Salute 5 Gennaio 2021 12:34

Vaccino ReiThera, terminata la Fase 1: «Risultati più che promettenti, protezione da SARS-CoV-2 con una sola dose»

Il vaccino GRAd-COV2 ha terminato la fase 1 di sperimentazione e i risultati giustificano il prosieguo del suo sviluppo. Ippolito: «Nessun risultato avverso nei primi 28 giorni». Arcuri: «Governo entrerà in capitale ReiThera per fase 2 e 3»

Vaccino ReiThera, terminata la Fase 1: «Risultati più che promettenti, protezione da SARS-CoV-2 con una sola dose»

Il vaccino ReiThera (chiamato GRAd-COV2) ha terminato la fase 1 di sperimentazione e i risultati (presentati questa mattina in una conferenza stampa all’Istituto Lazzaro Spallanzani di Roma) sembrano positivi. Lo conferma Franco Locatelli, Presidente del Consiglio Superiore di Sanità: «I risultati della fase 1 sono più che promettenti e per questo si va avanti con lo sviluppo del vaccino, ovvero con le fasi 2 e 3».

Ippolito (Spallanzani): «Nessun evento avverso nei primi 28 giorni dal vaccino»

Il “vaccino italiano”, sviluppato dall’azienda ReiThera di Pomezia e sperimentato all’Inmi Spallanzani di Roma, ha infatti ottenuto risultati significativi se non addirittura migliori rispetto agli altri vaccini per il Covid-19: «Abbiamo iniziato la sperimentazione del vaccino il 24 agosto – ha spiegato il Prof. Giuseppe Ippolito, Direttore scientifico dello Spallanzani – e a 21 giorni non è stato osservato nessun evento avverso. Ci sono stati effetti indesiderati nel sito di iniezione, ma assolutamente rientrati senza la necessità di intervento medico e minori rispetto ai vaccini di Pfizer e Moderna. Il vaccino produce anticorpi neutralizzanti – spiega ancora Ippolito – rilevabili nel 92,5% delle persone vaccinate (ovvero 42 sul totale di 44 volontari) e usato in emergenza basta una sola dose».

Come funziona il vaccino GRAd-COV2?

Ma come funziona questo vaccino? Lo ha spiegato Antonella Folgori, presidente ReiThera: «Il virus SARS-CoV-2 è rivestito dalla proteina Spike, grazie alla quale entra nelle cellule umane. Il vaccino utilizza il materiale genetico (DNA) per dare istruzioni a produrre la proteina Spike tramite l’utilizzo di un vettore virale (un virus innocuo e incapace di replicarsi) chiamato Adenovirus. ReiThera utilizza un Adenovirus isolato da un gorilla. Dopo la vaccinazione le cellule muscolari funzionano come dei piccoli bioreattori e producono la proteina Spike. Il sistema immunitario la riconosce e si attiva producendo anticorpi e linfociti T. Gli anticorpi bloccano il virus, i linfociti T uccidono le cellule infettate».

Arcuri: «Governo entrerà in capitale ReiThera per Fase 2 e 3»

Raggiungere l’autosufficienza in materia di vaccini e costruire una capacità di ricerca e sviluppo migliori di quelle pre-emergenza Covid. Sono queste le due possibilità più importanti che si aprono con il vaccino ReiThera secondo il Commissario straordinario all’emergenza, Domenico Arcuri: «Per questo il Governo ha destinato una quantità di risorse sufficiente per continuare la sperimentazione ed entrerà nel capitale di ReiThera per finanziare sia la Fase 2 che la Fase 3. In cambio di questo sostegno vogliamo raggiungere due obiettivi: lasciare al nostro Paese una capacità di ricerca e sviluppo che prima non c’era e avere la possibilità di acquisire dosi di vaccino in misura stabile, crescente e che vanno oltre le quantità relative alla prima urgenza che stiamo vivendo e governando con l’Ue attraverso gli acquisti centralizzati».

Speranza: «Incoraggianti primi risultati ReiThera»

«Sono incoraggianti i primi risultati del vaccino sviluppato da ReiThera e sperimentato all’Istituto Spallanzani. Se si confermeranno i dati ottenuti finora avremo nei prossimi mesi un vaccino efficace e sicuro con una sola dose invece che con due dosi. Sarà prodotto interamente nel nostro Paese. È importante continuare ad investire sulla ricerca italiana e sulle sue eccellenze scientifiche». Così il Ministro della Salute, Roberto Speranza, alla presentazione dei risultati del vaccino ReiThera.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, 131 mila contagi sul lavoro denunciati all’Inail nel 2020. Infermieri, OSS e medici i più colpiti
Il report mensile elaborato dall’Inail rileva, al 31 dicembre, un aumento di quasi 27mila casi rispetto alla fine di novembre (+25,7%). Un quarto dei decessi nel settore della sanità e assistenza sociale
Covid-19, il Comitato terapie domiciliari: «Richieste di aiuto moltiplicate nella seconda ondata»
Dal gruppo Facebook #Terapiadomiciliarecovid19, creato all’inizio della pandemia per far dialogare i medici dei territori sulle terapie anti Covid, è stato costituito un comitato presieduto dall’avvocato Erich Grimaldi
«Affrontare la pandemia: sciogliere i nodi vaccini, scuola, lavoro»
di On. Dott.ssa Fabiola Bologna, Segretario Commissione Affari Sociali e Sanità, Popolo Protagonista
di On. Fabiola Bologna, Segretario Commissione Affari Sociali e Sanità
Covid e animali domestici, nessun rischio da gatti e cani. Lo studio
Dai dati raccolti dagli scienziati italiani si esclude che gli animali domestici abbiano un ruolo nella diffusione del contagio all'uomo: «La suscettibilità al nuovo coronavirus degli animali da compagnia dipende da uno stretto contatto con persone che sono risultate positive»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»