Salute 3 Aprile 2018

Tumori, Domenico Alvaro (Sige): «Nel 2030 quelli alle vie biliari supereranno colon e polmone»

«Serve una maggiore prevenzione, l’arma più efficace per sconfiggere questi nuovi nemici». L’appello del Professore di gastroenterologia dell’Università Sapienza di Roma e nuovo Presidente della Società Italiana di Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva

di Isabella Faggiano

«Nel 2030 i tumori del pancreas, delle vie biliari e del fegato supereranno per incidenza e prevalenza il cancro del colon retto e di altri tumori già molto diffusi, come quello del polmone». A lanciare l’allarme è Domenico Alvaro, Professore di gastroenterologia dell’Università Sapienza di Roma e nuovo Presidente della Società Italiana di Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva (Sige).

«Lo studio messo a punto negli Stati Uniti – ha sottolineato il Professore – non lascia spazio all’immaginazione. Le proiezioni degli scienziati parlano chiaro: serve una maggiore prevenzione, l’arma più efficace per sconfiggere questi nuovi nemici».

LEGGI ANCHE: TUMORI INFANTILI, NUMERI, CAUSE E CURE

Presidente Alvaro, tra i tumori che colpiscono l’apparato digerente, lei ne ha citati tre in particolare: pancreas, vie biliari e fegato. Perché fanno più paura degli altri?

«Sono tumori dalla prognosi infausta, perché diagnosticati, quasi sempre, in una fase troppo avanzata della malattia. L’incidenza di altri tumori dell’apparato digerente, come quello del colon e dello stomaco, grazie alle acquisizioni scientifiche degli ultimi anni e agli screening di prevenzione oggi a disposizione, tende a stabilizzarsi, se non addirittura a ridursi».

Ci sono dei campanelli di allarme, dei sintomi a cui prestare attenzione per sperare in una diagnosi precoce?

«Purtroppo la risposta è negativa. Spesso, i primi sintomi dei tumori al pancreas e alle vie biliari arrivano in una fase tardiva della malattia. La soluzione è la prevenzione. La diagnosi precoce è l’unica strategia possibile per arrivare ad una guarigione».

Quante possibilità ci sono di vincere una battaglia simile?

«Le percentuali di guarigione dipendono dal momento della diagnosi: più lo stadio della malattia è avanzato, più sarà difficile sconfiggere il cancro. Le variazioni, in termini percentuali, sono davvero notevoli. Le statistiche attuali dimostrano che per i tumori delle vie biliari la possibilità di guarigione, a cinque anni dall’esordio della malattia, non supera il 5-10%. Ma gli stessi dati ci mostrano anche quei casi, seppur rari, in cui grazie ad una diagnosi precoce, a cinque anni dalla malattia, 5-6 pazienti su 10 sono sopravvissuti. È su questi risultati che dobbiamo puntare. E non mi stancherò mai di ripeterlo: sarà possibile farlo solo quando anche per i tumori di pancreas, fegato e vie biliari saranno promossi screening di prevenzioni paragonabili a quelli oggi a disposizione per le altre forme di cancro».

LEGGI ANCHE: RICERCA SUL CANCRO, BERETTA (AIOM): «GLI STUDI HANNO BISOGNO DI ANNI, LA STAMPA DI NOTIZIE IMMEDIATE. ATTENZIONE A FALSE SPERANZE»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
«Ritirare il rapporto ISTISAN su cellulari e tumori», l’appello dell’Associazione Medici per l’Ambiente
L'Associazione Italiana Medici per l'Ambiente - ISDE Italia ha esaminato in dettaglio il rapporto ISTISAN, pubblicato dall'Istituto Superiore di Sanità, evidenziandone limiti e inadeguatezze e non condivide le conclusioni né la metodologia adottata nell'elaborazione del documento
Tumori del sangue, AIFA approva la rimborsabilità della prima terapia CAR-T
La nuova terapia potrà essere prescritta e utilizzata, presso i centri specialistici selezionati dalle Regioni, per pazienti adulti con linfoma diffuso a grandi cellule B (DLBCL) resistenti alle altre terapie o nei quali la malattia sia ricomparsa dopo una risposta ai trattamenti standard, e per pazienti fino a 25 anni di età con leucemia linfoblastica acuta (LLA) a cellule B
Utilizzare il cellulare non aumenta il rischio di tumori: i risultati del Rapporto ISS
L'uso del cellulare non risulta associato all’incidenza di neoplasie nelle aree più esposte alle radiofrequenze. A dirlo, il Rapporto ISTISAN 'Esposizione a radiofrequenze e tumori: sintesi delle evidenze scientifiche' pubblicato sul sito dell’Istituto Superiore di Sanità
Oncologia, INSIDE: il macchinario che monitora in tempo reale la radioterapia
CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica, insieme all’INFN, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, all’Università di Pisa, alla Sapienza Università di Roma e al Museo Storico della Fisica e Centro Studi e Ricerche “Enrico Fermi”, ha avviato la sperimentazione di un sistema di imaging in grado di ‘fotografare’ i fasci di protoni e ioni carbonio utilizzati […]
Anoressia, Sinuc: «La perdita di appetito accomuna frequentemente malattie acute, croniche e oncologiche
Una “mancanza di appetito patologica che non è rifiuto consapevole del cibo ma la perdita del senso di fame e del desiderio di mangiare con un persistente senso di pienezza” è la definizione della 17ma edizione dal prestigioso testo Principles of Internal Medicine di Harrison’s. La malnutrizione calorico proteica (MCP) è una condizione che caratterizza […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone