Salute 12 Gennaio 2021 07:00

Vaccino Moderna, come viene conservato e somministrato

Conservazione e somministrazione del vaccino a base di mRna targato Moderna. Tra -25°C e -15° C per massimo 7 mesi e la distanza tra le due dosi

Vaccino Moderna, come viene conservato e somministrato

Il vaccino prodotto da Moderna è arrivato in Italia. Le prime 47mila dosi sono entrate all’Istituto Superiore di Sanità di Roma, dove saranno poi ripartite alle singole regioni. «Sarà data priorità a quelle con maggior numero di abitanti sopra gli 80 anni», si legge nel comunicato diffuso da Iss. La Società italiana di farmacia ospedaliera (Sifo) e la Società italiana dei farmacisti preparatori (Sifap) hanno pubblicato alcune informazioni sul siero Moderna. Elaborate sulla base della letteratura e del riassunto delle caratteristiche del prodotto autorizzato da Ema.

Modalità di conservazione del vaccino Moderna

Il vaccino Moderna arriva presso i centri autorizzati in scatole contenenti 10 fiale, e ogni fiala multi-dose contiene 10 dosi da 0,5 ml. Le fiale devono essere trasportate e conservate «a una temperatura compresa tra -25°C e -15° C per un massimo di 7 mesi. In base alla scadenza riportata sul farmaco. Non devono inoltre essere conservare in ghiaccio secco o a temperature inferiori a -40°c. Dopo lo scongelamento, il vaccino può essere conservato tra 2°C e 8°C per 30 giorni».

Procedimento di somministrazione

I soggetti «che hanno ricevuto una dose del vaccino devono riceverne una seconda dose per completare la serie di vaccinazioni», e «potrebbero non essere protetti fino ad almeno 14 giorni dopo la loro seconda dose di vaccino». Per assicurarne la tracciabilità, ogni somministrazione deve registrare «nome del paziente, denominazione del medicinale, numero di lotto del farmaco somministrato».

«Per quanto riguarda la corretta gestione dei quantitativi disponibili – sottolinea Marcello Pani, segretario nazionale Sifo – ricordiamo che la Società scientifica dei farmacisti ospedalieri ha appena predisposto una utility, l’algoritmo Alarm Sifo, un calcolatore che sarà messo a disposizione di tutti i colleghi, che permette di ottimizzare le scorte del vaccino in funzione delle somministrazioni delle prime dosi e dei successivi richiami. L’algoritmo, già dalla settimana scorsa in uso in alcune strutture pilota, consente di pianificare la gestione dei soggetti che devono essere vaccinati (prima dose e richiamo) in funzione della gestione logistica del vaccino, con particolare riferimento alle consegne previste dal commissario straordinario per ogni Hub»

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terza dose di vaccino, chi deve farla e perché? È sicura? Le risposte dell’Aifa
Da lunedì 20 settembre la somministrazione della terza dose di vaccino è diventata realtà. L’Agenzia italiana del Farmaco risponde alle domande più comuni
Midollo, nuovi donatori in (lieve) aumento ma sono ancora pochi: +12,1% nei primi 8 mesi del 2021
Cresce il numero di iscritti al Registro IBMDR rispetto al 2020 ma prima della pandemia erano 10mila in più. Fino a sabato oltre 100 appuntamenti negli ospedali e nelle piazze con i volontari delle associazioni dei donatori per la settimana di sensibilizzazione “Match it now”
TSRM, Galdieri: «Tecnici di radiologia siano inseriti nelle équipe delle Case di Comunità»
La presidente della CdA nazionale dei TSRM Carmela Galdieri ricorda il periodo più difficile della pandemia: «Esperienza che porterò nella mia pratica professionale per tutta la vita». Poi promuove l’idea di creare un Direttore Asistenziale: «È una grande opportunità a favore della necessaria riorganizzazione del servizio sanitario»
di Francesco Torre
Terza dose da oggi in Italia, ma gli esperti sono divisi: «Dati ancora non chiari»
Per ora la platea interessata è formata da circa 3 milioni di immunocompromessi ma si discute sulla possibilità di estenderla a tutta la popolazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco