Salute 20 Gennaio 2021 14:00

Germania e Italia, strategie vaccinali diverse. Con le stesse dosi si possono salvare più vite?

Mentre l’Italia ha deciso di immunizzare prima di tutto il personale sanitario, la Germania ha optato per la priorità alle Rsa salvando la vita a circa 30mila persone

di Peter D'Angelo
Germania e Italia, strategie vaccinali diverse. Con le stesse dosi si possono salvare più vite?

I vaccini anti-Covid disponibili sono molto limitati, Pfizer ha ulteriormente ridotto le dosi destinate all’Italia. La stima dell’ISPI (Istituto di Analisi Geopolitiche), elaborata da Matteo Villa del Centro per la governance europea e globale, è che con oltre 1 milione di vaccinazioni attuali abbiamo salvato circa 10mila vite (proiezione statistica su dati Ministero Salute rispetto alla percentuale di decessi attesi su popolazione).

Nelle Rsa in Italia sono state vaccinate circa 105mila persone. Mentre la Germania, seppure abbia vaccinato meno persone totali, ne ha immunizzate molte di più nelle Rsa: circa 350mila vaccinati, circa 30mila persone “salvate”. Certo, sono proiezioni comparate su strategie vaccinali molto diverse. Silvio Garattini, presidente dell’Istituto Farmacologico “Mario Negri”, ci tiene a precisare che «la priorità per gli operatori sanitari dipende dal fatto che, se si ammalano, non solo hanno più possibilità di contagiare gli altri, ma non possono curare gli ammalati».

La strategia quindi è molto diversa secondo Garattini, perché in Italia si è scelto di preservare la continuità delle prestazioni sanitarie. Di questa avviso anche Carlo Perno, direttore Microbiologia clinica dell’ospedale Bambino Gesù di Roma. «Quanti servizi e reparti avremmo dovuto chiudere senza vaccinare gli operatori sanitari, con conseguente riduzione dei servizi sanitari essenziali?».

Vaccinare “chi rischia di più”

Va sottolineato che lo squilibrio nelle classi d’età vaccinate è un problema. Finché non vaccineremo “tanto” e “soprattutto” chi rischia di più, il vaccino avrà un’utilità limitata. Statisticamente l’evoluzione della malattia è limitato nelle fasce d’eta più giovani (sanitari o meno), e i presidi Dpi utilizzati nelle strutture sanitarie dovrebbero contenere eventuali focolai. Ma, tra i 30 e 39 anno sono stati vaccinati il 2,2% della popolazione, mentre dagli 80 agli 89 anni solo l’1% a fronte di una letalità Covid del 7,3% in questa fascia d’età, contro lo 0,05% per i 30-39enni.

Resta il fatto che in Italia circa il 10% del totale dei vaccinati è nelle Rsa, ma soprattutto meno di un terzo degli ospiti. «La Germania sul breve termine può contare su molte più dosi per un accordo effettuato prima dell’Ue e per una nuova sede di produzione del vaccino a Marburgo», ci ricorda Garattini. Questo potrebbe aumentare ancora di più la differenza con il nostro paese. Certo è che a prescindere dalla disponibilità effettiva le priorità sono importanti. Al 18 gennaio, il Molise aveva vaccinato il 100% degli ospiti delle Rsa, mentre la Lombardia era ancora al 21%, la logistica è uguale per entrambe le regioni, le scelte sono diverse.

Per ora non vaccinare i guariti

Con il nuovo taglio di dosi Pfizer per l’Italia, si deve valutare con rigore chi vaccinare prima e chi dopo. In Italia ci sono circa 2 milioni di guariti Covid (Bollettino Ministero Salute). Secondo molti specialisti e immunologi, come Alberto Mantovani: «Chi è guarito deve dare priorità ad altri». Dello stesso parere anche Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dello Spallanzani: «Chi ha avuto Covid non deve vaccinarsi in questa fase». Anche Massimo Galli, direttore Infettivologia del Sacco, è dello stesso avviso. La comunità scientifica però è spaccata. Garattini ad esempio ha sottolineato a SanitàInformazione, come questa sia «una possibile opzione, ma non sappiamo quanti guariti hanno sviluppato adeguate risposte immunitarie».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
G20 Salute, approvato Patto di Roma. Impegno di tutti per vaccini ai Paesi più poveri
Il progetto COVAX non sta funzionando, o meglio non corre quanto il virus nella gara che il mondo intero affronta da oltre un anno
Pfizer testa un farmaco antivirale da somministrare ai primi segni di Covid-19
Si tratta di un inibitore della proteasi, è il farmaco su cui Pfizer sta conducendo trial clinici: se dovesse funzionare verrebbe colmato il vuoto di un antivirale per curare Covid ai primi sintomi per pazienti senza rischio di aggravamento
Record 5 miliardi di vaccini, ma nel mondo la distribuzione è iniqua
Il mondo ha stabilito un record: 5 miliardi di dosi di vaccino anti-Covid somministrate in soli nove mesi. Ma mentre in Portogallo l'81% della popolazione è completamente protetto e si parla già di terza dose, in Africa il record è dell'1,34%
Vaccino Pfizer, lo studio: «Efficacia cala nell’arco di 6 mesi»
Su questo trend poggiano le ulteriori valutazioni avviate dall'azienda, che ha aperto il dibattito sull'opportunità della terza dose di vaccino
Variante Delta, OMS: «Nessun calo significativo della protezione dei vaccini da esiti gravi»
L’Organizzazione Mondiale della Sanità ricorda che è «già previsto che si verifichi una quota di casi anche fra vaccinati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre, sono 231.857.764 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.748.539 i decessi. Ad oggi, oltre 6,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità, Ferruzzi (Cisl): «Pugno di ferro su adeguamento salariale e revisione classificazione personale»

Tavolo tecnico convocato per il 21 settembre 2021. Dopo due incontri estivi si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati
di Isabella Faggiano