Salute 18 Maggio 2021 17:18

Reithera: la Corte dei Conti blocca i fondi per il vaccino italiano. Figliuolo: «A giugno avremo CureVac»

Con il mancato via libera da parte della Corte dei Conti, il vaccino made in Italy resta senza fondi per la fase 3 e rischia di non vedere mai la luce

Reithera: la Corte dei Conti blocca i fondi per il vaccino italiano. Figliuolo: «A giugno avremo CureVac»

Reithera, il vaccino tutto italiano contro Covid-19, ha subìto un’improvvisa e brusca battuta d’arresto. Il No della Corte dei Conti ai finanziamenti è stato un fulmine a ciel sereno per tutti. Sorpresa l’azienda bio-tecnologica di Castel Romano, Reithera, che ha sviluppato il siero GRAd-COV2. Delusi i ricercatori che con i loro gruppi hanno partecipato agli studi di valutazione, venticinque team in tutta Italia. Preoccupati e disorientati i mille volontari che lo hanno testato con due dosi nella seconda fase di sperimentazione e che motivano lo stop con la mancata efficacia del vaccino.

La sperimentazione si ferma

In seguito ai promettenti risultati della Fase 1 e in attesa di quelli della Fase 2 che si avvia alla conclusione, la sperimentazione è ora allo stallo. Per il terzo e ultimo stadio, che prevede il reclutamento di 10mila volontari, sono necessari i fondi per adesso bloccati.

Lo stop della Corte dei Conti

Ma cosa è successo? La Corte dei Conti, in una nota, ha comunicato di non aver registrato il decreto per la produzione del vaccino italiano. Le motivazioni saranno rese note entro trenta giorni. Stiamo parlando di 81 milioni di fondi pubblici (41 a fondo perduto e 40 sotto forma di prestito) stabiliti dall’accordo del 17 febbraio tra Mise, Invitalia e Reithera. La Biotech di Castel Romano ha ricevuto 13 milioni degli 89 milioni totali promessi. La Regione Lazio ha stanziato 5 milioni, il Cnr 3 milioni, l’azienda 12 milioni per l’ampliamento dello stabilimento.

Reithera: «Cerchiamo finanziamenti alternativi per Fase 3»

E se i finanziamenti dello Stato non arrivano? L’azienda rompe il silenzio con una mail inviata da Roberto Camerini, direttore medico di ReiThera, ai centri che hanno partecipato finora allo studio. «Per lo svolgimento della Fase 3 di sperimentazione del vaccino anti-Covid, in mancanza di intervento da parte del Governo, Reithera cercherà fonti di finanziamento alternative». Il direttore chiede di tranquillizzare i volontari e ringrazia tutti coloro che «in questi giorni stanno testimoniando la loro esperienza positiva sui media, contribuendo a fare un po’ più di chiarezza sulla realtà del progetto».

«Reithera continua a credere nel progetto»

Camerini ci tiene a fare chiarezza: l’obbligo di fermarsi è dovuto a motivi tecnici e non alla mancata sicurezza ed efficacia del vaccino. «La notizia della decisione della Corte dei Conti di bloccare i finanziamenti già decisi dal Governo per un vizio di forma del contratto di sviluppo – precisa – non avrà alcun impatto sul regolare proseguimento e svolgimento della Fase 2. Il pronunciamento della Corte – sottolinea – non riguarda la bontà del progetto o del vaccino, ma aspetti tecnico-giuridici legati al contratto di finanziamento. ReiThera continua, come prima e più di prima, con determinazione ed impegno a credere nel progetto» assicura l’azienda.

Figliuolo: «A fine giugno avremo il vaccino CureVac. Reithera è di medio-lungo termine»

Anche il commissario straordinario all’emergenza Covid, Francesco Paolo Figliuolo, in visita all’hub vaccinale di Firenze, è intervenuto sulla vicenda, facendo alcune precisazioni. «Reithera sta aspettando lo Scientific Advise dell’Ema, che è una conditio sine qua non per andare in terza fase. È importantissimo avere capacità strategica e autonoma di produrre vaccini – ammette – però ai fini della campagna vaccinale, considerando che abbiamo quattro vaccini disponibili e a fine giugno avremo anche CureVac, chiaramente ci mette abbastanza al sicuro per le somministrazioni. Mentre il vaccino Reithera è di medio-lungo termine, – specifica – e in questo momento è molto attenzionato dal ministero dello Sviluppo economico».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Herpes zoster: l’efficacia del vaccino diminuisce nel tempo
Uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha valutato l'efficacia del vaccino vivo contro l'herpes zoster, che è risultata massima per i primi 12 mesi dalla vaccinazione ed è diminuita in modo sostanziale nel tempo
Covid: efficacia del vaccino sottovalutata, studio rivela «falla» in trial clinici
L'efficacia del vaccino anti-Covid potrebbe esser stata sottovalutata. A fare luce su una nuova «falla» è stato uno studio condotto da un team di scienziati del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell’Università di Salerno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...