Salute 29 Gennaio 2021 17:33

Ema dice sì al vaccino Oxford/Astrazeneca dai 18 anni in su

Arriva l’approvazione dell’Ema per il vaccino Oxford/AstraZeneca. Il prodotto si basa su un vettore virale ed è efficace al 100% sulle forme gravi di Covid-19. Sì anche alla somministrazione agli over 55. Mancano i dati sulle varianti

Ema dice sì al vaccino Oxford/Astrazeneca dai 18 anni in su

Arriva il sì dell’Agenzia europea del farmaco al vaccino Oxford/AstraZeneca. Ema «ha raccomandato l’autorizzazione condizionata alla commercializzazione nell’Ue del vaccino, per le persone a partire dai 18 anni. Si tratta del terzo prodotto raccomandato dall’ente. Il comitato tecnico Chmp «ha valutato accuratamente i dati sulla qualità, sicurezza ed efficacia del vaccino e si è espressa favorevolmente».

«Abbiamo ulteriormente ampliato l’arsenale di vaccini a disposizione degli Stati membri dell’Ue e dello Spazio economico europeo per combattere la pandemia e proteggere i loro cittadini», ha affermato Emer Cooke, direttore esecutivo dell’Ema.

Il vaccino Oxford/AstraZeneca è sviluppato con la tecnica del vettore virale e ha un’efficacia del 60% annullando i sintomi più gravi al 1oo%. Funziona con il 95% dei pazienti sottoposti all’iniezione e prevede due dosi come i prodotti di Pfizer e Moderna. Il vantaggio principale del vaccino inglese è che non ha bisogno di temperature troppo basse per essere conservato. I frigoriferi normali sono sufficienti e il costo è relativamente più basso rispetto agli altri.

Vaccino Oxford/Astrazeneca, è indicato per gli anziani?

Mancano i dati sulla fascia più anziana (over 55) di partecipanti al trial. «Tuttavia – sottolinea Ema – è prevista la protezione dato che una risposta immunitaria è stata osserva in questa fascia di età anche sulla base dell’esperienza con altri vaccini».

«Poiché esistono informazioni affidabili sulla sicurezza del vaccino in questa popolazione – infatti – i nostri esperti hanno ritenuto che il vaccino possa essere utilizzato negli anziani. Si attendono maggiori informazioni dagli studi in corso che includono una percentuale maggiore di partecipanti over 55».

È efficace sulle varianti?

Anche sulle varianti non c’è ancora materiale sufficiente per avere una certezza. Ema ha quindi richiesto un’ulteriore investigazione all’azienda, nella speranza di risposte nel più breve tempo possibile. «Il lavoro non finisce qui – ha chiarito Cooke – ci sarà un monitoraggio stretto sulla sicurezza e l’efficacia e stiamo monitorando strettamente le varianti di coronavirus e se e come incidono sulla protezione offerta dai vaccini».

Speranza: «Notizia incoraggiante»

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha celebrato questo nuovo ok, che dovrebbe a stretto giro essere seguito da quello dell’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco. «È una notizia incoraggiante – ha detto -. La battaglia contro il virus è ancora complessa, ma avere a disposizione un altro vaccino efficace e sicuro ci dà più forza nella campagna di vaccinazione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccini, Speranza alla Camera: «Il 28 maggio l’Ema darà il via libera a Pfizer per la fascia 12-15 anni»
«La vaccinazione riservata alle fasce più giovani è altamente strategica ed essenziale soprattutto in vista della ripresa dell'anno scolastico»
Ema su J&J: «Vaccino sicuro, trombosi molto rare nel foglietto illustrativo»
L'Agenzia europea del farmaco si è pronunciata sul vaccino Johnson&Johnson: i benefici superano i rischi anche in questo caso. Le trombosi estremamente rare sono molto simili a quelle rilevate con AstraZeneca, la causa forse nella risposta immunitaria. Aifa dice sì per gli over 60
Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»
Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco
AstraZeneca, il verdetto dell’Ema: «Trombosi raro effetto collaterale ma benefici superano i rischi»
«Le evidenze scientifiche al momento disponibili non consentono di individuare specifici fattori di rischio né di raccomandare strategie per limitare la possibilità di trombosi». Ora gli Stati decideranno se modificare le loro strategie vaccinali
L’Ema ha deciso su AstraZeneca. Cosa succede ora?
«Il vaccino non è associato ad un aumento del rischio complessivo di eventi tromboembolici e coaguli di sangue». Domani pomeriggio in Italia riprendono le somministrazioni di AstraZeneca. Rasi (Consulcesi): «Ora fidiamoci della scienza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM