Salute 30 maggio 2018

Oncologia, Freddi (MSD): «Millenovecento molecole allo studio. Fondamentale la partnership pubblico-privato»

Parla l’Executive Director Policy & Communication di MSD: «Immuno-oncologia sta cambiando paradigmi di cura. Ma c’è il problema della sostenibilità». L’azienda sta portando avanti la ricerca sul pembrolizumab con settecento clinical trial su oltre trenta tipi di tumori

Immagine articolo

Le terapie immunologiche stanno aprendo nuove prospettive nella lotta al cancro e la sopravvivenza dei malati oncologici aumenta sempre di più grazie anche all’effetto combinato con la chemioterapia che sta dando ottimi risultati. Del resto, i progressi dell’industria farmaceutica sono ormai un fatto conclamato: 15mila sono i nuovi farmaci in via di sviluppo e 7mila in fase di sperimentazione clinica, secondo quanto dichiarato proprio al Festival della Scienza Medica a Bologna da Massimo Scaccabarozzi, Presidente di Farmindustria.

Straordinari i progressi registrati in ambito oncologico. «Oggi ci sono oggi circa millenovecento molecole allo studio in ambito oncologico – spiega a Sanità Informazione Goffredo Freddi, Executive Director Policy & Communication MSD Italia –. Non c’è mai stato un numero così elevato e quindi c’è veramente di che sperare».

Dottor Freddi, al Festival della Scienza Medica di Bologna si è affrontato un tema delicato come quello del tumore ma con una certa positività. La ricerca portata qui da illustri ricercatori italiani dimostra che le terapie immunologiche per il tumore stanno facendo passi avanti. È fondamentale anche la collaborazione tra le istituzioni scientifiche e l’industria farmaceutica…

«Assolutamente sì. In effetti l’immuno-oncologia sta determinando un vero e proprio salto quantico in quelli che sono i paradigmi di cura. Questo è legato, tra l’altro, agli straordinari sforzi della ricerca che l’industria farmaceutica sta facendo in questo campo: basti pensare che occorrono quasi tre miliardi di dollari per portare a sviluppo, e quindi al paziente, un nuovo farmaco. Ma è necessaria una partnership pubblico-privato anche per il problema della sostenibilità di queste terapie innovatrici. Quindi è veramente un gioco in cui tutti devono fare la loro parte».

Abbiamo visto un grafico che accendeva speranze. Tanti cerchi concentrici: quello piccolo al centro raffigurante i farmaci già sul mercato e grandi cerchi all’esterno con tantissime molecole allo studio che potranno arrivare nei prossimi anni. Da qui a cinque, dieci anni cosa ci possiamo attendere senza dare false speranze?

«Bisogna sempre stare molto attenti quando si fa comunicazione su questo tema. Io le rispondo dando due numeri: il primo è che ci sono oggi circa millenovecento molecole allo studio in ambito oncologico. Non c’è mai stato un numero così elevato e quindi c’è veramente di che sperare. Le posso dire, per quello che riguarda l’azienda per cui lavoro, che c’è una molecola che si chiama pembrolizumab che in questo momento sta conducendo settecento clinical trial su oltre trenta tipi di tumori. Quindi non è solo la quantità di molecole allo studio ma ogni molecola potenzialmente può essere attiva ed efficace in tanti tipi di tumore. Ovviamente qui si apre un problema di sostenibilità e bisogna garantire effettivamente la possibilità al paziente di curarsi con le cure migliori».

LEGGI ANCHE: IMMUNOTERAPIA ONCOLOGICA, GARASSINO (ISTITUTO TUMORI MILANO): «SFATIAMO IL MITO: IN ITALIA LA RICERCA È AD ALTISSIMI LIVELLI»

Articoli correlati
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
Diabete, colpito 1 milione di italiani in età lavorativa. La prima cura? Un corretto stile di vita
«Molte diagnosi arrivano tardi e spesso ci si arriva tramite altre patologie. Il 2% della popolazione ha il diabete e non lo sa. L'Italia è fanalino di coda nell’utilizzo dei più moderni farmaci per il diabete a causa delle difficoltà nel prescriverli» ha dichiarato il professor Andrea Giaccari, diabetologo
Sabato 9 febbraio tutti in farmacia per donare un farmaco a chi ne ha bisogno
“Anche quest’anno le farmacie partecipano numerose alla Giornata di Raccolta del Farmaco, confermando con grande senso di responsabilità e solidarietà il proprio ruolo di presidio territoriale sociosanitario sempre attento alle esigenze dei cittadini, in particolare dei più deboli. Ringrazio tutti i colleghi, i volontari e i cittadini che con la loro generosità permettono di donare […]
Vicenza, ritorna la “giornata di raccolta del farmaco” in circa 50 farmacie
Sabato 9 febbraio ritorna l’appuntamento con la Giornata di Raccolta del Farmaco, giunta ormai alla XIX edizione. La manifestazione, che ha carattere nazionale, viene promossa a livello provinciale da Federfarma Vicenza e ad oggi sono circa 50 le farmacie vicentine che hanno già annunciato la propria adesione. Secondo una formula ormai collaudata, i clienti potranno […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...