Salute 5 Gennaio 2021 12:34

Vaccino ReiThera, terminata la Fase 1: «Risultati più che promettenti, protezione da SARS-CoV-2 con una sola dose»

Il vaccino GRAd-COV2 ha terminato la fase 1 di sperimentazione e i risultati giustificano il prosieguo del suo sviluppo. Ippolito: «Nessun risultato avverso nei primi 28 giorni». Arcuri: «Governo entrerà in capitale ReiThera per fase 2 e 3»

Vaccino ReiThera, terminata la Fase 1: «Risultati più che promettenti, protezione da SARS-CoV-2 con una sola dose»

Il vaccino ReiThera (chiamato GRAd-COV2) ha terminato la fase 1 di sperimentazione e i risultati (presentati questa mattina in una conferenza stampa all’Istituto Lazzaro Spallanzani di Roma) sembrano positivi. Lo conferma Franco Locatelli, Presidente del Consiglio Superiore di Sanità: «I risultati della fase 1 sono più che promettenti e per questo si va avanti con lo sviluppo del vaccino, ovvero con le fasi 2 e 3».

Ippolito (Spallanzani): «Nessun evento avverso nei primi 28 giorni dal vaccino»

Il “vaccino italiano”, sviluppato dall’azienda ReiThera di Pomezia e sperimentato all’Inmi Spallanzani di Roma, ha infatti ottenuto risultati significativi se non addirittura migliori rispetto agli altri vaccini per il Covid-19: «Abbiamo iniziato la sperimentazione del vaccino il 24 agosto – ha spiegato il Prof. Giuseppe Ippolito, Direttore scientifico dello Spallanzani – e a 21 giorni non è stato osservato nessun evento avverso. Ci sono stati effetti indesiderati nel sito di iniezione, ma assolutamente rientrati senza la necessità di intervento medico e minori rispetto ai vaccini di Pfizer e Moderna. Il vaccino produce anticorpi neutralizzanti – spiega ancora Ippolito – rilevabili nel 92,5% delle persone vaccinate (ovvero 42 sul totale di 44 volontari) e usato in emergenza basta una sola dose».

Come funziona il vaccino GRAd-COV2?

Ma come funziona questo vaccino? Lo ha spiegato Antonella Folgori, presidente ReiThera: «Il virus SARS-CoV-2 è rivestito dalla proteina Spike, grazie alla quale entra nelle cellule umane. Il vaccino utilizza il materiale genetico (DNA) per dare istruzioni a produrre la proteina Spike tramite l’utilizzo di un vettore virale (un virus innocuo e incapace di replicarsi) chiamato Adenovirus. ReiThera utilizza un Adenovirus isolato da un gorilla. Dopo la vaccinazione le cellule muscolari funzionano come dei piccoli bioreattori e producono la proteina Spike. Il sistema immunitario la riconosce e si attiva producendo anticorpi e linfociti T. Gli anticorpi bloccano il virus, i linfociti T uccidono le cellule infettate».

Arcuri: «Governo entrerà in capitale ReiThera per Fase 2 e 3»

Raggiungere l’autosufficienza in materia di vaccini e costruire una capacità di ricerca e sviluppo migliori di quelle pre-emergenza Covid. Sono queste le due possibilità più importanti che si aprono con il vaccino ReiThera secondo il Commissario straordinario all’emergenza, Domenico Arcuri: «Per questo il Governo ha destinato una quantità di risorse sufficiente per continuare la sperimentazione ed entrerà nel capitale di ReiThera per finanziare sia la Fase 2 che la Fase 3. In cambio di questo sostegno vogliamo raggiungere due obiettivi: lasciare al nostro Paese una capacità di ricerca e sviluppo che prima non c’era e avere la possibilità di acquisire dosi di vaccino in misura stabile, crescente e che vanno oltre le quantità relative alla prima urgenza che stiamo vivendo e governando con l’Ue attraverso gli acquisti centralizzati».

Speranza: «Incoraggianti primi risultati ReiThera»

«Sono incoraggianti i primi risultati del vaccino sviluppato da ReiThera e sperimentato all’Istituto Spallanzani. Se si confermeranno i dati ottenuti finora avremo nei prossimi mesi un vaccino efficace e sicuro con una sola dose invece che con due dosi. Sarà prodotto interamente nel nostro Paese. È importante continuare ad investire sulla ricerca italiana e sulle sue eccellenze scientifiche». Così il Ministro della Salute, Roberto Speranza, alla presentazione dei risultati del vaccino ReiThera.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: efficacia del vaccino sottovalutata, studio rivela «falla» in trial clinici
L'efficacia del vaccino anti-Covid potrebbe esser stata sottovalutata. A fare luce su una nuova «falla» è stato uno studio condotto da un team di scienziati del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell’Università di Salerno
Covid: l’efficacia del vaccino dura meno se c’è carenza di vitamina D
Uno studio ha dimostrato che la carenza di vitamina D si associa ad una meno duratura risposta anticorpale alla vaccinazione anti Covid
Da EMA parere positivo a primo vaccino RSV per donne incinte e anziani
il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell'Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha dato parere positivo per l'approvazione del primo vaccino contro RSV per proteggere i bambini fino ai 6 mesi di vita e gli anziani over 60
Aviaria: negli Usa via a vaccinazione dei condor della California
Le autorità statunitensi hanno autorizzato la vaccinazione del condor della California (Gymnogyps californianus), gravemente minacciato, contro il virus dell'aviaria che si sta diffondendo a livello globale. È la prima volta che gli Stati Uniti approvano la somministrazione di un vaccino su un uccello con lo scopo di arginare la diffusione di questa influenza aviaria ad alta patogenicità
Virus respiratorio sinciziale (RSV): FDA raccomanda “vaccino” per tutti i neonati
Negli Stati Uniti più vicini all'approvazione di nirsevimab come primo strumento di immunizzazione specificamente progettato per proteggere tutti i neonati e bambini nella loro prima stagione di esposizione al virus respiratorio sinciziale (RSV). L’Antimicrobial Drugs Advisory Committee (AMDAC) della Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha infatti raccomandato l'anticorpo monoclonale per tutti i neonati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Diabete: nuove linee guida per il trattamento delle malattie cardiovascolari

Sono state pubblicate le nuove linee guida per le malattie cardiovascolari nelle persone con diabete. Molti i temi trattati: dalla stratificazione del rischio cardiovascolare allo screening fino alla ...
Salute

Gli alimenti ultra-processati danneggiano il cuore, +24% di rischio infarto

Due ampi studi presentati al congresso della Società europea di Cardiologia hanno dimostrato che il consumo di alimenti ultra-processati può aumentare il rischio di sviluppare problemi c...
Salute

Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita

Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.