Salute 28 Maggio 2021 17:49

La casa delle donne operate al seno. Viaggio nella Breast Unit del S. Giovanni Addolorata

«Certificazione di qualità europea garanzia per tutti» spiega il Direttore sanitario Patrizia Magrini. «Approccio multidisciplinare aumenta sopravvivenza delle donne con cancro al seno del 18%» aggiunge il Direttore della Breast Unit Lucio Fortunato

La casa delle donne operate al seno. Viaggio nella Breast Unit del S. Giovanni Addolorata

Nel 2020, in piena pandemia, la Breast Unit dell’Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata di Roma, ha accolto ben 522 pazienti con tumore al seno ed effettuato 700 accessi ambulatoriali. L’ampia casistica trattata, le tecnologie innovative e un approccio interdisciplinare di figure professionali con diverse competenze (radiologo, patologo, chirurgo senologo, chirurgo plastico, oncologo, radioterapista, fisiatra, psicologo, infermiera, fisioterapista, tecnico di radiologia e radioterapia) sono solo alcune peculiarità che hanno permesso di ottenere, per la quinta volta, la Certificazione europea Italcert-BCCERT.

Primo e unico Centro di Senologia Certificato a Roma e nel Lazio

Un risultato prestigioso, conseguito al termine di una recente site visit effettuata da un team di esperti europei che hanno apprezzato l’attenzione rivolta alla paziente in ogni momento del percorso assistenziale. «È l’unico centro a Roma e nel Lazio che ha raggiunto questo obiettivo e per il quinto anno consecutivo – commenta soddisfatto il direttore del Centro Lucio Fortunato ai nostri microfoni -. Qui le pazienti vengono trattate e ricevono le raccomandazioni da un core team. Questo permette di aumentare e migliorare la sopravvivenza delle donne con cancro della mammella del 18% rispetto ai centri generalisti dove non c’è quest’approccio specialistico e multidisciplinare».

La Breast Unit del S. Giovanni Addolorata rappresenta un punto di riferimento per la diagnosi e il trattamento del tumore della mammella. L’attività del centro, infatti, non solo è proseguita senza sosta anche durante la pandemia di Covid-19 ma è aumentata del 15% nel 2020. Cosa significa essere un centro certificato e quali sono i vantaggi per le pazienti? «Avere una certificazione di qualità e di tale pregio come questa europea consente alle pazienti di disporre del massimo dal punto di vista dell’innovazione, delle procedure e delle competenze, è una garanzia per tutti», aggiunge il Direttore sanitario dell’azienda, Patrizia Magrini.

Breast Unit: un luogo riconoscibile dove trovare una risposta ogni giorno dell’anno

Un percorso diagnostico-terapeutico con al centro la donna: dalla diagnosi, passando per la cura, il follow-up del tumore fino alla completa guarigione.  La presa in carico della paziente è confermata per i primi 5 o 10 anni: «Visite e controlli sono assicurati – precisa Laura Broglia, Responsabile senologia per immagini – all’interno del percorso di follow-up aziendale previsto dal percorso diagnostico terapeutico assistenziale (PDTA)».

Un attento e impegnativo lavoro di squadra multi-disciplinare ed olistico: la presa in carico di tutti i bisogni fisici e psicologici della donna affetta da una patologia complessa come il carcinoma mammario. «Abbiamo pensato di creare un ambiente protetto, la casa delle donne operate al seno. Uno spazio dedicato, che abbia un po’ di rosa al proprio interno, un minimo di accoglienza con delle piante. Un luogo riconoscibile per le donne dove rivolgersi tutti i giorni dell’anno e trovare una risposta e qualcuno che possa prenderle in carico». Operazione riuscita: gli spazi sono confortevoli e accoglienti, si respira un’atmosfera positiva, le pazienti si sentono a proprio agio e in buone mani, sostenute e rassicurate. 

La Banca della Parrucca

Un impegno ampiamente condiviso da tutti, come puntualizza Laura Detto, Case Manager Breast Unit: «Il mio compito e quello delle mie colleghe è di accompagnare le nostre pazienti per tutti i 5 anni, cercando di costruire un percorso personalizzato sui i bisogni della singola donna». La caduta dei capelli provocata dalla chemioterapia è sicuramente uno dei fenomeni dal risvolto emotivo più traumatico. Lo sa bene Livia Argentino, medico chirurgo di 36 anni, a cui nove mesi fa è stato diagnosticato un tumore al seno. Operata al San Giovanni Addolorata e sottoposta a chemioterapia, Livia non accettava il fatto di dover indossare una parrucca tanto diversa dai suoi capelli. «La femminilità di una donna risiede gran parte nei capelli – ci racconta – io c’ero affezionata perché ne avevo una montagna. Mi creava problemi con due bambini piccoli, non volevo sconvolgere in questo modo la mia vita».

