Salute 3 Aprile 2018 11:41

Tumori, Domenico Alvaro (Sige): «Nel 2030 quelli alle vie biliari supereranno colon e polmone»

«Serve una maggiore prevenzione, l’arma più efficace per sconfiggere questi nuovi nemici». L’appello del Professore di gastroenterologia dell’Università Sapienza di Roma e nuovo Presidente della Società Italiana di Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva

di Isabella Faggiano

«Nel 2030 i tumori del pancreas, delle vie biliari e del fegato supereranno per incidenza e prevalenza il cancro del colon retto e di altri tumori già molto diffusi, come quello del polmone». A lanciare l’allarme è Domenico Alvaro, Professore di gastroenterologia dell’Università Sapienza di Roma e nuovo Presidente della Società Italiana di Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva (Sige).

«Lo studio messo a punto negli Stati Uniti – ha sottolineato il Professore – non lascia spazio all’immaginazione. Le proiezioni degli scienziati parlano chiaro: serve una maggiore prevenzione, l’arma più efficace per sconfiggere questi nuovi nemici».

LEGGI ANCHE: TUMORI INFANTILI, NUMERI, CAUSE E CURE

Presidente Alvaro, tra i tumori che colpiscono l’apparato digerente, lei ne ha citati tre in particolare: pancreas, vie biliari e fegato. Perché fanno più paura degli altri?

«Sono tumori dalla prognosi infausta, perché diagnosticati, quasi sempre, in una fase troppo avanzata della malattia. L’incidenza di altri tumori dell’apparato digerente, come quello del colon e dello stomaco, grazie alle acquisizioni scientifiche degli ultimi anni e agli screening di prevenzione oggi a disposizione, tende a stabilizzarsi, se non addirittura a ridursi».

Ci sono dei campanelli di allarme, dei sintomi a cui prestare attenzione per sperare in una diagnosi precoce?

«Purtroppo la risposta è negativa. Spesso, i primi sintomi dei tumori al pancreas e alle vie biliari arrivano in una fase tardiva della malattia. La soluzione è la prevenzione. La diagnosi precoce è l’unica strategia possibile per arrivare ad una guarigione».

Quante possibilità ci sono di vincere una battaglia simile?

«Le percentuali di guarigione dipendono dal momento della diagnosi: più lo stadio della malattia è avanzato, più sarà difficile sconfiggere il cancro. Le variazioni, in termini percentuali, sono davvero notevoli. Le statistiche attuali dimostrano che per i tumori delle vie biliari la possibilità di guarigione, a cinque anni dall’esordio della malattia, non supera il 5-10%. Ma gli stessi dati ci mostrano anche quei casi, seppur rari, in cui grazie ad una diagnosi precoce, a cinque anni dalla malattia, 5-6 pazienti su 10 sono sopravvissuti. È su questi risultati che dobbiamo puntare. E non mi stancherò mai di ripeterlo: sarà possibile farlo solo quando anche per i tumori di pancreas, fegato e vie biliari saranno promossi screening di prevenzioni paragonabili a quelli oggi a disposizione per le altre forme di cancro».

LEGGI ANCHE: RICERCA SUL CANCRO, BERETTA (AIOM): «GLI STUDI HANNO BISOGNO DI ANNI, LA STAMPA DI NOTIZIE IMMEDIATE. ATTENZIONE A FALSE SPERANZE»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Johnson & Johnson in oncologia: 35 nuove richieste di autorizzazione di farmaci entro il 2030
In un quadro di massima allerta per quanto riguarda la diffusione mondiale del cancro, Johnson & Johnson illustra la sua attività di ricerca in oncologia. Entro il 2030 la big pharma USA prevede di presentare 35 nuove richieste di autorizzazione per farmaci e terapie oncologiche
Celiachia: aumenta la stima dei casi, 600mila. Dal Sige nuove linee guida su diagnosi e terapia
La dieta senza glutine resta la terapia da seguire per i pazienti affetti da celiachia. Alla diagnosi, alla terapia e al follow-up della malattia e della dermatite erpetiforme, la Società Italiana di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva (Sige), in collaborazione con altre società scientifiche, ha dedicato un documento contenente le Linee guida nazionali, presentato questa mattina nella Sala Caduti di Nassirya del Senato
di V.A.
Fondazione AIRC: con Le Arance della Salute, una mobilitazione collettiva contro il cancro
L’anno di Fondazione AIRC inizia con una nuova campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi che invita ad agire concretamente per fare la differenza, per se stessi e per gli altri, attraverso l’adozione di sane abitudini e il sostegno alla ricerca
Tumori del sangue, creato algoritmo che potrebbe migliorare diagnosi e cure
I ricercatori di Genomics England, dell'Università di Trieste e del Great Ormond Street Hospital for Children dell’NHS Foundation Trust hanno sviluppato un nuovo algoritmo per rendere più accurata l'analisi del sequenziamento completo del genoma, effettuato con tecniche di Whole Genome Sequencing (WGS) in pazienti con tumori del sangue
di V.A.
Tumori: test genomici sottoutilizzati e gravi disparità regionali, 14 punti per ridefinire gli standard
Una ricerca condotta da Cipomo con il contributo di Cergas SDA Bocconi, ha rilevato gravi disparita regionali in Italia nell'accesso e nell'organizzazione dell'oncologia di precisione
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...