Salute 12 Febbraio 2021 09:26

Covid-19, tutto sul vaccino made in Italy ReiThera – Spallanzani

Il vaccino Spallanzani-Reithera Grad-Cov-2 raccoglie i frutti della sperimentazione. La Fase 2 partirà a breve e vedrà arruolati 900 volontari: si punta ad averlo già a settembre

Covid-19, tutto sul vaccino made in Italy ReiThera – Spallanzani

Nonostante i ritardi nella fornitura delle dosi stia complicando non poco la realizzazione del piano vaccinale elaborato dalla Regione, il Lazio ha superato le 250mila dosi somministrate. Per questo, il vaccino anti Covid-19 tutto italiano sviluppato da ReiThera, azienda bio-tecnologica alle porte di Roma in collaborazione con lo Spallanzani, potrebbe rivelarsi la scommessa vincente.

Ad oggi, il GrAd-CoV-2 di ReiThera ha completato la Fase 1 grazie ad un finanziamento della Regione Lazio e prosegue la sua corsa verso la Fase 2 e 3 della sperimentazione. L’azienda romana sta sviluppando il vaccino in collaborazione con un consorzio paneuropeo per consentirne la produzione su larga scala – tra giugno e settembre – e una volta arrivata l’autorizzazione da parte dell’Ema, garantirne una formulazione stabile per la rapida distribuzione in tutto il mondo.

Il GrAd-CoV-2 di ReiThera si basa su un adenovirus di un gorilla

Il GrAd-CoV-2 di ReiThera non si basa su una tecnologia a mRNA come Pfizer e Moderna ma è un vettore adenovirale derivato dal gorilla modificato in modo tale da non replicarsi nell’organismo e risultando così innocuo per l’uomo. Questo vettore contiene l’informazione genetica per produrre la proteina spike (S) del SARS-CoV-2, il “gancio” che il coronavirus usa per infettare le cellule.

L’azienda di Castel Romano, con prove precliniche e cliniche, ha dimostrato che la tecnologia vaccinale impiegata è sicura e induce solide risposte cellulari e umorali. Il simian adenovirus (GRAd) di ReiThera appartiene infatti agli adenovirus di tipo C, considerati tra i più potenti “carrier” di vaccini. Ha una bassa sieroprevalenza nell’uomo rispetto ad altri adenovirus simian e adenovirus umani, e una potenza immunologica già testata in modelli animali, comparabile e/o superiore ad altri potenti adenovirus, tra cui anche l’Ad5 al momento utilizzato da un’azienda cinese per un vaccino contro il Covid-19.

È sicuro e genera un’efficace risposta immunitaria. I risultati della Fase 1 sono incoraggianti

La Fase 1 della sperimentazione è partita ad agosto 2020, quando sono stati raccolti i dati preliminari sulla sicurezza e l’immunogenicità del vaccino sull’uomo. A novembre sono stati resi noti i primi risultati di efficacia, più che promettenti, e a gennaio è terminata la Fase 1. I risultati hanno dimostrato non solo che il vaccino Reithera è stato ben tollerato, ha generato anticorpi e si è legato alla proteina spike del virus, ma anche che i linfociti T hanno reagito positivamente a tutte le dosi testate.

vaccino Reithera

Ora si passa allo stadio successivo. Vaccino pronto a settembre?

La sperimentazione proseguirà ora con la Fase 2 e 3, che consentiranno di indagare in modo più avanzato le risposte al vaccino da parte dei soggetti.  Verranno coinvolti, infatti, migliaia se non decine di migliaia di volontari. La Fase 2 dovrebbe partire a breve: si svolgerà principalmente in ospedali e strutture italiane e si stima di coinvolgere 900 soggetti. Nella Fase 3 la sperimentazione potrebbe allargarsi su base internazionale e verrà inserito anche un gruppo placebo di controllo. L’obiettivo è avere i primi risultati della fase intermedia in tarda primavera; la speranza, ottenere il via libera da parte dell’Ema entro settembre.

Il vantaggio della dose singola

L’azienda bio-tecnologica romana comunica che un’unica somministrazione di vaccino è stata efficace nell’indurre una potente risposta immunitaria a livello umorale e cellulare contro l’antigene codificato: questa caratteristica renderebbe il vaccino adatto in caso di focolai epidemici. I lotti di vaccino rimangono stabili almeno per 5 anni a -80°C ma l’azienda sta lavorando a una nuova formulazione con un partner europeo, finalizzata a garantirne la stabilità per un lungo periodo a +4°C.

Il GrAd-CoV-2 di ReiThera

Dieci milioni di dosi al mese è l’obiettivo di ReiThera

La produzione del primo lotto di vaccino per lo sviluppo e la sperimentazione clinica è stata completata. L’obiettivo aziendale è ambizioso: con investimenti in infrastrutture, l’ampliamento dello stabilimento di Castel Romano e l’estensione del sito di produzione, si punta a produrre fino a 100 milioni di dosi all’anno, circa 10 milioni ogni mese.

La sfida delle varianti

ReiThera si sta concentrando sullo sviluppo del vaccino GRAd-COV-2, che è in grado di produrre diversi anticorpi oltre alla risposta T. In seguito alla mutazione del virus, alcuni degli anticorpi indotti potrebbero sì essere incapaci di riconoscere il virus mutato, ma altri ne avrebbero ancora la capacità. Nel caso in cui la mutazione del virus fosse tale da rendere inefficace il vaccino, ReiThera potrebbe produrne a stretto giro uno basato sulla sequenza della variante.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata mondiale malattie rare, Bartoli (Omar): «Inserire malati rari nelle liste di priorità del piano vaccinale»
La direttrice di Omar, nell’intervista a Sanità Informazione, richiama l’attenzione anche sui caregiver: «Dove non si può proteggere il paziente bisogna tutelare le persone vicine e a stretto contatto»
Report Gimbe: i casi cominciano a incrementare, mentre rallentano le somministrazioni di vaccino
La Fondazione Gimbe avverte: è iniziato l'atteso incremento di nuovi casi di Covid-19. In crescita del 20% in 41 province in cui sono state prese misure ad hoc e istituite zone rosse. La variante inglese avanza, mentre i vaccini ritardano. Le dosi del primo trimestre non sono ancora arrivate tutte e le regioni procedono a velocità troppo diverse
Sugli operatori sanitari il vaccino funziona: i contagi scendono e l’immunità sfiora il 100%
I contagi tra gli operatori sanitari si sono più che dimezzati in meno di un mese. Il vaccino Pfizer rende immuni e la campagna sta funzionando. In ospedale vicini alla totalità dei vaccinati. In un'indagine Fadoi le motivazioni dei professionisti: il 65% si è vaccinato per i propri pazienti
Snami Lazio: «Sì alla campagna vaccinale anti-Covid ma tutele per i medici vaccinatori»
Il sindacato autonomo dei medici Snami ha aderito alla Campagna vaccinale anti-COVID-19 organizzata nella Regione Lazio, ma ha chiesto di tenere conto di alcune precisazioni nell’elaborazione del Dispositivo Regionale attutativo (DCA). «Lo SNAMI Lazio – si legge in un comunicato – dopo il Comitato regionale per la Medicina generale svoltosi in data 12/2 u.s., ha […]
Covid, Senior Italia FederAnziani: «Da inizio anno quasi 20mila morti»
Il Presidente Messina: «Chiediamo cambio di passo su campagna vaccinale per arrivare a immunità di gregge e salvare migliaia di vite dei nostri anziani»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Professioni Sanitarie

Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo

Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli...
di Isabella Faggiano