Politica 5 Gennaio 2021 10:53

Restrizioni anti-Covid, slitta all’11 la riapertura delle superiori. I colori dei prossimi giorni

Il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto-legge contenente ulteriori disposizioni per contenere e gestire l’emergenza da Covid-19: tutta l’Italia sarà zona arancione nel prossimo weekend

Restrizioni anti-Covid, slitta all’11 la riapertura delle superiori. I colori dei prossimi giorni

Il Consiglio dei Ministri ha stabilito le misure da rispettare nei prossimi giorni. Riunitosi nella tarda serata di ieri, è stato deciso che tra il 7 e il 15 gennaio 2021 continua a valere il divieto di spostarsi tra regioni su tutto il territorio nazionale. Fanno eccezione come sempre le comprovate esigenze lavorative, le situazioni di necessità e i motivi di salute. È consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione ma restano proibiti gli spostamenti verso le seconde case in altra regione o provincia autonoma.

Italia arancione nel weekend

Nel weekend del 9 e 10 gennaio 2021, il testo prevede l’applicazione delle misure previste per la cosiddetta “zona arancione” su tutto il territorio nazionale: sono consentiti «gli spostamenti dai Comuni fino a 5.000 abitanti, entro 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia».

Gli spostamenti in zona rossa

Per quanto riguarda gli spostamenti all’interno della “zona rossa”, fino al 15 gennaio resta consentito spostarsi, una sola volta al giorno, in massimo due persone, verso una sola abitazione privata della propria regione. Alla coppia possono accompagnarsi i figli minori di 14 anni e i disabili conviventi.

Slitta all’11 gennaio la riapertura delle scuole superiori e al 50%

Il rientro a scuola per gli studenti delle scuole superiori è previsto, per il momento, per l’11 gennaio, situazione epidemiologica permettendo, e comunque al 50 per cento.

I vaccini anti Covid-19

Sui vaccini, il decreto-legge introduce specifiche procedure per i cittadini che non siano in condizione di poter esprimere un consenso libero e consapevole alla somministrazione del vaccino e per gli ospiti delle RSA o strutture analoghe privi di tutore, curatore o amministratore di sostegno.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Rapporto CREA Sanità, Spandonaro: «Dopo il Covid passare dalla resilienza alla flessibilità»
Presentato il 16mo Rapporto Sanità da CREA e Tor Vergata: «Pronti per la prossima pandemia? É come comprare gli spazzaneve a Roma». E sul Recovery Plan: «Sembra un piano di rifinanziamento più che un nuovo modello di SSN»
di Tommaso Caldarelli
Internet ai tempi della pandemia, un europeo su due ha cercato informazioni sulla salute
È stato anche registrato un +52% rispetto al 2019 di persone tra 16 e 74 anni che hanno effettuato telefonate o video chiamate attraverso il web
Vaccini anti-Covid-19 nelle farmacie, trovato l’accordo in Lombardia
La Regione Lombardia ha deliberato la partecipazione delle farmacie private alla campagna vaccinale anti Covid-19 e al completamento della campagna antinfluenzale 2020-2021
Ritardi, iniziative legali e l’equivoco “dose” e “fiala” tra Ue e Pfizer
Perché Pfizer sta consegnando meno vaccini del previsto? Che risvolti avrà questo ritardo sul piano vaccinale italiano? Conte: «Le notizie che arrivano sono preoccupanti». Ma il viceministro alla Salute Sileri è ottimista
Un terzo dosi vaccino a personale non sanitario. Sileri: «Se sono “imbucati” intervengano le autorità giudiziarie»
L’allarme è stato lanciato dal presidente Fnomceo Anelli: «Gli amministrativi hanno diritto ad essere vaccinati, ma se il programma vaccinale procede per valori di rischio, allora è inaccettabile che medici e operatori sanitari siano stati esclusi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 gennaio, sono 100.886.015 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.174.486 i decessi. Ad oggi, oltre 80,29 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...