Presso la Breast Unit è attiva da anni la “Banca della Parrucca”, un servizio istituito anche grazie alla convenzione con la Fondazione Prometeus Onlus, per fornire parrucche gratuite e in comodato d’uso alle pazienti che seguono un percorso chemioterapico. «Ho fatto realizzare una parrucca con i miei capelli – confessa – una parte, l’ho ricevuta da una ragazza che li ha donati. L’ho trovato un gesto così bello che adesso che non ne ho più bisogno ho deciso di donare a mia volta la parrucca e regalare un sorriso a un’altra donna che dovrà affrontare questo percorso difficile».

Per chi suona la campana?

All’interno del centro c’è una campana dal forte significato simbolico. La suona con orgoglio, consapevole di avercela fatta, una paziente per cui la diagnosi è arrivata il 24 dicembre 2014. In un periodo dell’anno dove, forse, accettarla è ancora più dura. «Qui ho trovato una famiglia. Qui il termine cura ha un altro valore: è l’attenzione verso le donne, è un aiuto concreto sia dal punto di vista sanitario che umano. La campana taglia il traguardo dei cinque anni dalla diagnosi – riferisce commossa – vedere donne che riescono a suonarla è una speranza concreta per chi sta ancora lottando».

Guarire dal tumore al seno si può ed esiste la reale «possibilità di riprendere o addirittura intraprendere nuovi percorsi di vita dopo questo episodio che sconvolge la vita di una donna ma da cui, a volte, riparte con ancora più energia di prima, come le donne sanno fare» conclude Patrizia Magrini. C’è chi si è sposata, ha avuto figli, si è laureata o è partita per un lungo viaggio. Lo testimoniano le foto appese nella sala d’attesa del centro. Qui i volti, finalmente sereni e sorridenti, di chi il cancro l’ha vinto.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medicina e chirurgia estetica, è boom di richieste in vista dell’estate
D’Andrea (SICPRE): «In forte aumento gli interventi al viso, in particolare le zone scoperte dalla mascherina. Ma non dimentichiamo i percorsi di chirurgia ricostruttiva, fondamentali nella presa in carico dei tumori al seno»
Tumore al seno, al Policlinico Federico II di Napoli l’innovativa tecnica anestesiologica senza intubazione
Il chirurgo della Breast Unit Tommaso Pellegrino e il dg Anna Iervolino: «L’eccellenza dei nostri percorsi diagnostico terapeutici porrà un freno alla migrazione sanitaria di medici e pazienti»
Tumore al seno, Lombardia prima in Italia a rimborsare test Oncotype: permette di capire se serve la chemioterapia
«Studio ha dimostrato che 50 pazienti su 400 hanno potuto evitare il trattamento che era stato invece indicato dai medici», sottolinea Alberto Zambelli, oncologo dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. È l'unico test genomico validato per la sua capacità di previsione sia dei probabili vantaggi della chemioterapia sia del rischio di recidiva del tumore alla mammella in stadio precoce
di Federica Bosco
Il Campus Biomedico Roma inaugura centro senologia in Palestina
Prima, per curare un tumore del seno o eseguire un controllo diagnostico dovevano andare all’estero. Ora, le donne palestinesi potranno farlo nella loro terra, grazie al primo e unico centro senologico multidisciplinare del proprio Paese, nell’ospedale di Beit Jala. Il centro è nato grazie alla collaborazione tra l’Ufficio di Gerusalemme dell’Aics (Agenzia italiana della cooperazione allo sviluppo), Elis […]
“Insieme contro il cancro”, la politica si unisce per i pazienti. Comaroli (Lega): «Al lavoro su accesso alle cure migliori e qualità della vita»
L’intergruppo parlamentare, presieduto dalla deputata della Lega, vede tra i suoi obiettivi quello di attuare un nuovo piano oncologico e di incentivare gli screening molecolari: «Non ci deve essere colore politico di fronte a questa malattia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 giugno, sono 179.164.193 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.882.531 i decessi. Ad oggi, oltre 2,68 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM