Salute 1 Ottobre 2018 12:32

Nobel per la medicina a Allison e Honjo, gli inventori dell’immunoterapia anticancro

I due scienziati hanno rivoluzionato la lotta al tumore stimolando la capacità del nostro sistema immunitario di attaccare le cellule tumorali

Nobel per la medicina a Allison e Honjo, gli inventori dell’immunoterapia anticancro

Una scoperta da Nobel. È quella dell’americano James P. Allison e del giapponese Tasuku Honjo, inventori dell’immunoterapia anticancro, a cui oggi è stato assegnato il Premio Nobel per la Medicina. «Stimolando la capacità del nostro sistema immunitario di attaccare le cellule tumorali, i vincitori del premio Nobel di quest’anno hanno stabilito un principio completamente nuovo per la terapia del cancro», si legge sull’account Twitter del Nobel.

Il Karolinska Institutet di Stoccolma ha attribuito il riconoscimento che ammonta quest’anno a 9 milioni di corone svedesi, al cambio odierno oltre 871 mila euro. Dal 1901 al 2017 sono stati 108 i premi Nobel per la Medicina o la Fisiologia, consegnati a un totale di 214 scienziati, dato che il riconoscimento viene dato spesso a più di una persona.

È semplice la domanda da cui sono partiti Allison e Honjo: perchè il nostro sistema immunitario, così efficace solitamente ad attaccare e a respingere gran parte delle minacce, non reagisce in caso di tumore? Sono stati loro i primi a capire e a dimostrare che è possibile “sfruttare” il nostro sistema immunitario a combattere il tumore, sbloccando i freni che ne impediscono l’azione. Sulla superficie delle cellule tumorali ci sono delle molecole diverse rispetto a quelle delle cellule sane, note come antigeni tumorali. L’immunoterapia permette alle cellule del nostro sistema immunitario di individuare, riconoscere e quindi attaccare gli antigeni tumorali. In particolare, lo scienziato americano James Allison ha scoperto la CTLA-4, la proteina che “frena” l’attivazione dei linfociti T.

Allison, docente dell’Università del Texas, e Honjo, professore all’Università di Kyoto, avevano già vinto nel 2014 il Tang Prize, la versione asiatica del Nobel, per la loro ricerca sul cancro.

«Il premio Nobel a James P. Allison e Tasuku Honjo è il più giusto riconoscimento per un lunghissimo lavoro di ricerca che sta permettendo all’oncologia di scrivere una nuova pagina e di cambiare la vita a milioni di pazienti in tutto il mondo – ha commentato il Ministro della Salute Giulia Grillo – I due scienziati hanno indicato la rotta per nuovi farmaci e tante importanti sperimentazioni che stanno per portare risultati fino a pochi anni fa inimmaginabili». «Il Nobel  – ha proseguito – indica al mondo che la lotta ai tumori ha armi sempre più innovative a disposizione. Il nostro Governo compirà ogni sforzo per far arrivare le nuove risposte terapeutiche  ai cittadini che ne hanno bisogno in tutto il Paese, senza penalizzare chi vive nei territori più svantaggiati».

LEGGI TUTTI GLI APPROFONDIMENTI DI SANITA’ INFORMAZIONE SULL’IMMUNOTERAPIA

TUMORI, AMADORI (AIL): «IMMUNOTERAPIA E CAR-T STANNO RIVOLUZIONANDO LA CURA DI LEUCEMIE, LINFOMI E MIELOMI»

ONCOLOGIA, FREDDI (MSD): «MILLENOVECENTO MOLECOLE ALLO STUDIO. FONDAMENTALE LA PARTNERSHIP PUBBLICO-PRIVATO»

IMMUNOTERAPIA ONCOLOGICA, GARASSINO (ISTITUTO TUMORI MILANO): «SFATIAMO IL MITO: IN ITALIA LA RICERCA E’ AD ALTISSIMI LIVELLI»

LA RETE DEI 21 IRCCS ASSOCIATI HA ISTITUITO IL WORKING GROUP “IMMUNOTERAPIA”

RICERCA, CREATA MAPPA CON IDENTIKIT DI 33 TIPI DI CANCRO. RIVOLUZIONE PER L’APPROCCIO TERAPEUTICO

LINFOMA E LEUCEMIA LINFOBLASTICA, UE APPROVA PRIMA TERAPIA CELLULARE CON LINFOCITI T

Articoli correlati
Specializzazione in Medicina, Consulcesi: «Bando in scadenza ma ancora dubbi su posti disponibili»
Da Consulcesi consigli a specializzandi: «Attenzione a regole del bando, seguite bene le istruzioni»
Dionisio Cumbà, dalla facoltà di Medicina a Padova a ministro della Sanità in Guinea Bissau. Storia di un sogno
Abbiamo raggiunto Dionisio Cumbà in Guinea Bissau, dove ora è ministro della Sanità. Da ragazzo ha studiato e si è specializzato in chirurgia pediatrica a Padova. La sua è un'avventura straordinaria, fatta di solidarietà, coraggio e di un grande sogno
La frequenza di un evento all’estero, non accreditato in Italia, dà crediti validi nel sistema nazionale?
Per gli eventi non accreditati in Italia è possibile fare richiesta di riconoscimento dei crediti secondo quanto stabilito al paragrafo 3.4 (Formazione individuale all’estero) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
Nobel al personale sanitario italiano, Mazzacane (Cisl Medici): «Candidatura è già vittoria»
«Già solo il fatto che la candidatura per il premio Nobel ai medici italiani sia stata accettata è una vittoria che evidenzia come lo sforzo e il sacrificio di tanti, soprattutto nel primo periodo della pandemia, non siano passati inosservati nel mondo», dice il dott. Danilo Mazzacane, segretario generale Cisl Medici Lombardia. «Essere candidati al […]
Covid-19, De Poli (Udc): «Sosteniamo candidatura sanitari italiani a premio Nobel Pace 2021»
«Sosteniamo con forza la candidatura di medici, infermieri e sanitari italiani al Premio Nobel per la Pace 2021». Con queste parole, il Senatore Antonio De Poli (UDC) ha appoggiato la candidatura dei professionisti sanitari italiani. «A queste persone – ha continuato – che, con straordinaria abnegazione, dedizione al lavoro, spirito di servizio, hanno affrontato e […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 giugno, sono 179.164.193 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.882.531 i decessi. Ad oggi, oltre 2,68 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM