Salute 10 Novembre 2020 18:11

Covid-19, Brusaferro (Iss): «Rt cresce più lentamente, ma la curva sale ancora»

L’indice di trasmissione è ancora a 1,7, troppo alto per la soglia di sicurezza. Gli asintomatici al 50% dei nuovi casi ma in alcune regioni ospedali al collasso

Covid-19, Brusaferro (Iss): «Rt cresce più lentamente, ma la curva sale ancora»

«La maggior parte dei casi si contagia in Italia. L’età mediana, purtroppo, è in leggera crescita e lentamente si avvicina ai 50 anni. E parallelamente la fascia over 70 comincia ad avere un numero crescente di casi» Il presidente dell’Istituto superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, inizia così il suo intervento alla conferenza stampa al ministero della Salute sull’analisi dei dati del monitoraggio regionale della cabina di regia.

«L’Rt sta crescendo più lentamente: a livello nazionale siamo a 1,7, con un intervallo di confidenza di 1,5. Questo ci dice che complessivamente il Paese è in uno scenario 3, ma anche che in tutto il Paese siamo a un Rt sopra 1 e in alcuni casi si sfiora il 2». Ci troviamo in una fase di mitigazione, ha aggiunto, e le misure adesso si rivelano essenziali.

«La quota degli asintomatici rimane costante un po’ sotto il 50-60%. La parte importante rimane senza sintomi, altri con sintomatologia lieve. Anche la parte dei pazienti critici e severi è minoritaria, ma comunque anche numeri contenuti sono in grado di impattare sui criteri delle terapie intensive», ha evidenziato Brusaferro.

TERAPIA INTENSIVA: REGIONI VICINE ALLA SOGLIA DI ALLARME

«Alcune Regioni stanno superando la soglia di allarme dell’occupazione dei posti in terapia intensiva», ha aggiunto. Brusaferro ha fatto riferimento alla valutazione di resilienza del sistema, «che mette in evidenza i tassi di occupazione dei posti letto in area medica e dei posti in terapia intensiva. Questo vuol dire che c’è una soglia, il 30%, che se viene superata è a discapito delle possibilità di ricovero per altre patologie e per interventi programmabili». C’è quindi una probabilità moto alta che le terapie intensive vadano a saturazione fra 30 giorni in diverse regioni. «In particolare, due Regioni hanno un tasso di occupazione dei posti letto al 1 novembre superiore al 30% e altre 2 al 29%», ha precisato poi il presidente del Consiglio superiore di sanità (Css), Franco Locatelli. Secondo i dati diffusi ieri dal ministero, si tratta di Umbria (40%), Lombardia (32%), Toscana (29%) e Val d’Aosta (29%).

«Abbiamo segnalato che l’Rt non cresce più tanto, ma un Rt a 1,7 vuol dire che la curva cresce, mentre l’obiettivo delle misure è vedere un Rt che scende, dopodiché scenderanno anche i casi. Dunque se da un lato è un segnale che gli effetti delle misure cominciano a farsi sentire, dall’altro non deve dare un falso senso di sicurezza. Un Rt a 1,7 vuol dire che la curva cresce, e le terapie intensive con lui. Il valore deve decrescere», ha concluso poi Brusaferro.

TEMA DISTRIBUZIONE VACCINO È GIÀ IN DISCUSSIONE

«Non si può che salutare con evidente apprezzamento e soprattutto con un’apertura ulteriore di spiraglio, rispetto a quella che sarà poi la disponibilità nel prossimo anno, l’informazione che uno dei vaccini che erano in fase 3 – in particolare uno basato sulla metodica innovativa dell’Rna virale – ha dato dei risultati particolarmente apprezzabili e incoraggianti», ha aggiunto Locatelli.

«Sul tema della distribuzione del vaccino – ha concluso – legato anche alla catena del freddo necessaria alla sua conservazione, voglio dire in modo molto chiaro che con il ministro della Salute, l’Aifa, l’Inmi Spallanzani, l’Iss si è già iniziato largamente a ragionare sulla problematica ed elaborare una strategia per affrontare compiutamente distribuzione e somministrazione del vaccino senza impatti negativi sulla catena di distribuzione, che ha bisogno di temperature particolarmente basse». È stato il chiarimento di Locatelli sulla questione vaccino.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Un italiano su 2 usa ausili, oltre il 75% li compra di tasca propria
Un italiano su due utilizza ausili. Secondo l'indagine rATA, gli occhiali sono gli ausili più utilizzati
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale