Salute 22 Aprile 2021 09:40

Giornata della salute della donna, a Milano c’è un ospedale tutto al femminile

L’ospedale Macedonio Melloni è dedicato alla salute della donna. Realizzato sul modello di Boston, offre percorsi di cura dall’adolescenza alla senescenza. Marisa Errico (direttore medico): «La donna viene presa in carico da un’equipe che la seguirà in un percorso di cura a 360 gradi»

di Federica Bosco

Nella giornata della salute della donna, all’ospedale Macedonio Melloni di Milano, primo e unico presidio ospedaliero italiano dedicato esclusivamente al pianeta femminile, si lavora a ritmi sostenuti per offrire servizi dall’adolescenza fino alla senescenza. Un primato che l’Ospedale vanta da diciotto mesi senza mai rallentare, neppure durante la pandemia da Covid, come spiega il direttore medico Marisa Errico: «Non abbiamo mai smesso di occuparci della salute delle donne perché il nostro è sempre stato un ospedale Covid free. Alla ripartenza poi il lavoro si è intensificato. Ad esempio, il percorso dedicato alla menopausa è stato preso letteralmente d’assalto e il nostro centralino è esploso».

Ospedale Macedonio Melloni, un lavoro d’equipe per la cura a 360 gradi

La parola d’ordine è ascolto, e una donna che sceglie di rivolgersi al Macedonio Melloni viene seguita in un percorso di cura a 360 gradi che coinvolge diversi professionisti.

«La donna prenota la visita ed entra in un percorso dedicato – spiega il direttore medico -. Il giorno che arriva all’ambulatorio vengono prese in esame tutte le problematiche della paziente, non solo di tipo ginecologico, ma anche internistiche, dell’umore, nutrizionali. A quel punto è la stessa responsabile del percorso che si fa carico di organizzare tutte le visite necessarie alla paziente, che termineranno con un consulto finale. In questo modo le donne non si sentono mai a disagio, perché qui vengono accolte, comprese e indirizzate nel percorso migliore».

20 ambulatori per la salute della donna

Sono 20 oggi gli ambulatori dedicati alle donne: dalla fertilità all’urologia, fino al centro di procreazione medico assistita e a quello psicologico. Percorsi di eccellenza che il dottor Michele Vignali, direttore del reparto di ginecologia e ostetricia, ci illustra: «Abbiamo iniziato il progetto dell’ospedale in rosa con l’ambulatorio di menopausa e di fertilità. Strada facendo è cresciuto molto anche il percorso dedicato all’endometriosi e al dolore pelvico a cui si sono rivolte molte donne dopo lunghe sofferenze».

Centro della menopausa fiore all’occhiello

Il progetto, nato sul modello americano dell’ospedale di Boston, oggi ha nel centro della menopausa il fiore all’occhiello, per il quale viene offerto un servizio unico sul territorio nazionale. «Si tratta di un percorso consolidato che permette di trattare non solo i sintomi della donna in menopausa, ma anche tutto ciò di cui ha bisogno per poter migliorare il suo benessere – illustra la responsabile Lucia Calò -. Il che significa ricevere non solo una terapia, ma anche una serie di visite programmate con cardiologo, diabetologo, endocrinologo e sessuologo».

Attenzione ai sintomi

Saper ascoltare il proprio organismo è l’invito che Lucia Calò fa alle donne nella giornata dedicata alla loro salute: «Ci sono campanelli di allarme da non trascurare e tenere monitorati. Il sintomo più tipico è quello dell’amenorrea o oligomenorrea, ovvero l’alterazione dei mestrui che tipicamente si colloca nella fascia compresa tra i 45 e i 50 anni, però ci possono essere altre indicazioni, perché se una donna giovane tra i 35 e i 38 anni non ha le mestruazioni e ha delle vampate, vale la pena fare un passaggio dal medico».

«Diciamo che le irregolarità mestruali, associate o meno a sintomatologie un po’ particolari come vampate, sudorazioni, disagio personale, tono dell’umore depresso per motivi non legati a eventi di vita, sono campanelli di allarme che indicano la necessità di fare un consulto ginecologico ed endocrinologico legato alla menopausa. La prima visita ha una durata di 45 minuti perché lo scopo è dare spazio all’anamnesi della paziente, mentre i controlli successivi durano 30 minuti».

Un percorso dedicato a pazienti oncologiche

«Una corsia preferenziale è riservata alle pazienti oncologiche in terapia anti-estrogenica con sintomi legati alla menopausa indotta dai farmaci – sottolinea Lucia Calò -. Al riguardo c’è uno staff dedicato e vengono accolte in giorni e orari prestabiliti». Un lavoro che viene fatto in sinergia con il reparto di oncologia del Fatebenefratelli che insieme a Sacco, Buzzi e lo stesso Macedonio Melloni, fa parte del presidio ospedaliero ASST Fatebenefratelli Sacco.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
AAA cercansi pediatri a Milano: «20 mila bambini rischiano di restare scoperti»
L'appello di un pediatra di Gratosoglio ad ATS e Regione Lombardia: «Per coprire le zone più carenti necessari bandi straordinari»
di Federica Bosco
Dal 7 all’11 giugno a Milano il Convegno europeo ISPCAN
Oltre 70 Paesi e 400 contributi con l’obiettivo di promuovere un network internazionale capace di potenziare le strategie di contrasto al maltrattamento e alla violenza su bambine, bambini e adolescenti
Villa Marelli a Milano, modello di integrazione tra medicina ospedaliera e del territorio
Ribera (direttore Servizi territoriali ASST Niguarda): «Entro 72 ore siamo in grado fare la diagnosi e definire la cura del paziente Covid grazie alla collaborazione tra professionisti ospedalieri, medici di medicina generale e infermieri di comunità»
di Federica Bosco
Primi due treni Covid free sulla tratta Milano-Roma: come funziona il servizio di FS e CRI?
Partito lo scorso 16 aprile il treno Covid free ha già conquistato i viaggiatori. Liebschner (CRI): «Così si viaggia in sicurezza e si monitora la salute della popolazione»
di Federica Bosco
Inaugurato il primo drive through vaccinale d’Italia a Milano, poche ore prima della sospensione di AstraZeneca
300 somministrazioni nella prima giornata ad insegnanti e personale scolastico, ma poche ore dopo lo stop precauzionale di Aifa ad AstraZeneca ha fermato la macchina operativa messa a punto da Esercito e ASST Santi Paolo e Carlo
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano