Salute 16 Marzo 2022 15:34

Test genomici per donne con tumore al seno: la legge c’è, i fondi anche, ma non si fanno. Perché?

Secondo un sondaggio di Senonetwork solo il 48% degli ospedali si è attrezzato per farli e garantire il rimborso delle analisi, nonostante sia stato stanziato un fondo da 20 milioni di euro. Europa Donna Italia chiede l’intervento della commissione LEA affinché tutte le donne italiane possano accedervi

Test genomici per donne con tumore al seno: la legge c’è, i fondi anche, ma non si fanno. Perché?

Ritardi nell’applicazione della legge e differenze sostanziali tra le varie regioni, sono questi i limiti del provvedimento voluto dal Ministro Speranza sui test genomici gratuiti per le donne con tumore al seno che, a distanza di mesi dalla sua entrata in vigore – luglio 2021 – non riesce a decollare. Infatti, nonostante il decreto attuativo abbia previsto un fondo da 20 milioni di euro, ad oggi solo il 48% degli ospedali si è attrezzato per fare i test genomici e per garantire il rimborso delle analisi in grado di evitare trattamenti chemioterapici inappropriati nelle donne con tumore al seno in uno stadio iniziale.

A lanciare il grido di allarme è AIOM con Europa Donna Italia all’esito del sondaggio realizzato da Senonetwork, l’associazione di promozione sociale nata nel 2012 finalizzata alla tutela e al controllo delle patologie della mammella nel rispetto dei requisiti europei, al fine di garantire a tutte le donne italiane pari opportunità di cura.

Italia un decennio da recuperare sul resto d’Europa

Secondo i dati prodotti da Senonetwork nell’indagine che mirava a capire l’effettivo utilizzo dei test genomici e il relativo rimborso è emerso che se nel 73% dei centri di senologia è stato implementato l’utilizzo dei test genomici dopo il decreto attuativo ministeriale, un quarto delle strutture ancora resta fuori da questo processo. «Esiste una evidente eterogeneità dei test riconducibile ai diversi bandi di gara attuati dalle Regioni – ha spiegato Lucio Fortunato Membro del consiglio direttivo di Senonetwork e Direttore della Breast Unit dell’Ospedale San Giovanni Addolorata di Roma –. Di conseguenza in molte aree del territorio nazionale le pazienti non possono accedere gratuitamente a queste analisi per ritardi nelle procedure applicative. Ciò ha fatto sì che il 39% dei centri non abbia potuto prescrivere il test a una o più pazienti idonee, che sono state sottoposte a chemioterapia adiuvante. L’Italia si è adeguata solo lo scorso anno all’utilizzo di queste analisi molecolari, consolidate nel resto d’Europa da almeno un decennio e ancora stiamo scontando un forte ritardo rispetto alle pratiche adottate in altri Paesi europei, come Germania, Regno Unito, Spagna e Grecia e alle indicazioni contenute nelle più importanti linee guida delle società scientifiche».

Europa Donna chiede l’intervento della commissione LEA

Dal sondaggio è emerso che solo il 30% dei centri di Senologia ha a disposizione i test genomici da più di un anno, mentre il 65% da meno di sei mesi. Per sbloccare la situazione, che risulta essere ferma in molti territori italiani, Europa Donna Italia, nella voce del suo Presidente, Rosanna D’Antona, ha chiesto che a porre fine all’agonia burocratica sia la Commissione LEA. «La persistente situazione di disparità nell’accesso ai test non è accettabile – ha dichiarato D’Antona –. Per questo con le altre 170 associazioni della rete Europa Donna Italia continuiamo l’azione di monitoraggio affinché tutte le donne italiane che hanno necessità possano accedervi e sia finalmente assicurata la possibilità di evitare cure aggressive e invalidanti. Non solo, la riduzione del ricorso alla chemioterapia comporterebbe significativi risparmi economici oltre che una migliore qualità della vita».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tumore della mammella metastatico: trastuzumab deruxtecan cambia lo standard di cura
Al Congresso dell’American Society of Clinical Oncology sono stati presentati i risultati straordinari relativi a trastuzumab deruxtecan nella terapia del tumore della mammella metastatico. Lo studio DESTINY-Breast06 ha mostrato come questo anticorpo monoclonale abbia ridotto di oltre il 30% il rischio di progressione di malattia o morte nella pazienti con tumore Her positivo metastatico, evitando la chemioterapia dopo la terapia anti ormonale
Tumori: test genomici sottoutilizzati e gravi disparità regionali, 14 punti per ridefinire gli standard
Una ricerca condotta da Cipomo con il contributo di Cergas SDA Bocconi, ha rilevato gravi disparita regionali in Italia nell'accesso e nell'organizzazione dell'oncologia di precisione
di V.A.
Gemmato: «Presto sindrome fibromialgica grave tra malattie con diritto esenzione»
Il Sottosegretario alla Salute Marcello Gemmato ha assicurato ai pazienti dell'Associazione italiana sindrome fibromialgica che il ministero della Salute e il Governo Meloni pone massima attenzione alle loro problematiche
Malattie croniche intestinali in aumento, «incubo» per oltre 7 pazienti su 10
La vita di chi soffre di malattie infiammatorie croniche intestinali  può essere un vero e proprio incubo. E' quanto emerge dall'indagine Better - Bisogni Assistenziali, Lavorativi, Legali e Sociali per la cura dei pazienti affetti da malattie infiammatorie Croniche dell'Intestino – presentata oggi al ministero della Salute da Amici Italia, in occasione di un convegno organizzato dall'associazione, su iniziativa del ministro della Salute, Orazio Schillaci
Fibromialgia, associazioni pazienti: «Vogliamo chiarezza su uso fondi delle Regioni»
Associazione Italiana Sindrome Fibromiagica (Aisf), Associazione Fibromialgici Libellula Libera APS e CFU Comitato Fibromialgici Uniti Italia Odv lanciano un appello alla trasparenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...