Salute 30 maggio 2018

Oncologia, Freddi (MSD): «Millenovecento molecole allo studio. Fondamentale la partnership pubblico-privato»

Parla l’Executive Director Policy & Communication di MSD: «Immuno-oncologia sta cambiando paradigmi di cura. Ma c’è il problema della sostenibilità». L’azienda sta portando avanti la ricerca sul pembrolizumab con settecento clinical trial su oltre trenta tipi di tumori

Immagine articolo

Le terapie immunologiche stanno aprendo nuove prospettive nella lotta al cancro e la sopravvivenza dei malati oncologici aumenta sempre di più grazie anche all’effetto combinato con la chemioterapia che sta dando ottimi risultati. Del resto, i progressi dell’industria farmaceutica sono ormai un fatto conclamato: 15mila sono i nuovi farmaci in via di sviluppo e 7mila in fase di sperimentazione clinica, secondo quanto dichiarato proprio al Festival della Scienza Medica a Bologna da Massimo Scaccabarozzi, Presidente di Farmindustria.

Straordinari i progressi registrati in ambito oncologico. «Oggi ci sono oggi circa millenovecento molecole allo studio in ambito oncologico – spiega a Sanità Informazione Goffredo Freddi, Executive Director Policy & Communication MSD Italia –. Non c’è mai stato un numero così elevato e quindi c’è veramente di che sperare».

Dottor Freddi, al Festival della Scienza Medica di Bologna si è affrontato un tema delicato come quello del tumore ma con una certa positività. La ricerca portata qui da illustri ricercatori italiani dimostra che le terapie immunologiche per il tumore stanno facendo passi avanti. È fondamentale anche la collaborazione tra le istituzioni scientifiche e l’industria farmaceutica…

«Assolutamente sì. In effetti l’immuno-oncologia sta determinando un vero e proprio salto quantico in quelli che sono i paradigmi di cura. Questo è legato, tra l’altro, agli straordinari sforzi della ricerca che l’industria farmaceutica sta facendo in questo campo: basti pensare che occorrono quasi tre miliardi di dollari per portare a sviluppo, e quindi al paziente, un nuovo farmaco. Ma è necessaria una partnership pubblico-privato anche per il problema della sostenibilità di queste terapie innovatrici. Quindi è veramente un gioco in cui tutti devono fare la loro parte».

Abbiamo visto un grafico che accendeva speranze. Tanti cerchi concentrici: quello piccolo al centro raffigurante i farmaci già sul mercato e grandi cerchi all’esterno con tantissime molecole allo studio che potranno arrivare nei prossimi anni. Da qui a cinque, dieci anni cosa ci possiamo attendere senza dare false speranze?

«Bisogna sempre stare molto attenti quando si fa comunicazione su questo tema. Io le rispondo dando due numeri: il primo è che ci sono oggi circa millenovecento molecole allo studio in ambito oncologico. Non c’è mai stato un numero così elevato e quindi c’è veramente di che sperare. Le posso dire, per quello che riguarda l’azienda per cui lavoro, che c’è una molecola che si chiama pembrolizumab che in questo momento sta conducendo settecento clinical trial su oltre trenta tipi di tumori. Quindi non è solo la quantità di molecole allo studio ma ogni molecola potenzialmente può essere attiva ed efficace in tanti tipi di tumore. Ovviamente qui si apre un problema di sostenibilità e bisogna garantire effettivamente la possibilità al paziente di curarsi con le cure migliori».

LEGGI ANCHE: IMMUNOTERAPIA ONCOLOGICA, GARASSINO (ISTITUTO TUMORI MILANO): «SFATIAMO IL MITO: IN ITALIA LA RICERCA È AD ALTISSIMI LIVELLI»

Articoli correlati
Salute, 4,5 mln colpiti da osteoporosi. Ogni 3 secondi una frattura
In Italia circa 3,5 milioni di donne e 1 milione di uomini sono affetti da osteoporosi. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità a causa di questa malattia ogni 3 secondi si verifica una frattura di femore, polso o vertebra: nel nostro Paese, ogni anno, negli over 50 quelle di femore sono più di 90mila mentre sono […]
Sanità, al via Congresso annuale ESMO: «Da melanoma a glioblastoma, immunoterapia grande speranza»
Gli specialisti dell’Istituto Oncologico Veneto saranno tra i protagonisti del Congresso annuale dell'European Society of Medical Oncology (ESMO) che si apre a Monaco di Baviera dal 19 al 23 ottobre. Nell'edizione 2018 del Congresso sarà l’immunoterapia la prospettiva terapeutica a dettare la linea delle sessioni più importanti
Firenze, al centro di oncologia ed ematologia del Meyer arriva Peter Pan
Il Centro di Oncologia ed ematologia del Meyer si rifà il look con interventi di riqualificazione per migliorare l’organizzazione, la sicurezza ed il comfort del reparto e dei suoi piccoli pazienti. Due nuove stanze singole, una stanza doppia e nuove decorazioni con protagonista Peter Pan, il bambino che non voleva crescere. Per la felicità di tutti i […]
Firenze, al Meyer arriva l’oncologo Massimo Dominici
Uno dei massimi  esperti a livello interazionale nel campo delle terapie cellulari arriva all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze.   Il suo nome è Massimo Dominici e dirigerà la Struttura complessa Terapie Avanzate, con l’obiettivo di fare entrare l’Ospedale pediatrico fiorentino nel panorama delle realtà più evolute in Europa nella terapia innovativa delle patologie oncologiche infantili. Il professor […]
Oncologia e radioterapia: Roberto Giacobbo presenta a Milano “La Notte della Scienza”
Il giornalista terrà una lectio magistralis toccando i momenti chiave che hanno caratterizzato l’evoluzione scientifica e tracciando il futuro della medicina oncologica attraverso le cure all'avanguardia offerte dalla radioterapia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...