accademy of Dermatology, che ha provato a stimare l’incidenza, soffrono di acne dopo 25 anni il 5% delle donne e l’1% degli uomini. Per gli adulti si tratta di una condizione ancora più invalidante che può generare uno stato di sofferenza psicologica, ma oggi all’armamento farmacologico si è aggiunto quello ‘fisico’: i laser a luce blu infatti hanno dimostrato la loro efficacia tanto da essere inseriti nelle linee guida di trattamento.

«Attenzione però – si sofferma il Professor Nisticò – perché il laser deve essere usato da personale medico, formato ed esperto: in mani sbagliate e per indicazioni non idonee infatti si possono causare anche danni gravi e permanenti. La posizione del GILD è di formare gli stessi medici e dialogare con le istituzioni affinché il loro uso rimanga saldamente in mani esperte. Una ricerca del 2009 ad esempio aveva riportato l’insorgenza da macchie iperpigmentate su collo, braccia e inguine, formazione di cicatrici, eritemi e complicazioni oculari successive all’uso di laser per l’epilazione condotta da personale non esperto».

Articoli correlati
Fondazione AIRC: con Le Arance della Salute, una mobilitazione collettiva contro il cancro
L’anno di Fondazione AIRC inizia con una nuova campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi che invita ad agire concretamente per fare la differenza, per se stessi e per gli altri, attraverso l’adozione di sane abitudini e il sostegno alla ricerca
Sarah Ferguson annuncia di avere un melanoma. L’oncologo Ascierto: “Outing è spot positivo per la prevenzione”
Sarah Ferguson, 64 anni, ex moglie del principe Andrea e madre della principessa Beatrice e della principessa Eugenia, ha ricevuto la diagnosi di un melanoma, scoperto mentre era in cura per un tumore al seno. E' stato il Sun a dare la notizia del melanoma, ma la notizia è rimbalzata sui media anche per rilanciare l'importanza della prevenzione
Tumori del sangue, creato algoritmo che potrebbe migliorare diagnosi e cure
I ricercatori di Genomics England, dell'Università di Trieste e del Great Ormond Street Hospital for Children dell’NHS Foundation Trust hanno sviluppato un nuovo algoritmo per rendere più accurata l'analisi del sequenziamento completo del genoma, effettuato con tecniche di Whole Genome Sequencing (WGS) in pazienti con tumori del sangue
di V.A.
Melanoma: con immunoterapia pre-intervento 50% dei pazienti non ha bisogno di cure post
Da “ultima spiaggia” a terapia di prima scelta. Nel giro di pochissimi anni l’immunoterapia ha fatto un enorme salto di qualità tanto che oggi i clinici chiedono di estendere il ricorso ai cosiddetti inibitori dei checkpoint immunitari anche per la terapia neoadiuvante, cioè al trattamento prima dell’intervento chirurgico
Tumori: test genomici sottoutilizzati e gravi disparità regionali, 14 punti per ridefinire gli standard
Una ricerca condotta da Cipomo con il contributo di Cergas SDA Bocconi, ha rilevato gravi disparita regionali in Italia nell'accesso e nell'organizzazione dell'oncologia di precisione
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Oltre la rarità: PSORIASI PUSTOLOSA GENERALIZZATA (prima puntata)

La psoriasi pustolosa generalizzata (Generalized Pustular Psoriasis o GPP) è una variante grave e rara della psoriasi. Si manifesta con la comparsa di pustole giallo-brune sterili in varie part...
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...