Salute 3 aprile 2018

Tumori, Domenico Alvaro (Sige): «Nel 2030 quelli alle vie biliari supereranno colon e polmone»

«Serve una maggiore prevenzione, l’arma più efficace per sconfiggere questi nuovi nemici». L’appello del Professore di gastroenterologia dell’Università Sapienza di Roma e nuovo Presidente della Società Italiana di Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva

di Isabella Faggiano

«Nel 2030 i tumori del pancreas, delle vie biliari e del fegato supereranno per incidenza e prevalenza il cancro del colon retto e di altri tumori già molto diffusi, come quello del polmone». A lanciare l’allarme è Domenico Alvaro, Professore di gastroenterologia dell’Università Sapienza di Roma e nuovo Presidente della Società Italiana di Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva (Sige).

«Lo studio messo a punto negli Stati Uniti – ha sottolineato il Professore – non lascia spazio all’immaginazione. Le proiezioni degli scienziati parlano chiaro: serve una maggiore prevenzione, l’arma più efficace per sconfiggere questi nuovi nemici».

LEGGI ANCHE: TUMORI INFANTILI, NUMERI, CAUSE E CURE

Presidente Alvaro, tra i tumori che colpiscono l’apparato digerente, lei ne ha citati tre in particolare: pancreas, vie biliari e fegato. Perché fanno più paura degli altri?

«Sono tumori dalla prognosi infausta, perché diagnosticati, quasi sempre, in una fase troppo avanzata della malattia. L’incidenza di altri tumori dell’apparato digerente, come quello del colon e dello stomaco, grazie alle acquisizioni scientifiche degli ultimi anni e agli screening di prevenzione oggi a disposizione, tende a stabilizzarsi, se non addirittura a ridursi».

Ci sono dei campanelli di allarme, dei sintomi a cui prestare attenzione per sperare in una diagnosi precoce?

«Purtroppo la risposta è negativa. Spesso, i primi sintomi dei tumori al pancreas e alle vie biliari arrivano in una fase tardiva della malattia. La soluzione è la prevenzione. La diagnosi precoce è l’unica strategia possibile per arrivare ad una guarigione».

Quante possibilità ci sono di vincere una battaglia simile?

«Le percentuali di guarigione dipendono dal momento della diagnosi: più lo stadio della malattia è avanzato, più sarà difficile sconfiggere il cancro. Le variazioni, in termini percentuali, sono davvero notevoli. Le statistiche attuali dimostrano che per i tumori delle vie biliari la possibilità di guarigione, a cinque anni dall’esordio della malattia, non supera il 5-10%. Ma gli stessi dati ci mostrano anche quei casi, seppur rari, in cui grazie ad una diagnosi precoce, a cinque anni dalla malattia, 5-6 pazienti su 10 sono sopravvissuti. È su questi risultati che dobbiamo puntare. E non mi stancherò mai di ripeterlo: sarà possibile farlo solo quando anche per i tumori di pancreas, fegato e vie biliari saranno promossi screening di prevenzioni paragonabili a quelli oggi a disposizione per le altre forme di cancro».

LEGGI ANCHE: RICERCA SUL CANCRO, BERETTA (AIOM): «GLI STUDI HANNO BISOGNO DI ANNI, LA STAMPA DI NOTIZIE IMMEDIATE. ATTENZIONE A FALSE SPERANZE»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Due interventi, 13 anestesie e la chemioterapia: il piccolo Ascanio ce l’ha fatta. Curato all’Umberto I
Una storia a lieto fine di buona sanità. È quella di Ascanio, che oggi ha 10 anni e quando ne aveva solo due è stato colpito da un brutto male –  nefroblastoma di Wilms, un cancro raro – e ha dovuto affrontare 13 anestesie, 43 sedute di chemioterapia e due interventi chirurgici.  «Era il febbraio del 2011 – […]
SSN, Francesco De Lorenzo (FAVO): «Su cancro e grandi malattie non ci siano barriere. Stato intervenga con poteri sostitutivi per garantire Lea»
L’ex ministro della Sanità, oggi alla guida Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, lancia la sua proposta per rendere sostenibile il SSN: «Bisognerebbe cominciare a capire che è meglio evitare di far pagare i ticket ai malati di cancro per gli aspetti diagnostici piuttosto che pagare per chi ha un mal di testa o un mal di gola»
Oncologia, ecco come si può “vivere senza stomaco”. Claudia Santangelo: «Spesso lasciati soli dopo intervento. Servono nutrizionisti nelle strutture»
L’associazione che raccoglie i ‘gastrectomizzati’ conta 2300 aderenti. È nata nel 2013 dopo la nascita del gruppo Facebook. La presidente sottolinea: «Avere la possibilità di trovarsi duemila e trecento persone che in tempo reale ti dicono cosa puoi fare se ti si blocca il cibo, chiaramente senza sostituire il medico, rasserena e rassicura»
Oncologia, IFO sigla accordo con Centro Oncologico di San Pietroburgo
E’ stato appena siglato l’accordo tra IFO Regina Elena e il St. Petersburg Clinical Research and Practical Center for Specialized Types of Medical Care (Oncologic), per migliorare la qualità e la competitività della ricerca scientifica e della formazione professionale e sviluppare nuove strategie cliniche per il trattamento dei pazienti oncologici. La firma a conclusione di una riunione per approfondire le […]
Rivaroxaban, risultati positivi per la prevenzione di tromboembolismo venoso in pazienti oncologici
Bayer e il suo partner di sviluppo Janssen Research & Development, LLC hanno annunciato la presentazione dei risultati dello studio di Fase 3 CASSINI sull’impiego dell’anticoagulante orale rivaroxaban, per ridurre il rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti oncologici ambulatoriali ad alto rischio, in terapia sistemica oncologica. Nonostante l’endpoint primario composito di TEV e mortalità […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano