Salute 20 Gennaio 2021 12:03

Ritardi vaccini Pfizer, Rasi: «Sono marginali, ma ci saranno altri incidenti. Serve flessibilità»

L’ex direttore esecutivo dell’Agenzia Europea del Farmaco interviene sulla scelta di ritardare la somministrazione della seconda dose: «Se non si tengono conto dei risultati delle sperimentazioni, abbiamo solo perso tempo». E sui decessi in Norvegia: «Le autorità ci devono alcune risposte»

Ritardi vaccini Pfizer, Rasi: «Sono marginali, ma ci saranno altri incidenti. Serve flessibilità»

Per una campagna vaccinale di così vaste dimensioni come quella in corso contro il Covid-19 serve «flessibilità», perché «dobbiamo mettere in conto incidenti di varia natura» come quelli che hanno portato all’ennesimo ritardo nelle consegne dei vaccini della Pfizer. Ritardi che «non spostano una campagna vaccinale».

Guido Rasi, ex direttore esecutivo dell’Agenzia Europea del Farmaco, interviene ai microfoni di Sanità Informazione sul taglio di 165 mila dosi di vaccini annunciato dalla farmaceutica americana lo scorso venerdì e sullo slittamento della distribuzione delle dosi previste per lunedì scorso. Ritardi e disguidi che, come evidenziato anche dall’Ema, sono dovuti all’aumento della produzione che l’azienda sta cercando di portare a regime.

Ritardi vaccini Pfizer, Rasi: «Alcune variabili potrebbero imporre stop e aggiustamenti alla campagna»

«Il ritardo è dovuto ad un adeguamento della capacità produttiva che era stato annunciato dalla ditta stessa – spiega Rasi -. È un ritardo marginale di una settimana e di un numero di dosi che non sposta una campagna vaccinale. Ma dobbiamo aspettarci incidenti di produzione, nella consegna, nello stoccaggio dei vaccini. Ecco perché le campagne devono essere disegnate con elementi di flessibilità. Dobbiamo anche tenere in considerazione altre variabili legate alle possibili mutazioni del virus che potrebbero imporci campagne più articolate con degli stop e degli aggiustamenti».

Intanto però governo e Regioni hanno annunciato azioni legali contro la Pfizer, mentre il direttore generale dell’Aifa Nicola Magrini, «molto preoccupato» per la situazione, ha voluto evidenziare che si tratta di «un piccolo rallentamento».

«No a campagne vaccinali basate sulla somministrazione della seconda dose in ritardo»

Rasi invece si dice «sorpreso» per la scelta di alcuni Paesi, Gran Bretagna in testa, di rimandare la somministrazione della seconda dose di vaccino per consentire ad una platea più ampia di ricevere la prima: «Si chiede una sperimentazione rigorosa di un vaccino e questa viene fatta con un protocollo rigoroso e poi si prendono decisioni politiche che non tengono conto dei risultati ottenuti. In poche parole, significa che abbiamo perso tempo con la sperimentazione».

Ma niente allarmismi: il vaccino Pfizer richiede 21 giorni di intervallo tra la prima e la seconda dose; quello di Moderna ne prevede 28. Nello studio clinico, l’Ema ha però evidenziato che i soggetti cui la seconda dose era stata somministrata al 42esimo giorno dalla prima dose non hanno subito particolari conseguenze né a livello di efficacia né di sicurezza.

«Quindi – chiosa Rasi – diciamo che gli intervalli di 21 e 28 giorni vanno rispettati e le campagne vaccinali vanno pianificate in questo senso. Poi, se per motivi contingenti si deve arrivare a 42 giorni, riteniamo che si possa essere tranquilli. Ma secondo me è sbagliato basare l’intera campagna vaccinale sul ritardo della somministrazione della seconda dose, perché su questo non abbiamo studi sui grandi numeri».

Decessi in Norvegia dopo il vaccino, Rasi: «Ci aspettiamo alcune risposte»

Terza questione emersa in merito ai vaccini anti-Covid in questi giorni è relativa ai 29 decessi verificatisi in Norvegia a seguito della vaccinazione: «Non abbiamo risposte ma abbiamo chiare le domande che andrebbero fatte – il commento dell’ex direttore EMA -. È un segnale il fatto che i decessi si siano verificati nella stessa area geografica. Sarebbe utile capire, quindi, da una parte com’è stato conservato e congelato il lotto in questione e in che modo è stato somministrato il vaccino; e dall’altra sapere se queste persone avessero caratteristiche comuni che potrebbero indicare categorie da non vaccinare».

«Ad esempio – continua Rasi –, sappiamo che un soggetto avesse una polmonite in atto al momento del vaccino, ma tutte le mamme sanno che non si porta un bambino a vaccinare se ha la febbre. Quindi – conclude – credo che le autorità norvegesi ci debbano parecchie risposte».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Senior Italia FederAnziani: «Boom di calo dell’aderenza alla terapia negli anziani»
Messina: «Occorrono nuove forme di supporto per migliorare la presa in carico del paziente e l’aderenza terapeutica, sfruttando le potenzialità delle nuove tecnologie»
Variante Delta, quanto proteggono i vaccini? Il caso Uk
Quella che fino a poco tempo fa chiamavamo “variante indiana” è molto più contagiosa e pericolosa di quella inglese. I vaccini attualmente disponibili offrono una protezione adeguata?
Fisioterapisti e Covid, i numeri dello studio AIFI: uno su sette positivo durante la prima ondata
La ricercatrice Silvia Gianola, prima autrice dello studio pubblicato su 'Physical Therapy': «Picco di prevalenza più alto nel mese di marzo quando uno su tre dei fisioterapisti che avevano fatto il tampone risultavano positivi»
Sospensione AstraZeneca, Cisl Medici Lazio: «Doverosa, ma è ora di riflettere sul da farsi»
Con nota protocollo U0517817 del 11.06.2021 la Direzione Regionale Salute e Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio ha sospeso la somministrazione del vaccino Vaxevria, comunemente noto come Astra-Zeneca «in attesa degli imminenti pronunciamenti delle istituzioni e degli Enti Regolatori competenti circa possibile limitazioni di uso». «La Cisl Medici Lazio plaude alla iniziativa – si legge nella nota – peraltro […]
«Perché si è deciso di somministrare AstraZeneca solo agli over 60. Mix di vaccini? Potrebbe funzionare anche meglio»
Dai parametri EMA sui rischi-benefici dei vaccini all'analisi della situazione epidemiologica italiana, il professor Guido Rasi, già direttore esecutivo dell'Ema e consulente del commissario Figliuolo, spiega i motivi alla base del cambiamento della strategia vaccinale
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 giugno, sono 176.647.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.822.827 i decessi. Ad oggi, oltre 2,4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...