Salute 20 Novembre 2020 13:46

Chi resta in zona rossa? La nuova ordinanza. Speranza: «Dati incoraggianti»

Quattro regioni restano in zona rossa, due in zona arancione. L’ordinanza di Speranza anticipa i dati di oggi. Sui vaccini si vede la luce in fondo al tunnel

Chi resta in zona rossa? La nuova ordinanza. Speranza: «Dati incoraggianti»

Ancora zona rossa per Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta, mentre Puglia e Sicilia rimangono in zona arancione. È arrivata la nuova ordinanza, firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza, in vigore da oggi e fino al 3 dicembre. «Ferma restando – si aggiunge nel comunicato – la possibilità di una nuova classificazione prevista dal Dpcm».

SPERANZA: «MISURE DIMOSTRANO DI FUNZIONARE»

Il ministro ha presenziato a un incontro organizzato dal Parlamento europeo, “Unione europea alla sfida del Covid-19“, e ha riferito sulla situazione nazionale. «Le misure nazionali volte a ridurre la circolazione del virus purtroppo in questa fase, in cui non abbiano ancora un vaccino sicuro e cure certe ed efficaci, sono inevitabili. È evidente che provocano sacrifici – ha aggiunto – ma, come mostrano anche i numeri degli ultimi giorni, le misure dimostrano di funzionare», ha detto.

«L’Italia sta provando – ha aggiunto – a mettere sotto controllo la curva non con un lockdown generalizzato, universale e uguale in tutti i territori, ma con un meccanismo che prova ad adattare le misure per tempi limitati al quadro epidemiologico di ciascun territorio. Vedremo nei prossimi giorni se, come auspichiamo, questo metodo ci offrirà una piegatura ulteriore della curva. Dati incoraggianti che ci consentiranno di mettere sotto controllo il contagio».

VACCINO NEL 2021, C’È SPERANZA

Sulla possibilità di un vaccino contro il virus entro il 2021, Speranza si è detto ottimista rispetto ai dati comunicati dalle varie realtà farmaceutiche. «Voglio avere un approccio prudente: passaggi formali dovranno compiersi. Noi abbiamo agenzie istituzionali, sul piano nazionale e europeo, che dovranno seguire con la massima cautela le procedure. Sia per i vaccini sia per le cure. Ma i dati che leggiamo nelle ultime settimane ci lasciano ben sperare», ha ribadito.

«Se, come tutti auspichiamo, i processi di validazione dovessero essere conclusi nelle prossime settimane, credo che potremo essere nelle condizioni già nella prima fase del 2021 di avere le prime dosi di vaccino e di poterle distribuire alla popolazione», in base a priorità in definizione. Il ministro fa l’eco alla comunicazione inviata dal commissario per l’emergenza Domenico Arcuri ai governatori di Regione, chiedendo un piano vaccini entro il 23 novembre.

«Dal mio punto di vista – ha concluso Speranza – in questo quadro i primi soggetti beneficiari saranno coloro che negli ospedali, nei presidi sanitari, ogni giorno sono in prima linea: il nostro personale sanitario. E poi naturalmente tutte le categorie più fragili: dalle Rsa, agli anziani, a tutte le persone con fragilità». Il vaccino, ha concluso il ministro, «è un bene pubblico universale e un diritto di tutti, non un privilegio di pochi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dalla farmacologia alla formazione, l’importanza della medicina di genere
Al Senato convegno organizzato dalla dem Paola Boldrini dal titolo “Idee in pratica: per una sanità attenta alle differenze di sesso e genere”. Brusaferro: «La pandemia ci ha mostrato come ci siano differenze significative tra uomo e donna in termini di salute e malattia». Speranza: «Spazio per investimento strategico»
Report Gimbe, casi e morti scendono ancora. L’85% degli over 60 ha ricevuto almeno una dose, ma ora preoccupa la vaccinazione eterologa
In discesa per la nona settimana consecutiva casi, ospedalizzazioni e decessi. La vaccinazione in Italia procede con 46 milioni di dosi consegnate. Per Fondazione Gimbe su AstraZeneca e la vaccinazione eterologa però, Ministero della Salute e Aifa devono produrre una nota congiunta
Cocktail vaccini, Cifaldi: «Pochi studi, avventate le dichiarazioni sulla sicurezza»
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
Mix vaccini, Scotti (FIMMG): «Inaccettabile vaghezza dell’AIFA». Anelli (FNOMCeO): «Medici e cittadini disorientati»
Il segretario della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale e il Presidente della Federazione degli Ordini criticano aspramente la scelta di procedere con la vaccinazione eterologa per gli under60 vaccinati con AstraZeneca
AstraZeneca solo agli over 60, per il richiamo dei più giovani si userà Pfizer o Moderna
Le nuove raccomandazioni del Cts saranno recepite dal governo in modo perentorio. Speranza: «Passano in zona bianca Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia e Provincia autonoma di Trento»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM