Salute 2 Ottobre 2017

L’8% delle donne rifiuta la chemio per paura di perdere i capelli

In occasione della riunione annuale del Board Scientifico di dermatologi e oncologi “Il Corpo Ritrovato”, presentate nuove soluzioni all’alopecia

La paura di perdere i capelli a causa dei trattamenti oncologici porta l’8% delle donne a rifiutare le terapie o a sceglierne di meno efficaci. Per il 47% delle donne che ne soffrono, l’alopecia è l’aspetto più pesante della chemioterapia, con un impatto addirittura maggiore della mastectomia. La tossicità delle terapie oncologiche provocano infatti un’estrema varietà di sintomi fisici ma hanno anche manifestazioni ‘estetiche’ che preludono a gravi ripercussioni sulla vita sociale e di relazione, nonché sulla psiche dei pazienti.

«La chemioterapia, di norma, agisce distruggendo tutte le cellule, sia quelle cancerose che quelle sane»,  spiega la dottoressa Adele Sparavigna, Specialista in Dermatologia e Presidente dell’Istituto di ricerche dermatologiche Derming, in occasione della riunione annuale del Board Scientifico “Il Corpo Ritrovato” in corso a Roma. «Le cellule normali più sensibili all’azione tossica della chemio sono quelle in rapida crescita. Dal momento che le cellule responsabili della crescita dei capelli tendono a dividersi molto rapidamente per riprodursi, esse possono essere frequentemente uccise dalla chemioterapia, causando l’assottigliamento dei capelli e, molto spesso, la caduta totale dei capelli, ovvero l’alopecia da chemioterapia».

L’alopecia del cuoio capelluto insorge da 1 a 8 settimane dall’inizio della chemioterapia, compare nel 65% dei pazienti sottoposti a chemioterapia e di solito è reversibile: in generale i capelli ricrescono completamente entro poche settimane dalla conclusione del ciclo di terapia.

L’alopecia permanente invece è rara, ma occasionalmente è stata osservata dopo la somministrazione di alte dosi di ciclofosfamide, thiotepa e carboplatino (CTC), farmaci che vengono usati per tumori maligni ematologici e in associazione a trapianto di midollo.

Tra le soluzioni più avanzate all’alopecia c’è una alternativa non chirurgica esteticamente più naturale della classica parrucca: si tratta di un presidio medico personalizzato realizzato con una pelle di sintesi di circa 700 micron di spessore, modellata sul cranio del paziente e sulla quale vengono innestati da 150 a 400 capelli naturali per 2 centimetri. «Si chiama ‘epitesi del capillizio’ e permette un risultato molto confortevole ed esteticamente naturale: ondulazione, lunghezza, colore, calibro e verso del capello infatti sono uguali a quelli naturali del paziente. Il dispositivo viene adeso alla cute con appositi prodotti dermocompatibili e viene comunemente utilizzato per alopecia parziale o areata causata da terapie oncologiche o meno. La gestione dell’epitesi è molto semplice: viene rimossa ogni 3-4 settimane da personale specializzato e sottoposta a procedure di igienizzazione. L’intera operazione dura circa un’ora. Per il resto, il soggetto può fare sport, sudare, nuotare, fare lo shampoo ed andare dal parrucchiere in maniera del tutto naturale. I materiali utilizzati, resine e colle, sono materiali di qualità chirurgica e certificati, quindi caratterizzati da elevatissima tollerabilità, traspirabilità ed aspetto uguale a quello della cute normale», conclude la dottoressa Sparavigna.

Articoli correlati
Perdita di capelli a ciocche o chiazze completamente glabre? L’alopecia può essere colpa del Covid
L’esperto: «Il 30% di chi ha contratto il virus, a distanza di tre mesi, soffre di alopecia. Anche lo stress da pandemia può causare una perdita consistente di capelli. Necessario affrontare il problema prima che si trasformi in un forte disagio psicologico»
di Isabella Faggiano
Cancro alla mammella e parrucche: per guarire ci vuole anche testa
L'80% dei pazienti che si sottopongono a chemioterapia perde i capelli. Intervista alla dottoressa Lucia Mentuccia, oncologa presso l'Ospedale di Colleferro, su rimedi e soluzioni
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Calvizie femminile, AME: «Gli androgeni non sono sempre una “spia”»
In Italia ne soffrono 4 milioni di donne. Gli esperti di AME: «È meglio intervenire tempestivamente, quando il danno è ancora limitato»
Cancro al seno, i test genomici evitano chemioterapie inutili. Ma sono rimborsati solo da Lombardia e Alto Adige
Carlo Tondini (Direttore Oncologia Medica, Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo): «Nell’attuale crisi emergenziale, risparmiare una chemioterapia non essenziale con l’utilizzo dei test genomici protegge le pazienti affette da tumore al seno, più vulnerabili al rischio di Covid-19, e contribuisce al contenimento della pandemia»
I segni sulla pelle del Covid-19. Il dermatologo: «Tra i sintomi anche manifestazioni cutanee, dalle vescicole ai geloni»
Con il progetto “Skin Covid-19” si punta a realizzare un registro delle manifestazioni dermatologiche del virus per velocizzare le diagnosi. Marzano (Ospedale Maggiore Ca' Granda): «Li ho notati durante la mia malattia, potrebbero essere una spia anche precoce dell'infezione, soprattutto in soggetti pauci- e asintomatici»
di Gloria Frezza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...