Salute 12 Gennaio 2021 07:00

Vaccino Moderna, come viene conservato e somministrato

Conservazione e somministrazione del vaccino a base di mRna targato Moderna. Tra -25°C e -15° C per massimo 7 mesi e la distanza tra le due dosi

Vaccino Moderna, come viene conservato e somministrato

Il vaccino prodotto da Moderna è arrivato in Italia. Le prime 47mila dosi sono entrate all’Istituto Superiore di Sanità di Roma, dove saranno poi ripartite alle singole regioni. «Sarà data priorità a quelle con maggior numero di abitanti sopra gli 80 anni», si legge nel comunicato diffuso da Iss. La Società italiana di farmacia ospedaliera (Sifo) e la Società italiana dei farmacisti preparatori (Sifap) hanno pubblicato alcune informazioni sul siero Moderna. Elaborate sulla base della letteratura e del riassunto delle caratteristiche del prodotto autorizzato da Ema.

Modalità di conservazione del vaccino Moderna

Il vaccino Moderna arriva presso i centri autorizzati in scatole contenenti 10 fiale, e ogni fiala multi-dose contiene 10 dosi da 0,5 ml. Le fiale devono essere trasportate e conservate «a una temperatura compresa tra -25°C e -15° C per un massimo di 7 mesi. In base alla scadenza riportata sul farmaco. Non devono inoltre essere conservare in ghiaccio secco o a temperature inferiori a -40°c. Dopo lo scongelamento, il vaccino può essere conservato tra 2°C e 8°C per 30 giorni».

Procedimento di somministrazione

I soggetti «che hanno ricevuto una dose del vaccino devono riceverne una seconda dose per completare la serie di vaccinazioni», e «potrebbero non essere protetti fino ad almeno 14 giorni dopo la loro seconda dose di vaccino». Per assicurarne la tracciabilità, ogni somministrazione deve registrare «nome del paziente, denominazione del medicinale, numero di lotto del farmaco somministrato».

«Per quanto riguarda la corretta gestione dei quantitativi disponibili – sottolinea Marcello Pani, segretario nazionale Sifo – ricordiamo che la Società scientifica dei farmacisti ospedalieri ha appena predisposto una utility, l’algoritmo Alarm Sifo, un calcolatore che sarà messo a disposizione di tutti i colleghi, che permette di ottimizzare le scorte del vaccino in funzione delle somministrazioni delle prime dosi e dei successivi richiami. L’algoritmo, già dalla settimana scorsa in uso in alcune strutture pilota, consente di pianificare la gestione dei soggetti che devono essere vaccinati (prima dose e richiamo) in funzione della gestione logistica del vaccino, con particolare riferimento alle consegne previste dal commissario straordinario per ogni Hub»

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccino Covid-19, Chimici e Fisici a Speranza: «Ci inserisca tra le categorie prioritarie da vaccinare»
«Nessun professionista sanitario deve essere escluso dalla lista delle categorie prioritarie da vaccinare» sottolinea la Presidente della FNCF, Nausicaa Orlandi
In Gran Bretagna contagi fuori controllo, cambia il piano vaccinale
Un cardiologo italiano racconta: «Variante più contagiosa, ora si predilige vaccinare il maggior numero di persone con la prima dose, ritardando la seconda. Ci vorranno almeno due o tre mesi per vedere un vero effetto del vaccino»
di Federica Bosco
Incubo terza ondata, i numeri tornano a salire in tutto il mondo
Risalgono i contagi in tutto il mondo, gli esperti temono la terza ondata. Al primo posto gli Stati Uniti con 3 milioni di nuovi casi in 15 giorni, segue il Regno Unito vittima della variante inglese. Italia ottava con tasso di mortalità ancora alto. In Cina si torna a morire per Covid
L’OMS lancia un’indagine in 26 Paesi europei per valutare le conseguenze del Covid sulla psiche
De Girolamo (IRCCS Fatebenefratelli): «Questionario online per 10000 cittadini tra i 18 e i 70 anni per conoscere ripercussione che avrà il virus su sfera economica, percezione della malattia attraverso l’informazione e ruolo del vaccino»
di Federica Bosco
All’ospedale San Paolo di Milano supereroi per i piccoli pazienti
Il primario di Pediatria: «Necessario infondere ottimismo. Momenti come quello regalato dalla onlus Supereroi Acrobati sono fondamentali nel percorso di guarigione»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...