Mondo 25 Gennaio 2021 13:30

Ritardi, iniziative legali e l’equivoco “dose” e “fiala” tra Ue e Pfizer

Perché Pfizer sta consegnando meno vaccini del previsto? Che risvolti avrà questo ritardo sul piano vaccinale italiano? Conte: «Le notizie che arrivano sono preoccupanti». Ma il viceministro alla Salute Sileri è ottimista

Ritardi, iniziative legali e l’equivoco “dose” e “fiala” tra Ue e Pfizer

Dovrebbero partire oggi le iniziative legali annunciate dal Commissario straordinario all’emergenza Arcuri contro Pfizer (diffida per inadempimento, esposto per potenziale danno alla salute e richiesta a Bruxelles per inadempimenti), a causa della riduzione di dosi di vaccino consegnate all’Unione europea nelle ultime settimane. Un problema che, dunque, non riguarda solo l’Italia ma che ha rallentato la somministrazione delle dosi prevista dal piano vaccinale approvato dal Parlamento italiano e ratificato in Conferenza Stato-Regioni.

«Un rallentamento che – ha spiegato il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri, a Radio 24 –, se dovesse estendersi per più di due o tre settimane», potrebbe provocare seri problemi «in termini di continuità vaccinale, soprattutto per le seconde dosi». Lo stesso Sileri, però, si è detto fiducioso del fatto che «il problema nelle prossime ore sarà completamente superato», considerato che «la stessa Pfizer ha dichiarato che già dal primo di febbraio si tornerà a normalità e poi vi sarà anche un recupero delle dosi mancanti». Data confermata anche da Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità.

Pfizer-Biontech: «Numero di dosi significativamente maggiore nel secondo trimestre»

Eppure proprio Pfizer e Biontech, in una nota congiunta, avevano garantito che le consegne nell’Unione europea sarebbero tornate «regolari come da programma a partire dalla settimana del 25 gennaio, con un aumento a partire dalla settimana del 15 febbraio». La data in cui si sarebbe tornati alla normalità è dunque slittata di una settimana, nelle dichiarazioni ufficiali dei due colossi farmaceutici, che comunque si dicono sicuri di riuscire a «consegnare le quantità di dosi di vaccino previste per il primo trimestre e un quantitativo nettamente superiore nel secondo trimestre».

Il motivo di questo ritardo sarebbe da rintracciare in un piano «che consentirà l’aumento della capacità produttiva in Europa e fornirà un numero significativamente maggiore di dosi nel secondo trimestre». Per raggiungere questo obiettivo, spiegano Pfizer e Biontech, «si è reso necessario apportare subito alcune modifiche ai processi di produzione. Di conseguenza, il nostro stabilimento di Puurs, in Belgio, ha subito una temporanea riduzione del numero di dosi recapitate».

Fiale o dosi? L’equivoco nel contratto tra Pfizer e Ue

Secondo il contratto (rivelato dal Corriere della Sera) che impegna il colosso farmaceutico a fornire determinati quantitativi di vaccino ai Paesi membri dell’Unione europea, l’accordo sulle forniture riguarda solo le dosi e non le fiale. La differenza non è di poco conto, considerato che ad inizio gennaio l’Ema, l’Agenzia europea del farmaco, ha autorizzato l’utilizzo di sei dosi del vaccino per ogni fiala (prima ne erano cinque). Ciò significa che a Pfizer non dovrebbe essere possibile contestare la violazione del contratto se, a fronte di una diminuzione di fiale, mantiene costante il numero di dosi distribuite.

Galli (Sacco): «Mezzo mondo sta offrendo di più»

Un’interpretazione diversa della vicenda la dà Massimo Galli, primario infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano e docente all’università Statale del capoluogo lombardo, intervenuto ad ‘Agorà’ su Rai3: per quanto riguarda le forniture di vaccini, ricorda, «è anche una questione di mercato. L’Unione europea ha avuto garanzie di avere una grande quantità di vaccino a determinate condizioni. Adesso c’è mezzo mondo, anche parte del mondo emergente, che probabilmente sta offrendo di più, come fanno presupporre le indiscrezioni giornalistiche».

Più in generale, ha aggiunto l’infettivologo, «ci si poteva aspettare che gli impianti delle grandi aziende farmaceutiche potessero non essere in grado di rispondere con la velocità voluta. Forse poteva essere pensata prima qualche soluzione per moltiplicare impianti e poter produrre vaccini anche altrove. Ma tutto è accaduto in tempo molto breve e queste cose non sono state fatte», ha concluso.

Conte: «Le notizie che ci arrivano dalle aziende produttrici dei vaccini sono preoccupanti»

«Le ultime notizie che ci arrivano dalle aziende produttrici dei vaccini anti-Covid sono preoccupanti. Dapprima Pfizer-Biontech ha comunicato un rallentamento della distribuzione ai Paesi europei delle dosi di vaccino già programmate e questo sta penalizzando proprio i Paesi che, come l’Italia, stanno correndo più velocemente: le Regioni italiane sono costrette a rallentare le nuove somministrazioni per assicurare il richiamo alle persone già vaccinate. Ma ancora più preoccupanti sono le notizie» diffuse da AstraZeneca, il cui vaccino è «in attesa di essere presto distribuito anche nell’Unione Europea. Se fosse confermata la riduzione del 60% delle dosi che verranno distribuite nel primo trimestre significherebbe che in Italia verrebbero consegnate 3,4 milioni di dosi anziché 8 milioni».

Così il Premier Giuseppe Conte in un lungo e rabbioso post pubblicato sulla sua pagina Facebook. «Questi rallentamenti delle consegne – continua Conte – costituiscono gravi violazioni contrattuali, che producono danni enormi all’Italia e agli altri Paesi europei, con ricadute dirette sulla vita e la salute dei cittadini e sul nostro tessuto economico-sociale già fortemente provato da un anno di pandemia».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Medici perplessi sui casi Covid-19 che ritornano dopo la terapia antivirale
I medici vogliono maggiori informazioni su Paxlovid, dopo che sono stati riportati alcuni casi di ricadute in seguito al trattamento antivirale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 maggio, sono 524.050.910 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.273.518 i decessi. Ad oggi, oltre 11,43 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...